ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Le 6 regole del fixing

Come e perché riparare e riciclare i pezzi di design

Riparare, riciclare, evitare di rincorrere sempre l’ultimo modello sul mercato o l’ultima moda. È un trend intelligente e altruista. Chi lo fa diventa subito un role-model, un esempio da imitare. Spesso si tratta di progettisti stanchi di contribuire a prodotti dal design obsolescente o dall’hardware a vita limitata, impossibili da smontare e riparare.

“Ero stufa di dovere comprare roba nuova in continuazione”, racconta Jane ni Dhulchaointigh, “frustrata con gadget progettati per non durare più di qualche anno. L’inventrice di sugru sognava un prodotto capace di riparare tanto il mestolo da cucina che l’iPhone ma, soprattutto, di ridare glamour all’idea in disuso di riparare ciò che già abbiamo. Mentre studiava product design al Royal College di Londra, inventò una pasta di silicone e polvere di legno riciclata da una falegnameria. Ci vollero poi altri dieci anni di esperimenti per trasformare la poco appetibile e puzzolente pasta marrone in una sorta di “space age rubber”, coloratissima e piacevole da maneggiare. A quel punto, sugru diventò oggetto di culto (tanto che Time magazine la nominò una delle grandi invenzioni del 2010, persino prima dell’Ipad!) e il fixing un vero e proprio movimento".

“Il motto sul website della nostra compagnia (http://sugru.com), che oggi ha una sede in Inghilterra e una negli Stati Uniti, è semplice e inconfutabile: the future needs fixing. Gli esempi e i consigli vengono direttamente dagli utilizzatori, una comunità che già conta centinaia di migliaia di persone nel mondo”.

È una filosofia condivisa non solo dai fedelissimi di sugru ma da sempre più persone che cercano o mettono istruzioni per riparazioni DIY tra i video di Youtube, zeppe di dettagli visivi che illustrano ogni passaggio, oppure sul sito di iFixit, che vende parti di ricambio per il fai da te tecnologico e offre consigli gratuiti.

“È l’idea rivoluzionaria per il terzo millennio”, commenta ancora Jane ni Dhluchaointigh, “semplice da mettere in pratica ma con un potenziale di trasformazione enorme”.  E come ogni rivoluzione, ha il suo manifesto.

Con principi efficaci come:
1. Se è rotto, riparalo. Perché risolvere praticamente i problemi dell’esistenza quotidiana è la più bella forma di creatività esistente.
2. Se non è rotto, miglioralo. Una piccola, intelligente aggiunta può migliorarne l’uso per gli anni a venire.
3. Dai ai tuoi prodotti una lunga vita. Se duplichiamo la lunghezza della vita dei nostri prodotti, dimezziamo la quantità che va alla discarica.
4. Fai resistenza alle mode e agli upgrade inutili. Servono a incrementare la cultura dell’usa e getta.
5. Non lasciare che le ditte industriali ti trattino da consumatore passivo. Ogni volta che spendi denaro, voti per il tipo di prodotti che vuoi abbiano successo. Compra prodotti che possano essere riparati.
6. Una cosa riparata è una cosa bella. Ogni riparazione, professionale o improvvisata, ha una storia da raccontare… E via riciclando.


di Gloria Mattioni / 22 Gennaio 2014

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina con la sua magia il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web