ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I nastri dei fratelli Campana

Fitas: da serie di mobili a ballerine in plastica + VIDEO

Incontriamo Humberto Campana nello showroom milanese di Melissa, per cui ha disegnato insieme al fratello Fernando la ballerina Fitas (nastri).

Di questo progetto esistono diverse facce. Ce le racconti?
La serie Fitas nasce tre anni fa, all’inizio era un vassoio. Poi è diventata la base dei tavolini che abbiamo utilizzato nel caffè del Theatro Municipal a São Paulo, e l’anno scorso sono nati un tavolo e un buffet (prodotti in edizione limitata, ndr). Melissa ha manifestato interesse e hanno iniziato a lavorarci. Sono riusciti a rendere al meglio il volume, qui la texture è molto presente. Una delle cose interessanti di questo prodotto è che è realizzato per il 40% in plastica riciclata, aspetto che a Melissa sta sempre a cuore.

E’ stato più divertente studiare la versione L (i mobili) o quella S (le scarpe)?
Per me non c'è stata differenza. Mi piace sempre visitare altri universi: moda, arte, arricchire il mio vocabolario con nuove conoscenze.

I mobili sono fatti artigianalmente, questo delle ballerine è un progetto industriale. Quali sono le differenze principali?
Tutto quello che è tecnologia lo lasciamo a Melissa. Noi facciamo i prototipi, a mano: in carta (questo era in carta, se non ricordo male), filo d’alluminio, plastica. Per i più complessi ci vogliono anche venti giorni… Nel nostro studio hanno la pazienza giusta. E poi farli porta armonia, allenta la tensione.

Cosa portate al Salone?
Bastardo, un nuovo divano per Edra. Il nome l’ha trovato Massimo Morozzi (art director dell’azienda, ndr) quando ha visto i primi piccoli prototipi che gli abbiamo mandato: “Sembra un bastardino!”. Abbiamo deciso di adottare il nome.


di Ruben Modigliani / 3 Aprile 2014

CORNER

People collection

[People]

L'Eclaireur a Los Angeles

Il concept store raccontato dalla fondatrice Meryl Hadida Shabani

intervista

[People]

Addio Azzedine Alaïa

Anche il design in lutto per la scomparsa del couturier tunisino

fashion

[People]

Il design a Dubai

Intervista a William Knight, direttore della Dubai Design Week

interviste

[People]

Tra design e ingegneria

Julian Melchiorri racconta i suoi progetti tra il design e la scienza

interviste

[People]

Slow Design

Alice Stori Liechtenstein fa il punto su Operae 2017

interviste

[People]

Il design fotogenico

Il favoloso mondo di Harry Nuriev, re del design su Instagram

costume

[People]

Anima Jungalow

Bohemien, coloratissimo e green: ecco il nuovo trend californiano

interviste

[People]

Nella villa di Gio Ponti

Ilaria Toueg racconta Ted Milano, tra artigianalità e Made in Italy

interviste

[People]

L'interior di Charles Mellersh

Il designer ci porta nei suoi interni speciali e normali allo stesso tempo

interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web