ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Riapre la leggendaria suite 1742 di John Lennon e Yoko Ono

Rimessa a nuovo la leggendaria camera d'albergo dove ebbe luogo il bed-in per la pace del 1969

suite-1742-fairmont-le-reine-elizabeth-hotel-montreal-john-lennon
@ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

C’è una stanza d'albergo che occupa un posto speciale nella storia del rock e del movimento pacifista, è la suite 1742 del prestigioso Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel di Montréal. Qui John Lennon e Yoko Ono inscenarono il loro celeberrimo bed-in, una settimana in pigiama a parlare di pace, con guglie e grattacieli sullo sfondo e una ressa di reporter, curiosi e attivisti intorno al letto.

L'atmosfera di quei giorni elettrizzanti, a cavallo tra maggio e giugno del 69, torna a rivivere oggi grazie al restyling della suite operato da Sid Lee Architecture. L'obiettivo del proprietario dell'hotel, Ivanhoé Cambridge, era ricreare un luogo iconico senza farlo sembrare un museo, ma conservando lo spirito dei suoi leggendari occupanti e traghettandolo nel futuro.

@ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

Ecco perché il design non ha semplicemente riprodotto il vecchio stile della stanza ma ha mescolato note vintage e pezzi contemporanei, prendendo ispirazione da altri mondi e culture: Tokyo, New Delhi, Londra e New York, mete che John e Yoko amavano particolarmente, lasciano la loro impronta nella nuova suite 1742. Se dello spazio originario restano infinite testimonianze in bianco e nero, oggi è il turno del colore di riprendersi la scena: i toni caldi del legno e dell'ottone si estendono a tappezzerie e tessuti, abbinandosi a vibranti pennellate di azzurro.

 

@ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

Come quarantotto anni fa, il letto è addossato alla grande finestra che incornicia il paesaggio urbano di Montreal, liberando così lo spazio al centro della suite 1742. Al posto dei cartelli scritti a mano che proclamavano “Hair Peace” e “Bed Peace”, ci sono quelle stesse parole incise sul vetro, un elemento decorativo che diviene monito perenne. Lo stesso vale per i versi della canzone  ''Give Peace a Chance'', che la coppia scrisse proprio durante quel movimentato bed-in: l’inno alla pace è un’epigrafe che celebra la vita, stampata su pannelli poggiati alle pareti candide.

 

@ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

Il tributo a John Lennon e Yoko Ono prosegue in ogni angolo della suite 1742: i ritratti dei due artisti sono allineati di fronte al lungo tavolo da pranzo; foto, video, vinili e altri oggetti storici sono incasellati in un modernissimo archivio di design, a disposizione dei visitatori, che però possono fare molto di più che sfogliare materiali d'epoca. Basta premere un tasto del telefono per sentire la voce indimenticabile di John che intona ''Give Peace a Chance'', e per vedere la camera come la vedeva lui, con la gente accalcata ai piedi del letto, ci sono gli appositi visori, che grazie alla realtà virtuale, riportano indietro il tempo.

@ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

1969 (dollari canadesi, poco più di 1,300 euro)  è anche il costo della suite per una notte, fino alla fine dell'anno. Poi il prezzo salirà a circa 2,400 dollari. Una cifra ragguardevole, ma qui non stiamo certo parlando di una stanza normale in un albergo normale. Oltre all'ex Beatle e consorte, dal Fairmont Le Reine Elizabeth sono passati ospiti come il Dalai Lama, Nelson Mandela e i reali d'Inghilterra. Oggi che l'hotel riapre i battenti, dopo un restauro durato un anno, la suite 1742 è il suo biglietto da visita, il simbolo di una storia gloriosa che vuole continuare. E allora, sognatori e ribelli di tutto il mondo, fatevi avanti. Yoko a John vi stanno aspettando.

 @ Fairmont Le Reine Elizabeth Hotel

fairmont.com

LEGGI ANCHE:

Interni in ottone per un loft incastonato a Montréal

Gli uffici moderni in una fabbrica abbandonata


di Elisa Zagaria / 26 Settembre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

I muri secondo Rem Koolhaas

Allo Stedelijk Museum la nuova tappa della sua ricerca sulle pareti

allestimenti

[Interior Decoration]

Moncler Enfant a Milano

Un nuovo spazio tutto dedicato ai bambini. Mascotte compresa

negozi di design

[Interior Decoration]

Un albergo gioiello

Londra: un hotel tra gusto vittoriano e esperienza ultramoderna

Travel

[Interior Decoration]

Philipp Plein a Parigi

Negli Champs-Élysées inaugurato il nuovo store del lusso estremo

Negozi di design

[Interior Decoration]

Un laboratorio spettacolare

Dimorestudio progetta il nuovo negozio Oliver Peoples a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Il tropicalismo va di moda

Il nuovo concept store di Prada inaugurato a Miami

negozi di design

[Interior Decoration]

Caffè sì, tavoli no

Un coffee bar senza tavolini – ma con co-working – a Pechino

Uffici di design

[Interior Decoration]

Desideri in cucina

Casamenu, la piattaforma con tutti gli ingredienti della cucina

cucine di design

[Interior Decoration]

L'hotel nella fabbrica di ceramica

Antico e moderno per un'allure senza pari nel centro di Maastricht

Hotel di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web