ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il nuovo flagship store Pisa in un palazzo storico nel cuore di Milano

Nel quadrilatero della moda, un luogo di culto per gli appassionati e i collezionisti dell'alta orologeria

La storia di Pisa Orologeria ha inizio negli anni ‘40 in una bottega-laboratorio di soli 15 metri quadrati, visibili dalla vetrina su strada che attira gli sguardi dei passanti sul lavoro del tecnico orologiaio Osvaldo Pisa. Oggi, mentre l’azienda festeggia i 75 anni di attività, il pubblico, al riparo del passaggio su strada, ha il piacere di ammirare più di 17 vetrine percorrendo i 22 metri della nuova galleria che introduce al flagship store in uno storico palazzo di via Verri.

Un’idea vincente del progettista Antonio Vittorio Carena, che ha così arretrato di oltre due metri l’ingresso all’interno dell’edificio. E anche l’ennesima attenzione per la clientela, italiana e no, che considera Pisa il punto di riferimento internazionale dell’alta orologeria. A guidare l’azienda sono Maristella Pisa, presidente, e la figlia Chiara, direttore generale, con la mission di confermare i valori del passato proiettandoli in una visione lungimirante del futuro: «Fin da bambina rimanevo stupita e affascinata alla vista di un orologio aperto che dentro la cassa poteva contenere fino a mille pezzi, minuscoli e precisi. Nella nostra tradizione il laboratorio ha un posto speciale: all’ultimo piano i nostri tecnici al lavoro sono visibili da tutti e attorno a un desk di forma circolare svolgono un servizio postvendita rilassato e puntuale. L’attenzione è stata poi quella di mantenere in uno spazio così ampio, 1.200 metri quadrati su tre piani, quell’atmosfera elegante e accogliente a cui i clienti Pisa erano abituati», continua a raccontare, nel luminoso spazio Satellite destinato a ospitare e rappresentare l’identità di brand di volta in volta diversi.

«Per la voglia di entrare in azienda ho accelerato il corso di laurea in economia all’università Bocconi. A volte rimpiango di non aver approfondito alcune materie, ma sono sempre più convinta che gli orologi siano l’amore della mia vita». Nel concept store il progettista Antonio Vittorio Carena ha riunito la funzione di una grande bottega contemporanea, l’estetica di uno spazio moderno e internazionale e la sacralità di un luogo dove l’orologeria si racconta.

All’ingresso il nuovo logo: il segno di un labirinto in ottone inserito nel pavimento in marmo e due banconi simmetrici in alabastro ad accogliere chi entra. Su due livelli rialzati, salottini con poltrone in pelle per dedicarsi con tranquillità alla scelta giusta. Una scala in mogano che abbraccia l’ascensore di cristallo porta al primo piano con cinque salotti, di cui uno destinato all’orologeria femminile.

Un altro spazio, teatro di trattative riservate ed esposizione di pezzi unici, è chiamato Divino Room, dal nome di uno dei tre fratelli Pisa, colui che negli anni ’30 fonda la prima scuola di orologeria e crea negli anni ’50 il primo orologio a magnetismo terrestre. All’ultimo piano l’Osservatorio, un grande spazio funzionale con il laboratorio, e la Virtual Room, progetto in divenire per una consulenza professionale a distanza.

www.pisaorologeria.com

SCOPRI ANCHE:

I coltelli di Lorenzi tornano a Milano


di Rosaria Zucconi / 28 Febbraio 2016

CORNER

Magazine collection

[Magazine]

Luci sul canale

La rassegna di Light Art illumina con la sua magia il centro di Amsterdam

Natale

[Magazine]

Ricordando Caccia Dominioni

Sulle tracce di uno dei più eleganti progettisti dei nostri tempi

notizie

[Magazine]

Nuovi Scenari

Novembre 2016 di Elle Decor Italia + eMag italiano e inglese

Design

[Magazine]

3 luoghi di culto insieme

Chiesa, moschea e sinagoga in un unico allestimento a Parigi

Allestimenti

[Magazine]

Una notte in prigione. Per cena

Dal carcere di Torino, una storia di cibo e di architettura

interviste

[Magazine]

Il design è un gioco collettivo

A Melbourne, tavoli da ping pong in cemento per la socialità

arredi outdoor

[Magazine]

Extraordinary Design

Ottobre 2016 di Elle Decor Italia + Elle Decor Contract Book

In edicola

[Magazine]

Storie di vetri e di design

La Fondazione Cini di Venezia dedica una mostra a Paolo Venini

mostre

[Magazine]

L'art de vivre a 12 mani

Peter Marino e India Mahdavi tra gli autori della prima linea casa Dior

accessori di design

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web