ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il Pritzker Prize a Shigeru Ban

Premiato l'architetto giapponese famoso per le case di cartone

Il trend è confermato. Ancora una volta – come successo nelle ultime edizioni - il Pritzker Prize va all'Oriente, segno che l'architettura asiatica è sempre più in ascesa. Dopo Kazuyo Sejima, premiata nel 2010, Wang Shu insignito nel 2012 e Toyo Ito vincitore lo scorso anno, l'ambito riconoscimento è andato al giapponese Shigeru Ban.

La notizia è stata appena divulgata. Ieri, lunedì 24 marzo è stato annunciato che il progettista, celebre per il suo impegno civile e per l'innovazione, verrà festeggiato in una cerimonia ufficiale che si terrà presso il Rijksmuseum di Amsterdam il prossimo 13 giugno.

Considerato il Nobel per l'architettura, il Pritzker va a un architetto-designer che negli anni si è distinto per l'impegno umanitario collaborando nel '94 con le Nazioni Unite per cause come i campi profughi della Ruanda, realizzando nel '95 case d'urgenza per gli sfollati del terremoto di Kobe, prestando la propria opera in situazioni di emergenza in Turchia, India, Cina e Haiti.

Ban è nato a Tokyo 56 anni fa e si è formato dapprima al Southern California Institute of Architecture per poi completare gli studi alla Cooper Union di New York nel 1984. Negli anni si è messo in luce grazie a progetti del calibro del Centre Pompidou-Metz in Francia (2010), la Cardboard Cathedral a Christchurch in Nuova Zelanda (2012–2013), la Naked House in Giappone (2000) e molti altri.

Operativo in 3 città (Tokyo, Parigi e New York), il vincitore del premio Pritzker 2014 trova soluzioni progettuali insolite spesso basate su elementi inaspettati legati alla struttura, ai materiali, alla vista, alla ventilazione naturale e all'illuminazione, tenendo sempre in mente il lato umano di un edificio. Residenze private, quartier generali di multinazionali, musei, teatri e edifici pubblici, sono tutti accomunati dalla sua originalità, economia e ingegno che spesso si scostano dall'eccesso di tecnologia di tanta architettura di oggi.


di Eugenio Cirmi / 25 Marzo 2014

CORNER

People collection

[People]

Curve celebri

Zaha Hadid, la linea fluida tra design e architettura

Zaha Hadid

[People]

Innamorarsi degli errori

Intervista a Fala Atelier, lo studio più ottimista di Oporto

interviste

[People]

French touch

Philippe Starck e la rivoluzione francese nel design

costume

[People]

Io ballo da sola

Maddalena Casadei: una designer a Milano

interviste

[People]

A contatto con l'argilla

Istinto e un corso di 6 settimane: la storia di Jacqueline Klassen e la ceramica

interviste

[People]

La casa più fotografata di L.A.

James Goldstein racconta la Sheats–Goldstein Residence

costume

[People]

WIT, l'intervista

Sette domande agli architetti di Barcellona

costume

[People]

Il riad della principessa

Letizia Ruspoli ci racconta la sua casa e i segreti di Marrakech

interviste

[People]

7 domande a Paolo Errico

Il mondo dello stilista che rilancerà un noto marchio del passato

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web