ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

2700 listelli di legno in una ristrutturazione

A Montreal il restyling di un locale K-hip hop tra graffiti e materiali naturali firmato JEAN DE LESSARD—DESIGNERS CRÉATIFS

00-ristrutturazione-ganadara-montreal
Adrien William

K-hip hop e cucina fusion coreana, ecco la strana accoppiata protagonista della ristrutturazione di un edificio abbandonato da 6 anni. Succede a Montreal nella St. Catherine Street. Qui lo studio JEAN DE LESSARD—DESIGNERS CRÉATIFS opera un extreme make over per regalare la nuova meta obbligata della vita notturna metropolitana. Esperimento di ristrutturazione tanto improbabile quanto di successo quello di De Lessard che è riuscito nell’impresa di coniugare senza incidenti la cruda estetica del rap coreano al dictat di realizzare uno spazio caldo e accogliente.

 

 

L’ingrediente segreto? I 2700 listelli di legno che scendono dal soffitto. Così il calore del legno va a contrastare le fredde pareti in cemento armato ricoperte di graffiti creando un’allure urban-chic dal sapore orientale. Ma la domanda sorge spontanea. Si tratta di un’allegoria della celebre foresta di bambù a Damyang, oppure di un astuto stratagemma estetico per nascondere gli ingombranti impianti a soffitto? Poco importa. L’effetto è di grande impatto e caratterizza fortemente la personalità del locale.

 

 

Il layout del Ganadara (così si chiama) è organizzato attorno agli elementi centrali della cucina e del bancone. Questo è il vero e proprio catalizzatore della forza centripeta che sembra organizzare la disposizione degli arredi: “Il locale è stato progettato in modo tale che le persone si concentrino attorno al bancone. La geometria dello spazio mette a fuoco l'energia all'interno dell'edificio " spiega Jean de Lessard.

La teatralità del luogo è esaltata dai toni bordeaux e antracite, oltre che dalla foresta di bamboo e dalle spesse tende, un mix variegato di elementi che sorprendentemente sembrano ben sposarsi con l'immagine sofisticata del K-hip hop.

delessard.com

LEGGI ANCHE:

Apophis, dentro al membership club più esclusivo di Milano

The Spirit, elegante ed enigmatico, tra i locali di Milano da provare

Design di Patricia Urquiola e cucina salutista per un nuovo ristorante di Milano


di Pietro Terzini / 26 Ottobre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

A Kos l'hotel per le community

Senso di appartenenza e di connessione, i valori di Casa Cook

Hotel

[Interior Decoration]

Pizza revolution

Dry 2, il secondo indirizzo della pizzeria più trendy di Milano

Lifestyle

[Interior Decoration]

The Hoxton apre a Parigi

Apre nel secondo arrondissement l'ultimo nato della catena inglese

hotel di design

[Interior Decoration]

New Age indiana

L’hotel W a Goa fa sua la cultura psichedelica e New Age

Hotel

[Interior Decoration]

Hai portato il ficus?

Un rapporto della Nasa svela quali piante tenere in casa

Lifestyle

[Interior Decoration]

L'hotel più bello di Hong kong

In anteprima il progetto di Foster+Partners per The Murray

Travel

[Interior Decoration]

KIKOiD a Milano

In corso Vittorio Emanuele iI nuovo regno di beauty e del make up

Negozi di design

[Interior Decoration]

Benessere sacro

Un resort a Pushkar, la città santa degli induisti

Travel

[Interior Decoration]

Bar underground a Vienna

The Krypt Bar, da locale jazz anni 50 a cocktail bar contemporaneo

Lounge bar

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web