ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Cosa succede quando moda e design si incontrano?

Scopritelo nella mostra Extraordinary Process, in scena a Londra fino al 16 novembre, celebra creazioni di moda ispirate al design di Zaha Hadid

Cosa succede se moda e design si incontrano?

Di sicuro, se nel dietro le quinte c'è un nome come Zaha Hadid, nascono progetti di collaborazione straordinari. A esplorarne il tema, una mostra tra le mura della Galleria Maison Mais Non a Londra, conosciuta per sostenere i talenti emergenti nel cuore di Soho, al numero 14 di Greek Street (leggi anche → Zaha Hadid, in vendita il primo appartamento a New York).

"In termini di forma, tutti i nostri progetti – che riguardino l'architettura, la moda e gli oggetti - mi interessano ugualmente; e tutti i disegni provengono da principi simili. È tutto collegato in qualche modo", ha spiegato l'architetto durante una delle ultime dichiarazioni rilasciate prima della sua triste scomparsa (leggi anche → Addio all'archistar britannica Zaha Hadid).

Così, grazie al progetto, sviluppato dal programma Design Research Lab fondato da Patrik Schumacher presso l'Architectural Association, nasce una mostra interdisciplinare ispirata all'approccio sperimentale e aperto di Zaha Hadid, che considera come la moda e il design si influenzino l'un l'altro e si facciano contaminare da idee sempre nuove e tecnologie sempre più all'avanguardia.

"Si è creata una collaborazione interessante tra gli stilisti e lo studio”, racconta Lou Stoppard, curatrice della mostra.
“Ci siamo chiesti innanzitutto cosa desidereremmo dai nostri abiti, quali esigenze e quali aspettative riponiamo nell'abbigliamento del futuro. E abbiamo capito che ognuno di noi, al giorno d'oggi, pensa alla moda come a qualcosa che ci rappresenta in toto, che ci aiuta nella vita quotidiana. Poi, abbiamo chiesto agli stilisti di immaginarne il futuro, e ognuno ha apportato il suo contributo”.

Peter Do, Phoebe English, Iris van Herpen, Stephen Jones, Krystyna Kozhoma, Nasir Mazhar, Minimaforms e XO, sono fra i protagonisti dei pezzi esposti, ma sono solo alcuni tra i più prestigiosi nomi della moda con i quali lo studio Zaha Hadid si è legato negli anni.

La mostra è visitabile fino al 16 novembre 2016.

maisonmaisnon.com

SCOPRI ANCHE:

Nuovo negozio di design per il brand di moda Issey Miyake


di Valentina Mariani / 20 Ottobre 2016

CORNER

Speciale Londra collection

[Speciale Londra]

Il Grande Gatsby a Londra

Ori, marmi e velluti per una boutique dove si respira lusso

negozi di design

[Speciale Londra]

Design e Pop Nouveau

De Cotiis espone le sue opere alla Carpenters Workshop Gallery

mostre

[Speciale Londra]

Se il volgare diventa chic

Oltre 500 anni di moda in mostra al Barbican Center di Londra

mostre

[Speciale Londra]

I gioielli di Calder

Una mostra celebra le creazioni preziose dello scultore americano

mostre

[Speciale Londra]

A letto con il design

Giovani talenti all'Ace Hotel London con oggetti belli e funzionali

hotel

[Speciale Londra]

Monolocale d'artista

A Londra un ufficio diventa hub creativo, da scoprire con una mostra

mostre

[Speciale Londra]

Il LDF 2016 in pillole

La design week 2016 di Londra vista da Elle Decor Italia

London Design Festival 2016

[Speciale Londra]

Londra d'arte

Torna Frieze Art Fair, con eventi e performance in tutta la città

mostre

[Speciale Londra]

Stop Smog

Daan Roosegaarde racconta il suo Smog Free Project

London Design Festival 2016

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web