ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

News

di Redazione Elledecor.it

Il diario quotidiano di Elledecor.it tenuto dalla redazione. Per scoprire anteprime, protagonisti e tendenze del mondo del design, del progetto e degli interni. Un appuntamento fisso per essere aggiornati sulle ultime novità in fatto di arredi e interior design, un'occasione unica per fotografare in tempo reale quanto succede intorno alla parola casa e alle sue nuove declinazioni.

12 Settembre 2017

Rafael Moneo vince il Nobel giapponese dell'architettura, il Praemium Imperiale Awards

A 80 anni l'architetto spagnolo vince ancora, questa volta in Giappone

00-praemium-imperiale-awards-rafael-moneo
Courtesy of Praemium Imperiale - Japan Art Association

Ha 80 anni ma Rafael Moneo non smette di fare incetta di premi, e questa volta vince il prestigioso Praemium Imperiale Awards. Così a ottobre Moneo, già insignito del Pritzker, volerà nel paese del Sol Levante per ritirare dalle mani del Principe Hitachi in persona il premio di 15 milioni di Yen (circa 115 mila euro). Istituito nel 1989 il Praemium Imperiale Awards viene conferito annualmente a personalità che hanno segnato profondamente il campo in cui operano. Pittura, scultura, architettura, musica e teatro; questo premio (tutto in salsa giapponese) copre i campi non rappresentati dal Premio Nobel. Il Praemium Imperiale Awards tra gli altri è stato vinto da Norman Foster, Richard Rogers e David Chipperfield. Adesso è il turno di Moneo, che attirò su di se gli occhi del mondo nel 1986 con il Museo Nazionale di Arte Romana a Merida, e che da quel momento non si è mai stancato di cercare nella sua architettura, così come nella sua teoria, un rapporto speciale tra il costruito e il contesto.

Insieme a Rafael Moneo riceveranno il Praemium Imperiale Award il pittore iraniano Shirin Neshat, lo scultore ghanese El Anatsui, il cantante senegalese Youssou N’Dour e per il teatro il coreografo lituano Mikhail Baryshnikov.


di Martina Nanni / 12 Settembre 2017

CORNER

Elle Decor collection

[Interior Decoration]

L'hotel più bello di Hong kong

In anteprima il progetto di Foster+Partners per The Murray

Travel

[Design]

Essere hipster a Dubai

Alla scoperta di Alserkal Avenue, il distretto creativo della città

Travel

[Interior Decoration]

KIKOiD a Milano

In corso Vittorio Emanuele iI nuovo regno di beauty e del make up

Negozi di design

[Design]

Patricia a Philadephia

La prima personale di Patricia Urquiola negli Stati Uniti

mostre

[News]

Metti l'arte in cucina.... e portala in TV

Piatti e cocktail d'arte, in onda su Sky Arte

costume

[Architettura]

Una mela al giorno...

A Cupertino Apple apre il Visitor Center progettato da Norman Foster

edifici pubblici

[Architettura]

Un nuovo grattacielo a Milano

Lo skyline della città cambia ancora con Gioia 22, pronto tra 3 anni

progetti

[Case]

La casa del futuro

Una casa passiva made in Usa destinata ad avere successo

casa ecologica

[Architettura]

Il volto urbano nella storia

La mostra di Carlos Garaicoa alla Fondazione Merz di Torino

mostre

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web