ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Da Mies van der Rohe alla villa con piscina in Brasile

Geometria semplice, grandi vetrate, materiali essenziali: una casa moderna a San Paolo tra apertura e privacy

villa-con-piscina-san-paolo

Una villa con piscina che si ispira alle celebri architetture di Mies van der Rohe, inserita nel verde del paesaggio brasiliano. Dei celebri edifici firmati dal maestro famoso per il motto less is more, questa casa con piscina su due piani a San Paolo condivide la geometria semplice e minimale, l'uso diffuso del vetro, la relazione visiva con la natura circostante, l'essenzialità dei materiali utilizzati: il cemento e l'acciaio.

Realizzata a distanza di quasi 100 anni dai capolavori miesiani, la villa trova nella trasparenza il punto di contatto più forte con case icona quali la Farnsworth House, progettata e costruita a Piano, negli Stati Uniti, tra il 1945 e il 1951 (leggi anche del film dedicato alla Farnsworth House).

Alla base del progetto della villa moderna con piscina realizzato da Fernanda Marques Arquitetos Associados, c'è l'idea di apertura verso l'esterno ottenuta attraverso la continuità dei livelli che individuano l'esterno e l'interno dell'abitazione. Come in certe ville moderne disegnate dal giapponese Shigeru Ban, il ricorso ai binari e alle vetrate scorrevoli mette in contatto il living della casa con l'outdoor.

Racconta Fernada Marques: "lavorare in bilico tra la massima trasparenza e l'ottimale livello di privacy è stata la sfida più grande. A questa si sono aggiunte la volontà di conservare gli alberi esistenti e la necessità di adattarsi alla notevole pendenza dell'area”.

Come primo passo è stata posizionata la zona notte. Una volta disposte le camere si è proseguito articolando lo spazio intorno ad una serie di elementi chiave: lo specchio d'acqua che trabocca, la parete gialla che attraversa l'intera abitazione, la scala a chiocciola che fornisce l'accesso al piano superiore.

Il minimalismo dell'architettura è stato bilanciato, negli interni della villa, dall'uso di materiali caldi tra cui il legno che riveste anche il soffitto della doppia altezza. L'arredamento è moderno. Tra i mobili scelti compaiono diversi pezzi di design d'autore.

www.fernandamarques.com.br


di Alec Cinque / 5 Aprile 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hotel o club esclusivo?

Luci soffuse e atmosfera intima da Room Mate Gerard a Barcellona

hotel

[Interior Decoration]

Design giapponese, colori del Perù

Il nuovo Nobu Dowtonwn progettato da David Rockwell

ristoranti

[Interior Decoration]

Design alle Maldive

Ospiti di Cocoon, il resort di design nel blu dell'Oceano indiano

hotel

[Interior Decoration]

La rivoluzione dell'hotellerie

Patrick Norguet firma il nuovo Okko Hotel di Parigi

hotel

[Interior Decoration]

Luxury per tutti

Il nuovo hotel di Ian Schrager a New York

Hotel

[Interior Decoration]

White Forest

La firma di Tokujin Yoshioka per un negozio di scarpe a Tokyo

negozi di design

[Interior Decoration]

Refettorio felice

Ilse Crawford firma il nuovo spazio londinese del progetto di Bottura

ristoranti

[Interior Decoration]

Lavorare di fantasia

Tokyo incontra New York in un coworking...a Madrid

coworking

[Interior Decoration]

Bellezza imperfetta

Makhno firma una casa minimalista e rustica ispirata al wabi-sabi

casa moderna

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web