ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Gerhard Richter e la sua arte sperimentale

A Basilea una mostra ripercorre la creatività poliedrica dell’artista tedesco

La Fondation Beyeler di Riehen, a Basilea, dedica a Gerhard Richter una mostra con l’intento di omaggiare uno degli artisti più poliedrici del nostro tempo. Eclettico nella sua costante ricerca di nuovi linguaggi figurativi, l’artista tedesco negli anni è diventato celebre per le sue trasposizioni su tela di immagini tratte dal mondo della fotografia. I suoi “foto-dipinti” hanno ispirato innumerevoli interpretazioni del concetto di realtà e di quello più astratto della illusione.

Negli spazi della fondazione, disegnata da Renzo Piano, si possono ammirare fino al 7 settembre alcune delle sue opere più famose, radunate in serie e cicli. Tra queste, quella che fece più discutere quando fu realizzata si intitola “Acht Lernschwestern” del 1966. L’artista riprese i ritratti di alcune giovani infermiere assassinate, apparsi sui giornali all’epoca, con l’intento di instaurare un nuovo dialogo semantico staccandole dal loro contesto descrittivo legato al fatto di cronaca. Nel ciclo “S. mit Kind” Gerhard Richter invece ha voluto rielaborare la classica iconografia legata alla figura della Madonna, creando un nuovo insieme pittorico partendo da fotografie di famiglia.

Molto interessante è anche la serie “Strips”, creata fotografando un dipinto astratto, i cui particolari sono poi stati rielaborati in maniera digitale. Altrettanto sperimentali sono Spiegel e le lastre di vetro “12 stehenden Scheiben” e “9 Scheiben (Kartenhaus) “con le quali il visitatore della mostra diventa un soggetto attivo. Non mancano infine le sue opere singole più famose, quali “Betty”, “Lesende” ed “Ella”, oltre alle serie “Bach”, “Kerzen” e “Schädel”.


di Maria Chiara Antonini / 11 Luglio 2014

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina con la sua magia il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web