ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La ristrutturazione di una vecchia casa di famiglia che non ha cancellato i ricordi

A Mosca lo studio Le Atelier interviene con il colore e giochi di confini labili sulla casa d'infanzia della cliente

ristrutturazione-vecchia-casa-di-famiglia-le-atelier-mosca
Ilya Ivanov

Come riuscire nella ristrutturazione della vecchia casa di famiglia a renderla contemporanea mantenendone l’anima? Lo studio di architettura russo Le Atelier,ha realizzato una ristrutturazione di un appartamento a Mosca intervenendo sull’esistente col colore, a sottolineare e dare una seconda vita a ciò che era preesistente e a evidenziare i nuovi inserimenti.

Foto di Ilya Ivanov

La storia particolare della ristrutturazione del Pirogovka Apartment, parte proprio dall’esigenza della cliente, che in quella casa aveva vissuto la sua infanzia. Affezionata ai ricordi, che custodivano le tante cose che riempivano l’appartamento di famiglia, non voleva cancellare la storia di quelle stanze. Allo stesso tempo, la necessità di scrivere un nuovo capitolo, con il marito, la spingeva a considerare l’idea di rimettere mano all’immobile, con la dovuta cautela.

Foto di Ilya Ivanov

Gli architetti Sergey Kolchin, Nadya Torshina, Natalia Senyugina non hanno potuto, come nel caso di un progetto per un’abitazione ex-novo, semplicemente personalizzare una scatola vuota, ma hanno dovuto intervenire sull’esistente, con il quale il cliente aveva un legame forte, tenendo in considerazione tutte le emozioni che in quella scatola piena abitavano. L’idea della dualità, mantenere i ricordi e aggiungere qualcosa di nuovo, ha così accompagnato le scelte progettuali della ristrutturazione incentrate su un uso del colore insolito.

Foto di Ilya Ivanov

La composizione dell'appartamento comprende tre blocchi principali che sembrano occupare uno spazio comune: un lungo armadio nero, un piano cucina ad isola e un blocco color verde smeraldo, che include cucina, bagno e camera da letto. I confini tra parti demoliti e ricostruite e quello tra le stanze è stato volutamente sbiadito, risultando indefinito, talvolta grazie a scelte spaziali, altre volte grazie all’uso di finiture e colori particolari. 

Foto di Ilya Ivanov

Dalla camera da letto è come se il pavimento color magenta scivolasse all’esterno, fondendosi con il pavimento del soggiorno. I risultato è un effetto ottico che dilata la stanza. I confini spaziali della camera risultano così allargati come anche i bordi del blocco color smeraldo che invece di essere contrassegnati nitidamente, si dilatano, sfocando i confini dello spazio.

Foto di Ilya Ivanov

Il colore bianco del pavimento, che in qualche modo riflette tutto ciò che succede nella stanza, sale pian piano sulle pareti, fino a scomparire delicatamente a ridosso del soffitto, ancora quello originale,  lasciando intravedere in alcuni parti in vecchio intonaco. Il nuovo intonaco colorato, nero o smeraldo, talvolta lascia intravedere la trama del muro preesistente.

Foto di Ilya Ivanov

In questo modo la vecchia casa si fonde con quella nuova.

 

Foto di Ilya Ivanov

L'armadio nero che occupa l'intero spazio del salotto e l'isola della cucina nera, sono blocchi dai bordi definiti. Tuttavia l'armadio, riflesso nello specchio in fondo al corridoio, sembra essere un elemento infinito, varcando ancora una volta i confini spaziali della casa, almeno virtualmente.

Foto di Ilya Ivanov

Altro tema dell'appartamento è rappresentato da una griglia trasparente applicata al nuovo spazio e trasferita sui rivestimenti delle poltrone e le strutture delle sedie; sulle finestre e le pareti del bagno; sulla trama dei tubi a soffitto che sorreggono le lampada.

Foto di Ilya Ivanov

La griglia della piastrella è caratterizzata dalle fughe che rendono la parete mutevole e scintillante grazie ai diversi colori. Alcuni oggetti della vecchia casa - vetri e mobili custodi di ricordi - sussurrano su qualcosa di importante, ma che non si può raccontare, perché questa è una storia privata.

www.leatelier.ru

SCOPRI ANCHE:
Come ti moltiplico l'attico
La casa che “arrossisce”


di Laura Arrighi / 4 Agosto 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o negozio di fiori?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web