ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il nuovo W Amsterdam, l'hotel distribuito in 2 edifici dirimpettai

Suite, servizi esclusivi e design: la trasformazione di due storici building simbolo della città

Portare l'atmosfera di New York nella capitale olandese: ecco lo scopo che si è prefissato il W hotel quando, qualche mese fa, ha aperto le sue porte ad Amsterdam. Dopo 15 anni di storia nella metropoli americana e con la previsione di raggiungere nel 2018 il numero di 80 hotel sparsi per il mondo, l'iconica catena ha voluto creare un ambiente ad hoc dedicato all'ospitalità, anche in Europa.

Gli elementi chiave? Prima di tutto il design. Progettato da Office WINHOV e Baranowitz Kronenberg Architects, di cui Irene Kronenberg - uruguaiana stabilitasi a Tel Aviv ha curato anche gli interni -, è distribuito in due diversi edifici dirimpettai, entrambi caratterizzati da forte personalità.

«Per me si è trattato di un progetto interessante sia dal punto di vista architettonico, che da quello urbanistico legato alla città. Amsterdam è il luogo delle relazioni, una comunità in grado di unire anche ciò che è differente». Questo il mood del progetto che ha tenuto conto delle peculiarità dei due building.

Il primo ospita 172 camere nella vecchia sede modernista della prima società telefonica del paese. Qui la connessione via cavo è stata evidenziata nell'interior: dai lunghi e sottili tubi che corrono sui soffitti e si trasformano in illuminazione, fino ai box doccia vetrati presenti nelle stanze che sono stati simbolicamente graffiati come la urban art ha sempre fatto nelle cabine telefoniche delle metropoli. Altra caratteristica sono i piani a tema dedicati alle icone della città: biciclette, tulipani e Red District.

Il secondo edificio - la cui prossima apertura è prevista per aprile 2016 - ospiterà le altre 66 stanze. In stile Scuola di Amsterdam, era un tempo occupato da una banca. La City Spa, verrà realizzata tra le volte del vecchio caveau bancario e in alcune sale un tempo adibite ad iniziative culturali. Ad oggi solo il ristorante The Duchesse e lo store-galleria d'arte X-BANK - 700 mq per lo shopping d'eccellenza di design, food, moda e beauty del made in Holland - sono già aperti al pubblico (leggi anche → X Bank è il nuovo indirizzo ad Amsterdam).

La sfida della doppia location, è vista da Igor Buercher - General Manager dell’hotel -, come un elemento a favore degli ospiti. «Il W Hotel - che prevede 238 camere di cui 21 suite -, vuole offrire un’esperienza unica di interazione con la città e con i suoi abitanti». Non vivere Amsterdam da turisti ma da olandesi. Per questo i servizi dedicati sono molteplici e vanno dal Whatever/Whenever® Service alla galleria d’arte, dalla possibilità di un comodo shopping all'esclusiva Spa, oltre che al food consumabile in un luogo frequentato dai locals in una posizione unica a due passi dal Palazzo Reale.

Il W è un up-side-down hotel: la reception si trova all’ultimo piano, insieme al Mr. Porter restaurant, al bar e a quello che sicuramente diventerà il segno iconico dell’albergo: il Wet Deck®, la prima roofpool cittadina. Una piscina riscaldata sul tetto dell’edificio della lunghezza di 22 metri utilizzabile anche come whirlpool per sorseggiare un drink guardando lo skyline circostante.

www.wamsterdam.com

SCOPRI ANCHE:

10 hotel di design dove trascorrere un week end in Europa
 Hotel di design ad Amburgo
Il restyling di un hotel storico a Zurigo


di Paola Testoni / 16 Marzo 2016
tags:

Hotel , Amsterdam

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Dalla strada al bar trendy

Elegante e giocoso, il nuovo ristorante di street food giapponese a Jakarta

lounge bar

[Interior Decoration]

Nata sotto il segno dei pesci

Una litografia raffigurante cinque strani pesci è all'origine di questa casa eclettica firmata Madeleine Blanchfield

restyling

[Interior Decoration]

Parigi pocket

I nuovi indirizzi gourmet della ville lumière da provare

Itinerari

[Interior Decoration]

Co-working con amaca

A Barcellona il primo spazio sociale di lavoro comunitario

Uffici di design

[Interior Decoration]

L'automobile che arreda

In Scandinavia le pareti del garage sono di vetro

Casa moderna

[Interior Decoration]

Hotel per veri hipster

A Viterbo The Pinball offre suite di lusso e un museo del flipper

Hotel

[Interior Decoration]

Salvare l’architettura

I 12 destinatari dei sussidi della Getty Foundation

costume

[Interior Decoration]

Il nuovo Hotel di Tangeri

Influenze etniche e gusto europeo per il nuovo Hotel Hilton a Tangeri

Hotel

[Interior Decoration]

Appartamento pop-up

A Parigi un Airbnb di 11 mq pieno di sorprese

Hotel di design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web