ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ristorante d'atmosfera

The Jane ad Anversa. Una chiesa sconsacrata dove mangiare tra alta cucina e design

Location molto suggestiva per il nuovo ristorante The Jane dello chef Sergio Herman e del suo braccio destro Nick Bril ad Anversa. Creato all’interno di un’antica chiesa sconsacrata, convertita poi in un ospedale militare, questo progetto ha richiesto tre anni di lavoro, come racconta Sergio Herman. Dopo aver lavorato per 25 anni nel ristorante di famiglia Oud Sluis, in Olanda, e dopo aver conquistato tre stelle Michelin, lo chef sentiva il bisogno di nuove sfide, e da sempre sognava di aprire un ristorante ad Anversa.

Conclusa quindi la sua esperienza olandese, con la chiusura del suo ristorante e la pubblicazione del libro Desire con tutte le sue ricette più famose, ha scelto i migliori designer per questa sua nuova impresa. Tutti gli interni sono stati progettati da Piet Boon e creati da René Nijboer, con l’obiettivo di intervenire il meno possibile sull’originale impianto dell’edificio, preservando così quella sua atmosfera particolare. La grande cucina a vista si trova dove una volta c’era l’altare, racchiusa in una grande teca di vetro. Nella navata centrale ci sono i tavoli, mentre su un piano rialzato c’è una zona bar.

Tutto è stato curato nei minimi dettagli: dalle divise del personale, disegnate dal brand olandese G-Star, agli accessori per la tavola creati da Michaël Verheyden e da un gruppo di designer di Tel Aviv. Il grande teschio al neon è opera di Kendell Geers, mentre l’imponente lampadario con 150 punti luce è dello studio libanese PSLAB. Infine, non potevano mancare le vetrate, come in tutte le chiese antiche: queste, con disegni divertenti e ironici, sono state disegnate dallo Studio Job.


di Maria Chiara Antonini / 25 Luglio 2014

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web