ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Berton prende casa a Milano

A Porta Nuova il nuovo ristorante di Vudafieri Saverino Partners

Andrea Berton, cuoco di fama internazionale, molto atteso in uno spazio tutto suo dopo la fortunata esperienza al Trussardi, ha creduto nell’avveniristico progetto urbanistico di Porta Nuova Varesine, simbolo della nuova Milano metropolitana e contemporanea, installandosi al pianoterra di uno degli edifici progettati da Kohn Pedersen Fox.

Direttamente affacciato su quella che sta diventando la zona verde pedonale del nuovo centro nevralgico milanese, il ristorante di Andrea Berton è stato progettato dallo studio Vudafieri Saverino Partners. Lo racconta così Tiziano Vudafieri: “Lo sentiamo molto nostro perché siamo dei fan da anni della cucina di Andrea, che crediamo di conoscere meglio di molti altri. Andrea è uno dei cuochi italiani più interessanti, la sua cucina ha una struttura estremamente rigorosa, naturale, con uno o due ingredienti sorprendenti, che non punta alla dissonanza ma sempre all’equilibrio. L’interno che abbiamo progettato per lui è un po’ questo: un volume rigoroso, fatto di linee pure, in cui non c’è una parete o un piano del soffitto ortogonale o parallelo, senza che il tutto risulti in alcun modo dissonante.
I materiali sono semplici per la maggior parte delle superfici (cemento, legno massello spazzolato), su cui l’oro pallido e l’acciaio giocano il ruolo dell’ingrediente inatteso. C’è un omaggio – ovvio, da architetti – ai piani inclinati di Porta Nuova, e alla forma del grattacielo che lo ospita”.

Insomma, un 100% Vudafieri Saverino perché ragiona sul contesto in cui è inserito e perché assomiglia in pieno a chi lo abita. Come conferma Andrea Berton: “È il mio posto, questo spazio architettonico rispetta la mia filosofia, è accogliente, non crea diffidenza, ha una luce speciale, un’immagine spontanea, accessibile, eppure riservata, fa sentire ogni cliente un ospite importante. Il mio pensiero di cucina è molto moderno, ha come caratteristica principale l’immediatezza. I miei piatti, nitidi, senza fronzoli, sono costruiti intorno a sapori primari, tutti gli ingredienti, e non sono mai molti, sono valorizzati nella loro massima espressività, in perfetto equilibrio e non si nascondono al palato, né alla vista”.

La luce naturale è un plus, le alte vetrate sono schermate da pannelli di carta pergamena accoppiata che di notte, grazie a un Led interno, diventano elementi discreti di illuminazione. A soffitto lunghi pannelli inclinati degradanti e complementari tra loro creano un effetto mosso e di prospettiva dinamica, con spot incassati, in puntuale corrispondenza dei tavoli che danno perfetta visibilità ai piatti. A sorpresa una bussola in legno di olmo fiammato, innestata tra sala e cucina, rappresenta l’evoluzione del classico tavolo dello chef.

Info: Andrea Berton, viale della Liberazione 13, Milano. www.ristoranteberton.com


di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto / 22 Gennaio 2014

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina con la sua magia il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web