ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un ristorante di design dallo stile bohémien a Rio De Janeiro

Casa Momus, un locale con cucina mediterranea dove il design si intreccia con elementi antichi e originali

Metti insieme tre amici italiani, cosmopoliti per lavoro, amanti del buon cibo e di quella speciale atmosfera che si respira solo a Rio de Janeiro. Quando decidono di aprire un locale, che possa essere il punto di ritrovo per loro e i loro amici, e allo stesso tempo un ristorante nel quale poter ritrovare i sapori tradizionali italiani, la scelta della città brasiliana viene spontanea.

Durante la fase di ricerca della location, l’attenzione cade su un antico palazzo portoghese, usato fino a quel momento come showroom di uno degli antiquari che animano la Rua do Lavradio. L’originale struttura architettonica è la giusta combinazione di antico charme e stile carioca, con ampi spazi, distribuiti su due piani, ideali per accogliere tante persone.

Non ci sono dubbi: è il posto ideale. Nasce così Casa Momus, un ristorante con cucina mediterranea e un’area lounge in stile bohémien, il cui nome si ispira al caffè parigino Momus citato nel secondo atto della Bohème di Puccini.

Filo conduttore per l’interior design di tutto il locale: accostare elementi antichi e originali con pezzi contemporanei di design. Così il pavimento al piano terra, composto da piastrelle che creano il tipico motivo geometrico tradizionale, viene mantenuto, mentre il vecchio parquet del primo piano è usato per creare i tavoli della sala da pranzo.

Alla grande libreria in legno, recuperata nella più antica vineria di Rio, che diventa il grande mobile della zona bar alle spalle del bancone, fa da contraltare stilistico lo scenografico lampadario creato da Jacopo Foggini. Le vecchie porte e finestre sono trasformate dai designer di Controprogetto in eleganti boiserie, piani per altri tavoli e cornici di specchi. Il tutto ravvivato da un’intensa tinta cannella scelta da Ferruccio Dotta per dipingere le pareti.

E per evidenziare questo stile bohémien stemperato con suggestioni carioca, alle pareti si possono ammirare le fotografie di Oberto Gili e Lisa Fairstein accanto a quadri con paesaggi tropicali.

www.casamomus.com.br
www.controprogetto.it

SCOPRI ANCHE:
Un ristorante a Istanbul
A cena tra le piante a Copenhagen
Design nordico per un ristorante sul lungomare


di Maria Chiara Antonini / 22 Giugno 2015

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Profumi francesi a Roma

Il nuovo negozio Diptyque in via del Babuino

Travel

[Interior Decoration]

La wunderkammer di Bulgari

New Curiosity Shop: l’alta gioielleria allestita con Fornasetti

Negozi di design

[Interior Decoration]

Sì viaggiare

Ostelli di design per viaggiare in Europa a budget ridotto

Travel

[Interior Decoration]

Accento Indiano

Il miglior ristorante indiano del mondo arriva a Londra

Travel

[Interior Decoration]

Hollywood nella vita vera

Le location dei film più amati di sempre

Costume

[Interior Decoration]

Cracco in Galleria

Il nuovo tempio gourmet in Galleria Vittorio Emanuele

Travel

[Interior Decoration]

Cucina mozzafiato

Il ristorante Palace a Helsinki riapre dopo il restauro

Travel

[Interior Decoration]

Europa arrivo!

Una selezione degli hotel più particolari da provare nel 2018

Travel

[Interior Decoration]

Casa Matilda a Milano

Un nuovo ristorante italiano ha aperto sui Navigli

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali