ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Un nuovo indirizzo da non perdere? Zen Zero Caffè Milano

L'ospitalità e la buona cucina incontrano il segno inconfondibile dell'urban artist Giorgio Bartocci

01
Luca Privitera

Zen Zero Caffè Milano. Le pareti sono opera dell'urban artist Giorgio Bartocci

Zen Zero Caffè Milano è un nuovo indirizzo da segnare in agenda per chi è alla ricerca di posti non convenzionali dove bere un buon caffè ma anche pranzare gustando piatti in cui la ricerca culinarià è più importante della presentazione estetica. Centralissimo, ubicato in via Festa del Perdono 1 a pochi passi dall'Università Statale, offre ospitalità di qualità unita a un'atmosfera accogliente e moderna.

Zain Dar, il proprietario, l'ha fortemente voluto e immaginato come uno spazio aperto accessibile a tutti (anche in termini di abbattimento delle barriere architettoniche), capace di diventare un punto di incontro, ma anche un luogo in cui passare piacevolmente del tempo leggendo o studiando, caratterizzato da una cucina semplice, espressa, basata su prodotti freschi e genuini accompagnati da una curata selezione di birre artigianali.

Il progetto, in cui si respira una sensazione di domesticità, è stato pensato e realizzato dal team di architetti dello studio Brusa Pasquè con uno stile essenziale ma caldo. A questi si è aggiunto l'urban artist Giorgio Bartocci che con la sua personalissima iconografia è intervenuto sulle pareti con colori unici e un segno deciso ispirato alle radici e alle forme sinuose dello zenzero, pianta descritta dalla Treccani come “originaria dell’Asia, con rizoma breve, strisciante, che porta rami con sole foglie, e rami con fiori a perianzio giallo e labello violaceo macchiato di giallo”.

Racconta a proposito del suo lavoro l'artista: “Nella continuità dei miei recenti progetti urbani, è fortemente ricorrente e caratteristico evidenziare la mia visione astratta della società liquida moderna, la velocità dei flussi e dei circuiti fluidi da essi rappresentati. Fiamme, linee, simboli compongono dei ritratti di uomini fluidiformi che vivono questo tempo immaginario, trovando, in questo caso, spazio in un luogo pubblico, luogo di incontro per tutti gli abitanti di questa storica cornice universitaria nel cuore di Milano”.


di Alec Cinque / 14 Luglio 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Ristorante o negozio di fiori?

Il ristorante nascosto dai fiori in Cina

Travel

[Interior Decoration]

Cibo e arte al museo

Lo chef Frederik Bille Brahe presenta il cafè creativo Kafeteria

Travel

[Interior Decoration]

Nostalgia australiana a Seoul

Tutto marmi e accenti artistici, il nuovo ristorante Caravan 2.0

Travel

[Interior Decoration]

Bali da sogno

A Bali OMNIA apre un dayclub capace di colpire tutto i sensi

Travel

[Interior Decoration]

Ladurée a Tokyo

India Mahdavi firma il terzo store della pasticceria francese

Travel

[Interior Decoration]

Artisti nei borghi

3 artisti con Airbnb ridanno slancio ai borghi italiani

Travel

[Interior Decoration]

Elogio dell’anticamera

Restyling di un appartamento vista mare a Lerici

Restyling

[Interior Decoration]

Dentro un De Chirico

Apre a Milano uno store sospeso tra leggerezza e materia

Travel

[Interior Decoration]

Hotel di design a Providence

The Dean mette a frutto le idee degli studenti

Travel

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web