ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ristorante a Milano: interni blu oceano e arredi su misura per Pacifico

Tinte intense per l'interior decoration del nuovo locale di Brera affidato alla designer Marsica Fossati

Interni blu oceano e arredi su misura per Pacifico, il primo ristorante a Milano che propone i piatti del famoso chef peruviano Jaime Pesaque. Dopo aver aperto nove ristoranti nel mondo (di cui quattro a New York, Miami, Hong Kong e Oslo) lo chef ora conquista il pubblico italiano, sempre molto esigente quando si tratta di food.

L’incontro con i fratelli e imprenditori Leonardo e Jacopo Signani è avvenuto al momento giusto. Da tempo desideravano aprire un ristorante dedicato alla ricca tradizione sudamericana e quando hanno trovato il locale di Brera, con lo spazio adatto a un Pisco Bar, un ristorante e una lounge privata, la scelta di collaborare con lo chef peruviano è stata più che naturale.

La progettazione degli interni è stata interamente affidata all'interior designer Marsica Fossati. Classe 1987, con tante esperienze all’attivo, tra cui anche nel settore del contract per il gruppo Etro, è riuscita a creare un’atmosfera molto raffinata ed elegante, che ben si accompagna con la squisita presentazione dei piatti proposti nel menù.

«Ho avuto solo un’unica indicazione dai committenti» racconta Marsica Fossati «riassunta nel nome scelto per il ristorante: Pacifico. L’oceano come elemento di unione tra i vari paesi, e metafora per eccellenza del mondo marino». Questo spiega la scelta di una particolare sfumatura di blu intenso per tutte le pareti, intervallate da carte da parati di Hermès e Fornasetti, per i ripiani dei tavoli e i velluti che rivestono alcune poltrone, accostate a sgabelli con sedute più chiare e divani in pelle.

Salvo alcune sedie vintage, tutti gli arredi sono stati realizzati su misura, così come il grande lavandino di marmo e il motivo a onda della carta da parati della toilette. Lavorazione artigianale infine anche per tutte le lampade, realizzate dallo studio Servomuto, che creano una luce soffusa e pacata giocando con le infinite sfumature del blu oceano che caratterizza tutto il locale.

www.wearepacifico.it

SCOPRI ANCHE:

Cofoco Italy: un nuovo ristorante a Copenhagen
MaMa Kelly: ristorante in stile raw in una ex fabbrica di Den Haag
Un ristorante italiano a Tokyo


di Maria Chiara Antonini / 16 Novembre 2015

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o negozio di fiori?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web