ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La poetica del bianco

A Parigi nello showroom di Yohji Yamamoto

Yohji Yamamoto apre il suo nuovo spazio parigino per una visita riservata a Elle Decor. E ci spiega come la semplicità sia il risultato finale di un lungo e complesso work in progress.

Yohji Yamamoto vive fra Tokyo, dove si trova il suo atelier, e Parigi dove non manca mai alle presentazioni delle collezioni. E proprio in occasione del suo ultimo passaggio nella capitale ha aperto in esclusiva a Elle Decor le porte del nuovo store in rue Cambon. Lo spazio, progettato con Sophie Hicks, architetto londinese, è una scatola bianca dove si realizza l’essenza della sofisticata estetica giapponese. All’ingresso percorriamo uno stretto corridoio, preludio a un’esperienza iniziatica, che ci conduce a un vasto ambiente: una galleria agli antipodi degli spazi commerciali, con poche emblematiche silhouette di mannequin. Le vetrine sono schermate da pannelli simili a origami in carta Shoji bianco neve, piegati come uccelli. Suggerire senza rivelare troppo: chiudendo la vista dalla strada, preservano la privacy dei clienti, conferendo allo spazio una forte identità grafica a immagine del lavoro dello stilista, maestro di luci e ombre. Nelle case giapponesi, lo shoji è un divisorio in carta traslucida con intelaiatura di legno che separa gli ambienti. Qui, alludono al recupero di una raffinata tradizione, che enfatizza le ombre per sottolineare il mistero di ciò che si vede e si sente solo a metà. Leggeri e resistenti, sono realizzati in Giappone in una versione innovativa con fibre sintetiche: “Ho voluto modernizzare lo Shoji, trasformandolo per la mia boutique in una scultura tridimensionale”. Da sempre emblema di un’estetica epurata, Yamamoto è lo stilista che ha provocatoriamente proposto i suoi abiti strappati, effetto invecchiato alla Parigi abituata alle perle di Chanel. Era sembrata la caduta del buon gusto, ma di fatto la storia della moda contemporanea iniziò allora. Oggi è uno dei più importanti fashion designer al mondo. Se dovessimo raccontarlo con un cliché, potremmo definirlo “concettuale”. La definizione non lo convince più di tanto, perché Yamamoto ama la vita, suona la chitarra, gode fama di grande seduttore, fuma, beve, gioca a mah-jong e a biliardo. Ma lavora anche con la sua Maison in modo rigoroso, assicurando la continuità del gruppo fondato nel 1971, che non si avvale di finanziatori. Gli abbiamo chiesto se la crisi attuale può condurre al ritorno della semplicità: “È presto per dirlo. Oggi solo una minoranza di persone propone o vive questo ritorno alla semplicità. La maggioranza è ancora impegnata in una corsa sfrenata e senza fine alla realizzazione di ogni proprio desiderio e si lascia trasportare da una sorta di bulimia di vita, puntando al troppo, all’eccesso. Siamo lontanissimi anche solo dall’essenza della semplicità, che spesso si accompagna a un basso profilo e che richiede una buona dose di stile e di classe. Al contrario di quanto si pensi comunemente, semplicità non fa rima con vacuità, né tanto meno con stupidità, che sia in inglese o in francese, il termine ‘semplice’ assume spesso una connotazione di ‘stupido’. Non è la mia opinione, anzi! E’ addirittura l’acme della complessità, nel senso che è il risultato finale di un lungo processo, la conclusione di una battaglia, la soluzione di un conflitto. Alla fine, la semplicità è necessariamente qualcosa di nuovo, capace di esprimere l’essenza delle cose, nella pienezza del loro splendore.”


di Ana Cardinale / 30 Giugno 2010

CORNER

People collection

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo l’arco di tre decenni, nel segno coerente della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

[People]

La natura guerriera di Simeti

L’artista in mostra alla galleria Francesca Minini di Milano

interviste

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web