ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Studio Lanzavecchia + Wai

Arredi di nuova generazione e design per la terza età

Italiana lei, di Singapore lui. Il punto d'incontro? La Design Academy di Eindhoven dove entrambi hanno conseguito un Master in Design sotto la direzione di Gijs Bakker, co-fondatore di Droog Design. Il percorso di Francesca Lanzavecchia (classe 1983) e Hunn Wai (classe 1980), però, parte da lontano. La prima studia Product Design al Politecnico di Milano, l'asiatico Industrial Design alla National University di Singapore.

Fondano l'omonimo studio nel 2009, e iniziano a sperimentare nel campo, non solo del design puro, ma anche della ricerca, dell'ingegneria, dell'artigianato e dello storytelling. Nel panorama dei giovani designer internazionali si distinguono con Spaziale, collezione di creature domestiche: mobili ibridi la cui struttura è rivestita in tessuto elastico per sollecitare il senso del tatto.

Il loro modus operandi è fatto di coerenza, frutto di un giusto bilanciamento tra culture di provenienza diversa (quella legata al recupero della manualità artigianale orientale e quella tesa alla ricerca di una nuova estetica, più occidentale) espresso in oggetti quali le lampade Leone, Rhizaria e Biophilia.

Il loro modo di progettare, naturalmente concettuale, dà forma a oggetti dai contorni nitidi contrapposti a realtà progettuali forti, quasi iperrealiste. Basti pensare al tappeto Amaurodes per Nodus, protagonista del quale è un coleottero tessuto in lana e seta.

Tra i materiali usati anche il vetro. Le campane di vetro Circus nascono dall’analisi dei giochi per bambini. Sono da poco stati esposti in mostra, con altri loro pezzi, alla Galleria Secondome di Roma (Rock it!, fino al 25/1/2014).

Non manca l’attenzione alle tematiche di tipo sociale. In particolare: al design per la terza età, ben rappresentato dalla collezione di bastoni per la vecchiaia riletti in chiave moderna. Creati per la nonna, ha confessato Lanzavecchia, i pezzi della linea No Country for Old Men - Together consentono di sperimentare nuove tipologie di arredi.

Info: www.lanzavecchia-wai.com


di Eugenio Cirmi / 7 Febbraio 2014

CORNER

People collection

[People]

Dal Mit al Moma

Sotira di Neri Oxman, architetto fuori dal comune

Costume

[People]

La cultura è negli oggetti

Hugo Macdonald, curatore della sezione Objet di Miart

interviste

[People]

Chi era davvero Carlo Mollino

Biografia di un genio dell'architettura del 900

Maestri

[People]

Il design è un'attitudine

Conversazione a tutto tondo con Alice Rawsthorn

Interviste

[People]

Nuovi linguaggi in scena

Intervista ad Alessandro Rabottini, direttore artistico di Miart

interviste

[People]

La regina degli spazi

L'elegante semplicità di Louisa Grey che crea equilibrio e serenità

Interviste

[People]

Doppia intervista

Italiana: la parola a Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi

Interviste

[People]

Un designer d’altri tempi

Storia di Mendini: dall'editoria alla produzione industriale

Maestri

[People]

La traduttrice di idee

Rachel Chudley e le sue case oniriche e trascendentali

interviste

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web