ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il ristorante italiano ad Adelaide che ricostruisce lo stile vintage della Toscana anni '50

Osteria Oggi, progettato dall'australiano Studio-Gram, permette agli avventori di fare un tuffo nella Toscana degli anni Cinquanta

stile-vintage-ristorante-italiano-adelaide-osteria-oggi
David Sievers

Il ristorante italiano Oggi, progettato ad Adelaide dagli architetti australiani dello Studio-Gram, riproduce l'atmosfera di una piazza toscana del dopoguerra in un interior pluripremiato. Caratteristica centrale, il lungo bar in cemento brunito

Materico, elegante, giocoso e in stile vintage: l'interior del ristorante italiano Osteria Oggi, progettato ad Adelaide dall'australiano Studio-Gram, permette agli avventori di fare un salto nello spazio-tempo. È infatti alla Toscana del dopoguerra che si ispira, e più in particolare alle brulicanti piazze che all'epoca tornavano ad animarsi. La richiesta del cliente Simon Kardachi era semplice: un ristorante unico. Luminoso, laddove gli altri locali della città australiana scelgono luci soffuse. Semplice ma sofisticato, con la cucina a vista e un'atmosfera vintage. E in grado di riprodurre l'animo giocoso degli italiani. Detto, fatto: se dall'esterno l'Osteria Oggi sembra un piccolo locale da aperitivo, l'interno è sorprendente. Un bancone da bar in cemento brunito, lungo 20 metri, taglia in due lo spazio e conduce a un retro  dal look anni '50,che pare uscito da una cartolina d'antan.

© David Sievers

I co-direttori di Studio-Gram, Dave Bickmore e Graham Charbonneau, sono riusciti a ricreare l'atmosfera di una piazza in uno spazio interno, dando un volto completamente nuovo a quello che prima era lo studio di un ottico, nel centro finanziario di Adelaide.  Nel mezzo dell'ampia sala campeggiano due tavoli in rovere americano sormontati da un giardino sospeso. Un dettaglio verde pensato dai progettisti per "aggiungere all'ambiente un tocco di teatralità". Per i gruppi più piccoli o per chi non ama condividere i pasti con gli sconosciuti ci sono le nicchie arcuate lungo il perimetro, più intime e avvolgenti.

© David Sievers

La palette cromatica è volutamente sobria e abbinata a scelte materiche come le mattonelle in travertino e applique dal sentore industrial. L'obiettivo? Uno spazio rilassante in grado di far parlare i profumi e i sapori dei piatti preparati dallo chef Andy Davies.

© David Sievers

La cucina, nel mezzanino progettato ad hoc, affaccia sul cuore del locale. Coi suoi salumi a vista, anticipa l'invitante varietà di portate ispirate alla tradizione italiana. La pasta è rigorosamente fatta in casa ogni giorno, come dichiara una delle insegne progettate da Tristan Kerr e appesa in corrispondenza del "pastificio". I formaggi sono serviti al carrello e carni e pesce arrostiti nel forno a legna.

In una città piena di ristoranti italiani, Osteria Oggi nasce per offrire un'esperienza indimenticabile, cogliendo l'essenza dell'Italia. Un'idea vincente: l'anno scorso la CNN ha inserito il locale nella top 10 dei migliori ristoranti al mondo. E solo un mese fa, a marzo 2017, il progetto dello Studio-Gram si è aggiudicato il World Interiors News Award per il miglior interior.

www.studio-gram.com.au 


di Alessandra D'Angelo / 17 Aprile 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web