ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Quali sono i segreti del design bellissimo? Alex Michaelis ce li ha rivelati

Alex Michaelis co-fondatore dello studio Michaelis Boyd ci racconta il suo lavoro attraverso un'intervista

00-alex-michaelis-intervista

Alex Michaelis dello studio Michaelis Boyd lavora da oltre 20 anni a progetti di hotel, ristoranti, bar e residenze di lusso nel Regno Unito e in tutto il mondo, insieme al suo socio Tim Boyd. (Foto: Ed Reeve)

Lui è Alex Michaelis e, nel 1995 ha fondato, insieme a Tim Boyd, lo studio di architettura Michaelis Boyd, specializzati in progetti residenziali di lusso, hotel, club per membri, ristoranti e bar, sia nel Regno Unito che in tutto il mondo. E in oltre 20 anni ne hanno vista di acqua passare sotto i ponti. Dai cambiamenti culturali e sociali alle nuove tecnologie, passando per i gusti dei clienti che si evolvono e, curiosamente, spesso ritornano al passato.

Tra i loro progetti c'è Sandibe, un safari sostenibile in Botswana, gli interni per le nuove residenze della Power Station di Battersea, il Williamsburg Hotel a Brooklyn, la Soho Farmhouse in Oxfordshire e il Kimpton De Witt Hotel, Amsterdam.

Incontriamo Alex nel suo studio londinese, per parlare di trend e farci raccontare i loro progetti per il futuro.

Il vostro lavoro spazia dalle residenze agli alberghi di lusso, passando per ristoranti e club privati. Qual è il segreto per costruire progetti bellissimi?
punto di partenza è sempre definire chi sono le persone che faranno uso di un luogo. Quindi, progettarlo semplicemente per questo, cercando il più possibile di creare un luogo “a prova di futuro” e che perduri nel tempo.
A tal fine, è necessario introdurre alcuni dettagli di design creativi con materiali naturali che invecchieranno con grazia e daranno alla struttura la longevità e un fascino duraturo nel tempo.

Nella foto: un appartamento nel quartiere di Clerkenwell a Est di Londra realizzato dallo studio di architettura Michaelis Boyd (Foto by Billy Bolton)

Qual è la parola chiave di ogni vostro progetto?

La semplicità. E poi l'ispirazione, che viene sempre dal saper ascoltare il cliente.

Di recente avete completato l'albergo ad Amsterdam The Kimpton De Witt. Per quale stile avete optato?
Per questo progetto volevamo creare un design che fosse senza tempo e che catturasse il carattere di Amsterdam e rendesse omaggio alla storia dei vari edifici che compongono l'hotel. Lo stile è eclettico, celebra l'eredità della città, con colpi di scena moderni qua e là.

Si puo' parlare di trend nel vostro lavoro?
Sì. Ultimamente ho notato un incremento dell'uso di materiali naturali e un approccio più semplicistico e minimal alle forme. Oggi c'è la tendenza a realizzare strutture che inducano un senso di calma a chi le vive, come un vero paradiso terrestre.

Nella foto l'hotel The Kimpton De Witt di Amsterdam realizzato dallo studio Michaelis Boyd (Foto by Laure Joliet)

Immagino che la maggior parte degli arredi presenti nei vostri progetti siate voi a disegnarli. Ma quando vi trovate a collaborare con delle aziende di design, chi scegliete?

Moroso, Finn Juhl, Stellar Works e Carl Hansen & Son, sono i nostri preferiti. Anche se, come hai detto tu, la maggior parte delle volte commissioniamo a produttori di realizzare pezzi su nostro disegno.
Secondo voi, qual è il futuro del design?
Questa è una domanda complicata a cui rispondere, a causa delle diverse direzioni in cui si muove la progettazione, ma penso che il futuro dovrà soddisfare clienti sempre più esigenti. Pensiamo agli hotel: i viaggiatori di oggi cercano nuove esperienze dai luoghi che visitano, il che significa che le strutture dovranno trovare modi per differenziarsi e distinguersi.

Nella foto il progetto di The Williamsburg Hotel a New York, realizzato dallo studio Michaelis Boyd (Foto by Annie Schlecter)

A proposito di futuro: un progetto in arrivo che vuoi svelare?

Stiamo lavorando al design di undici ville vacanza a cui si accede attraverso spiagge private e una club house di oltre 1000mq all'interno dello splendido Goldeneye Resort in Giamaica.
E poi, ad un hotel sostenibile sul lago Titicata in Perù, a 4000 metri sopra il livello del mare. Vogliamo creare un luogo dove i visitatori possano isolarsi dal resto del mondo e, dall'alto, ammirare lo splendore della vita.

Nella foto il progetto work in progress dello studio Michaelis Boyd, il Sandibe Safari Lodge in Botswana (Foto by Dook)

michaelisboyd.com

LEGGI ANCHE:

Mille volti di un mestiere difficile, intervista a Mario Cucinella

Il caso Abramovic


di Valentina Mariani / 5 Dicembre 2017

CORNER

People collection

[People]

Il favoloso mondo di Constance

La designer francese ci racconta actio!, in scena a Parigi

interviste

[People]

Vittorio Gregotti in mostra

“Il territorio dell’architettura, Gregotti e Associati 1953-2017” è al PAC

Mostre

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Architetto ad honorem

Laurea honoris causa per Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

costume

[People]

La community di Firenze

Martino di Napoli Rampolla e l'approccio collaborativo al design

interviste

[People]

Milano omaggia Anna Castelli

A CityLife a Milano una via è stata intitolata alla celebre architetto

Costume

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web