ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

A Pune la veranda in legno che si fa spazio tra i palazzi

Studio Course progetta la Veranda on a Roof per dare a una famiglia l'ambiente conviviale che mancava

veranda-in-legno-pune-india

In India la veranda in legno è quello spazio tra interno ed esterno, tra strada e abitazione in cui soffermarsi per incontri fortuiti, scambiare qualche parola, o anche indugiare in solitudine. Purtroppo le nuove costruzioni sacrificano spesso questo spazio, che è invece tipico nella tradizione locale. Ecco perché, trovandosi a progettare l’ultimo piano di un edificio di 12 piani a Pune, l’indiano Studio Course ha progettato questa Veranda on a roof.

Un luogo dove godersi i piaceri semplici, come una lettura o un pranzo all’aria aperta, che conserva la duplice anima indoor e outdoor. L’ampia stanza interna è ricoperta di intonaco di cemento a mano, una soluzione tradizionale, che crea pattern inusuali sui toni del grigio. Gli elementi strutturali e gli arredi sono invece in teak, così come i supporti dei pannelli della facciata che mette in comunicazione interno ed esterno.

La libreria, estesa ma esile, copre quasi l’intera parete e sorveglia un ambiente spoglio invitando a farsi scoprire. Rifiniture in granito e ottone, come quelle di maniglie e cassetti, concorrono a conferire un aspetto terroso e naturale, proprio delle verande in legno a cui siamo abituati.

Una postazione da lavoro è ricavata in un cantuccio, per non essere distratti dal panorama. Per lo stesso motivo il sofà al centro della stanza dà le spalle alla terrazza e accoglie le ore di lettura passate in tranquillità. Sulla libreria si innesta anche una scala sospesa che porta a un ripostiglio. Un effetto minimale e perfettamente inserito nel contesto.

La veranda vuole essere anche lo spazio in cui si gode dell’aria aperta, per questo all’esterno il pavimento ricoperto di ghiaia suggerisce all'orecchio lo scricchiolio delle passeggiate. Una piccola cucina con dispensa consente di preparare piatti semplici o cocktail da gustare sul futon.

I vasi di piante permettono invece di occuparsi di un piccolo giardino. La nuova posizione della veranda ne fa un luogo più privato, da cui osservare la città e in cui godere della compagnia che ci siamo scelti attraverso attività semplici da valorizzare.

 

www.studio-course.com


di Stefano Annovazzi Lodi / 5 Maggio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Biarritz in un fine settimana

Il meglio della città secondo il New York Times

Itinerari

[Interior Decoration]

Il nuovo classico

Uno stile evergreen al di sopra delle mode

casa classica

[Interior Decoration]

Dove dormire a Bruxelles

2 b&b e 1 hotel bellissimi dove sentirsi a casa

hotel

[Interior Decoration]

C’era una volta un convento

Vecchi soffitti e colori per un appartamento nel centro di Roma

restyling

[Interior Decoration]

Tra una cena e una porcellana

A cena in un ristorante dentro una fabbrica di ceramiche cinesi

ristoranti

[Interior Decoration]

La vie en rose!

Ispirazioni da 5 interni tutti rigorosamente rosa

pareti colorate

[Interior Decoration]

Non solo coworking

A Milano arriva Spaces e il suo interior design è geniale

coworking

[Interior Decoration]

Vado a dormire in prigione

Un carcere in Olanda è stato trasformato in un ostello

hotel

[Interior Decoration]

Il museo del gelato

A Los Angeles uno spazio per tornare bambini

musei

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web