ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Arredi di design a Parigi: novità e pezzi storici

La nuova collezione di Ligne Roset. All’insegna del comfort domestico e dell’high-tech

Nel nome del comfort e dell’innovazione, il marchio francese Ligne Roset ha presentato le sue ultime novità durante la fiera Maison & Objet tenutasi lo scorso a gennaio a Parigi. Il diktat è uno: privilegiare la ricerca estetica per migliorare lo stile di vita di tutti, senza mai perdere di vista la salvaguardia dell'ambiente, attraverso una meticolosa ricerca di prodotti e materiali per garantire performance ed ecosostenibilità.

Partiamo dalle riedizioni di un maestro. Nel 1953 il Daybed 118 di Pierre Paulin venne osannato dal Salon des Arts Ménagers (Fiera degli elettrodomestici e dei casalinghi) e dalla stampa specializzata: oggi Ligne Roset riproduce il mobile dalle misure contenute (con tavolino integrato) che si trasforma in un divano per 3 o 4 persone o ancora in un letto, grazie ai cuscini schienale che lo modificano nell’uso. Deriva sempre da un modello del 1953 di Paulin la lounge chair con ottoman Archi con una seduta che sembra sospesa su una base aerea. In seguito al primo successo al Salon des Arts Ménagers di Parigi, Pierre avvia una collaborazione con Thonet France, disegnando in particolare scrivanie e sedie. Oggi l’azienda ripropone il suo scrittoio Tanis, costituito da un blocco di due cassetti in pannelli di truciolare impiallacciato in noce naturale e piano di scrittura in laminato Fenix NTM, finitura nera.

Gioca in casa la designer francese Inga Sempé con la poltrona Beau Fixe nata dal semplice accostamento tra due entità complementari: una struttura in metallo e un piumone. Semplicità e funzionalità sono gli elementi progettuali che caratterizzano la lampada Adamas di Studio Hekla che si basa sul principio dell’eliminazione del superfluo e di qualsiasi meccanismo visibile per svelare la magia di un oggetto fluttuante. Fancy Chic, di nome e di fatto, è un coffee table con struttura e base in acciaio piatto curvato, finitura nichelata-ramata e vernice antiossidante pensato da Frédéric Ruyant, discepolo di Gaetano Pesce.

Anche l’olandese Bertjan Pot, ispirandosi alla tecnica tradizionale del tessuto kilim e alle tendenze grafiche contemporanee con forme geometriche (rigature, pois, quadrati, esagoni), riproduce sul tappeto Hex Hex piccoli triangoli multicolore che suggeriscono molteplici pattern assemblati in losanghe, in trapezi, in esagoni, o a spina di pesce.

Ad attirare l’attenzione di tutti presso lo stand Ligne Roset è stato Hop & Up, progetto site specific di Sandra Planchez. Si tratta di uno spazio abitativo che si trasforma a nostro piacimento, mai cristallizzato ma sempre adeguato al ritmo delle nostre attività, dei nostri desideri. Di volta in volta, Hop & Up diventa letto, divano, scrivania, libreria, lampada, svuotatasche, specchio, rispondendo agli stili di vita dei nostri giorni. Si lavora al PC dal letto, seduti a gambe incrociate. Si mangia velocemente, appoggiandosi distrattamente a un tavolo mentre si consultano le e-mail. Si dà un’ultima occhiata nello specchio prima di uscire, dopo aver riposizionato il letto con un movimento semplice della mano, per liberare spazio.

www.ligne-roset.it


di Eugenio Cirmi / 17 Febbraio 2015

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web