ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

L'architettura veste l'haute couture

A Seoul, un concentrato di gusto e creatività tutto italiano disegna il lussuoso store Givenchy

«Personalmente dipendo da Givenchy come le donne americane dipendono dal loro psichiatra», diceva Audrey Hepburn. Indiscutibile. Un'eleganza superba, fatta di proporzioni e tessuti ricercati capaci di leggere ed esaltare la bellezza del corpo femminile ha sempre contraddistinto le creazioni della maison francese, in passato e anche oggi, con l'attuale direzione creativa di Riccardo Tisci. Un'identità forte con cui lo studio Piuarch si è dovuto necessariamente confrontare per il disegno del nuovo flagship store Givenchy a Seoul, nel pieno fashion district della città.

Un progetto tutto italiano, che ha unito la personalità di Tisci – talento internazionale appassionato, libero, amante del design di Ponti e Scarpa – con l'approccio progettuale dello studio milanese, contraddistinto dall'hi-tech costante ma controllato, l'incursione nel mondo dell'arte, la sperimentazione nei materiali, e dal curriculum ricco di collaborazioni con case di moda.

Piuarch ha vestito lo spazio come lo stilista la sua modella: l'involucro esterno in lastre di acciaio elettrolucidato è un abito di tessuto morbido, prezioso e cangiante, che vive della luce e dell'aria circostante, mutando aspetto in base al meteo e alle stagioni. Gli effetti optical, che omaggiano sia l'arte anni '60 di Fontana e Castellani sia le lavorazioni delle ultime collezioni Givenchy, rendono il diaframma vibrante e quasi animato da movimenti celati. In sommità il taglio netto è un vezzo che scopre la 'sottoveste' in ottone satinato, riportando il celebre T Cut della maison francese.

Sotto la veste, i quattro piani del negozio ospitano le collezioni uomo, donna e gli accessori Givenchy, in spazi luminosi ed essenziali, arredati con materiali naturali e pregiati, dai colori neutri: legno per la pavimentazione, marmo Calacatta, Selanoir, pietra di Basalto per le quinte interne, che creano ai piani corner e quinte più private. Per le rampe della scala a giorno, elegantissima, Marmo Sahara Noir, dalle venature sottili e luminose.

www.piuarch.it 
www.givenchy.com


di Alessia Pincini / 9 Aprile 2015

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web