ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Ufficio moderno? Ecco quelli dove tutti vorremmo lavorare

Guarda questi 7 esempi dal mondo e scopri come migliorare il tuo ambiente di lavoro, stimolando la creatività e la socialità.

ufficio-moderno-7-esempi

Il concetto di ufficio moderno si allontana dall’idea classica di spazio dall’aspetto formale e rigoroso, per avvicinarsi all’immagine di un luogo aperto, non più fisso, in cui l’elemento di flessibilità si accompagna ad arredamenti informali e soluzioni creative che spesso riflettono la città e le peculiarità del luogo in cui nascono. Abbiamo scelto 7 uffici moderni di design tra Londra, Parigi, San Francisco e Singapore che propongono un modello di workplace innovativo: da hub culturale creativo, a centro interdisciplinare e spazio multifunzionale con interni modulari e adattabili.

 

Canopy, San Francisco
Designer: Yves Behar and Amir Mortazavi
Situato nel cuore del quartiere di Pacific Heights a San Francisco, Canopy è il nuovo progetto di Yves Behar e Amir Mortazavi, che creano un concept di ufficio dal design sofisticato che punta al comfort e all’offerta dei servizi e social events. L'arredamento moderno mixa pezzi di modernariato d’autore con quelli contemporanei firmati Herman Miller, Flos, Tylko. L’idea del progetto è stata quello di creare ambienti separati dove potersi rilassare a seconda del momento della giornata, scandire il proprio tempo stimolando attività ricreative in un ambiente che rappresenta l’eccellenza del design di ieri e di oggi.

Central Parade, Londra
Designer: Gort Scott Architects
Con Central Parade si celebra la rinascita e la riqualificazione dell’ex quartiere industriale Waltham Forest di Londra, commissionato dai fondi cittadini con il supporto di GLA Foundation. Il progetto trasforma un vecchio complesso di uffici degli anni Sessanta in un centro culturale e workspace di 650 metri quadri, disegnato dallo studio Gort Scott. Il complesso include uffici, negozi e showroom indipendenti, meeting room, spazi dedicati ad eventi, workshop e esibizioni. Spicca la facciata esterna del vecchio edificio composta da un mix di mattonelle a vista e piastrelle, con elementi fortemente grafici e ornamentali, frutto della collaborazione con il graphic designer Polimekanos. 

The Great Room, Singapore
Designer: Jaelle Ang
The Great Room ideato dall’architetto Jaelle Ang celebra la flessibilità dello spazio lavorativo come elemento chiave del progetto. Rivolto alla nuova generazione di lavoratori globe trotter attratti da un concetto di workspace con scrivanie flessibili, meeting room e uffici long o short term. Non più considerato posto fisso, l’immagine moderna dell’ufficio rappresenta il luogo flessibile dove accogliere i lavoratori con bisogni e aspettative diverse. Con arredi moderni e maxi finestre sviluppate in altezza, pavimenti in legno e divani in pelle, gli spazi hanno un potere camaleontico. L’ufficio il martedì sera diventa studio yoga in cui è possibile godere della vista dello skyline di Singapore. Include l’area cucina, bagni con doccia e spogliatoio, cabine telefoniche, reception con uno sharing boardroom.

Kwerk, Parigi 
Designer: Albert Angel 
Situato nel cuore di Eight Arrondissement a Parigi, Kwerl è il nuovo progetto dell’architetto balinese Albert Angel. Ispirati ai suoi viaggi tra Bali, New York e Jakarta, gli interni moderni dai colori vibranti riflettono il mix etno-culturale in una nuova formula di workspace, parte boutique hotel e parte galleria d’arte che si trasforma anche in uno studio di yoga. Gli interni evocativi e eclettici presentano otto stanze, separate da tende di velluto colorato dietro cui spiccano pareti in sughero, per garantire privacy e raccoglimento. Nella biblioteca a fianco del tavolo comune in legno si trova Green Army, una gigantesca scultura in marmo che raffigura un elefante incastonato in una struttura di metallo e specchi, importata dalla Nuova Guinea. 

Soho Works, Londra
Designer: Soho House&Co
Soho Works è l’ultimo progetto lanciato dal Soho House group a Londra. Situato in un vecchio tea building, nell’istituzionale Shoreditch House, include un complesso di uffici temporanei o permanenti. Lo spazio multidisciplinare offre una varietà di attività extra lavorative e ricreative, con tavoli da ping pong, un’area ristorazione, libreria, caffetteria, meetings room e una cucina da condividere. Include inoltre uno studio fotografico con una stampante 3D, studi di produzione e un’area di supporto tecnico aperta 24 ore su 24. Nel ricco social calendar è possibile prenotare incontri e professional meetings con esperti altamente qualificati.

Central Working, Londra
Nuovo hub culturale londinese, cuore del progetto di riqualificazione del quartiere di Paddington, a ovest di Londra, progettato da James Layfield, il direttore di Central Working in collaborazione con British Land. Nasce in un’area in disuso nel quartiere londinese in via di trasformazione, destinato a diventare il nuovo centro specializzato nel campo del tech business. L’obbiettivo è quello di accogliere centinaia di compagnie affermate così come start up per promuovere la crescita globale del settore tecnologico. Lanciato in collaborazione con British Land l’edificio moderno con la facciata di vetro occupa cinque piani con interni inondati di luce naturale e un arredo ufficio moderno con interni in legno e vetro. 

Spring Place, New York
Nella formula di social club Spring Place è il nuovo workplace che nasce nel cuore di Tribeca destinato a diventare il polo creativo della work community newyorkese. Nasce nella nell’ex sede della compagnia telefonica Verizon trasformata in centro multidisciplinare specializzato nel campo della moda, arte e cinema. Con gli interni disegnati da Antonio di Oronzo dello studio Bluarch, spiccano gli elementi caldi del legno e un decor caratterizzato da un mix di pezzi vintage e contemporanei. I primi 4 piani sono dedicati a studi fotografici e uffici post produzione, mentre il quinto piano in stile loft offre uno spazio collaborativo interdisciplinare e il sesto è dedicato alla ristorazione e all’intrattenimento con un ricco calendario di eventi aperto ai soli membri (leggi anche → Social Hub per creativi nel cuore di Tribeca).


di Monica Mascia London / 16 Novembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Il loft che non voleva essere un loft

Pareti curve e toni caldi: dimenticate tutto quello che sapete sui loft

restyling

[Interior Decoration]

Minimalismo vittoriano

Unire due stili e due atmosfere: a Londra l’esperimento è riuscito

lounge bar

[Interior Decoration]

Un'oasi in città

A Firenze, un salotto open air per la socialità e il relax

negozi di design

[Interior Decoration]

Nido creativo per due

Cork study, uno spazio ecosostenibile per artisti a Londra

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Prada apre a Saint Barts

Uno store in stile esotico tipico delle case sudamericane anni '50

negozi di design

[Interior Decoration]

Lo stupore di Marcel Wanders

Un complesso residenziale ispirato agli elementi della natura

edifici ecosostenibili

[Interior Decoration]

Loft tubi a vista

Bologna, dall’ex magazzino d’idraulica il carattere del restyling

hotel

[Interior Decoration]

A Parigi l’hotel più groovy

32 camere in tema con la black music e le atmosfere degli anni 70

hotel

[Interior Decoration]

Color shock

Terapia d'urto a base di colore per una classica casa inglese

pareti colorate

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web