ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Bar ristorante in stile industriale nella foresta

Yellow Submarine Coffee Tank, coffee-shop in Tailandia firmato Secondfloor Architects, è un'architettura total-black che dialoga per contrasto con il paesaggio

stile-industriale-bar-ristorante-foresta-tailandese

La parte coperta centrale del bar e ristorante Yellow Submarine Coffee Tank, progettato dallo studio Secondfloor Architects in una foresta di mogano nel parco nazionale di Khao Yai in Tailandia

Un caffè in stile industriale nella foresta: è un progetto audace quello del Yellow Submarine Coffee Tank, un edificio pensato per un paesaggio naturale dall’incredibile bellezza, una foresta che potrebbe essere lo sfondo di una favola esotica, quale è la piantagione di mogano indiano al confine con il parco nazionale di Khao Yai in Tailandia.

Lo studio Secondfloor Architects ha fatto una scelta coraggiosa: in un terreno di 1600 mq ha deciso di progettare un bar-ristorante moderno dall’aspetto industriale, un’architettura forte, che non si mimetizza con la vegetazione ma che esprime nuovi valori.

Il progetto instaura un relazione stretta con il paesaggio, entrando a far parte di esso attraverso l’intreccio di contrasti. La scelta di usare un colore predominante forte quanto neutrale, il nero, e quella di incidere il territorio con linee decide quanto pulite ed elementari, ha dato vita ad un’architettura che rispetta e valorizza il contesto pur distaccandosene. 

Una serie di muri alti 3 metri racchiude l'area di 300 metri quadrati per sottolineare la diversa scala della struttura rispetto alla vasta foresta e porta l’attenzione del visitatore a concentrarsi su quello che accade al loro interno. Un percorso che gioca su pieni e i vuoti per svelare, attraverso una sequenza di prospettive che si stringono e si dilatano, ciò che è naturale e ciò che è artificiale. 

Una parete scura lunga 38 metri accentua la differenza di quota del dolce pendio del sito e accompagna il visitatore lungo la passerella che porta all’interno del ‘serbatoio del sottomarino’ : la zona ristorante. Solo un terzo dello spazio coffee shop, che comprende una stanza con aria condizionata, è coperto; questo dà l’opportunità ai visitatori di sentirsi completamente immersi nella natura.

I materiali scelti in diverse sfumature di grigio e nero fanno in modo che gli elementi architettonici prendano vita attraverso la riflessione e l’assorbimento. L’ambiente diventa dinamico e confortevole grazie alle murature che assorbono l'umidità, attenuano i suoni dei passi e i rumori della foresta, fanno scintillare le piastrelle lucide e gli arredi color in legno e metallo.

 Le fronde dei mogani diventano gli elementi naturali rispetto ai quali gli architetti progettano due diversi punti di vista: pensata concettualmente come un albero, la zona coperta offre in alzato una vista dell’intorno frastagliata, come se ci si trovasse all’interno delle chiome mentre il cortile esterno aperto ne sfrutta l’ombra per generare un’atmosfera suggestiva.

 

 

www.2ndfl.in.th

SCOPRI ANCHE: 
Alle Azzorre, bar e ristorante con vista 
A cena nella serra


di Laura Arrighi / 5 Settembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Minimalismo vittoriano

Unire due stili e due atmosfere: a Londra l’esperimento è riuscito

lounge bar

[Interior Decoration]

Un'oasi in città

A Firenze, un salotto open air per la socialità e il relax

negozi di design

[Interior Decoration]

Nido creativo per due

Cork study, uno spazio ecosostenibile per artisti a Londra

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Prada apre a Saint Barts

Uno store in stile esotico tipico delle case sudamericane anni '50

negozi di design

[Interior Decoration]

Lo stupore di Marcel Wanders

Un complesso residenziale ispirato agli elementi della natura

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Loft tubi a vista

Bologna, dall’ex magazzino d’idraulica il carattere del restyling

hotel

[Interior Decoration]

A Parigi l’hotel più groovy

32 camere in tema con la black music e le atmosfere degli anni 70

hotel

[Interior Decoration]

Color shock

Terapia d'urto a base di colore per una classica casa inglese

pareti colorate

[Interior Decoration]

La casa piu stretta del mondo

Varsavia: ecco come si vive in 92 centimetri di larghezza

mini case

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web