ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Oneri e onori...Alzi la mano chi se la sente di ristrutturare una casa di Frank Gehry

Lo studio californiano Dan Brunn mette a nuovo un'abitazione anni 70 firmata dal grande Maestro

DSC09796-Edit-OK
Brandon Shigeta

Lo studio californiano Dan Brunn Architecture ha avuto l’onere e l’onore di ristrutturare una casa firmata Frank Gehry: Hide Out. L’edificio, sorto nel quartiere “Little Osaka” di Los Angeles, fu costruito negli anni 70 e, sebbene non terminato secondo il progetto originale, è considerato il primo progetto famigliare del celebre architetto.

LEGGI ANCHE  Obama consegna a Frank Gehry la Presidential Medal of Freedom 2016

Appartenuto al collezionista d’arte Edwin Janss Jr, l’abitazione si distingueva per la doppia dimensione di spazio abitativo e atelier espositivo, caratteristica che Brunn mantiene per il proprio cliente, l’illustratore James Jean. Dan ha deciso dunque di prestare fede ad alcuni capisaldi fortemente identitari. Spazi aperti, materiali semplici e centralità di un ampio lucernario.

Pur sfruttando lo sviluppo su due piani, Dan ha però apportato modifiche sostanziali. Innanzitutto aumentando le finestre per permettere alla luce naturale di entrare. In secondo luogo, ha dotato l’edificio di una scala in noce molto dinamica, che permette suggestivi giochi di luci e ombra e conferisce un aspetto naturale a tutto l’interno.

Il noce è stato scelto anche per le pareti antistanti il lucernario (reminiscenza delle case da tè giapponesi) che diviene così lo schermo da cui ammirare il giardino Feng Shui, che ospita varietà botaniche giapponesi scelte da Hitoshi Kitajima. L’ampio utilizzo di cemento, vetro e rivestimenti in rame segna la continuità con il progetto originale nonché una palette accogliente e serena. La cucina total white è minimale, così come gli arredi del living e soprattutto della camera da letto.

Tutto il primo piano è un immenso spazio aperto che lascia liberi di vagare ed esplorare. In fondo al living, una parete girevole permette all’occorrenza di ricavare una stanza degli ospiti davanti al lucernario, grazie a un letto a scomparsa che si cala direttamente dalla libreria.

 

www.danbrunn.com


di Stefano Annovazzi Lodi / 6 Giugno 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Speakeasy a Milano e drink di design

Alla scoperta dei locali isprati ai leggendari bar clandestini del Proibizionismo

itinerari, speakeasy, mixology, instant article, milano

[Interior Decoration]

Palazzo boutique

A Palazzo Torres apre il nuovo spazio veneziano di Dolce & Gabbana

negozi di design

[Interior Decoration]

7 locali per 7 città

Scelti per voi 7 locali trendy in 7 hot city europee

travel

[Interior Decoration]

Un caffè mediterraneo a Parigi

Un'oasi di pace progettata da Francois Champsaur

travel

[Interior Decoration]

Fuga d'autunno, 5 idee

Ponti d'autunno da trascorrere in giro per l’Italia e l'Europa

Travel

[Interior Decoration]

Concept street

L'indirizzo di Roma per alloggiare, mangiare e bere, fare shopping

negozi di design

[Interior Decoration]

Un bistrot firmato Urquiola

A Milano il ristorante 403030 basato sulla dieta a zona

Travel

[Interior Decoration]

Le Drugstore, il restyling

Riapre il Drugstore di Parigi con un restyling di Tom Dixon

Ristoranti

[Interior Decoration]

La Romagna a Londra

Ispirazione italiana per Leo's, il nuovo place to be di Londra

lounge bar

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web