ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Anish Kapoor, l'artista che ha inventato il nero più nero del mondo

Maestro degli opposti, poeta del vuoto, l’artista di origini indiane sa spiazzare e coinvolgere come nessuno, grazie a sculture enigmatiche, sospese tra materiale e immateriale

anish-kapoor-the-cloud-gate-chicago
Getty Images

Anish Kapoor è l’artista degli opposti: vuoto e pieno, concavo e convesso, chiaro e scuro, cielo e terra. Spesso astratte, concettuali ed evocative, le sue sculture hanno il potere di coinvolgere e spiazzare, intrecciando una relazione dinamica e complessa con il pubblico e lo spazio. E forse è per questa capacità di imprimersi nell’immaginario collettivo, mantenendo al contempo un’aura enigmatica, che Anish Kapoor è considerato da molti il più grande scultore vivente.

Nato a Bombay nel 1954, da padre indiano e madre ebrea irachena, a diciannove anni si trasferisce in Inghilterra, dove tuttora Anish Kapoor opera e vive, per coltivare la sua passione per l’arte. Ad ispirarlo sono le macchine celibi di Marcel Duchamp e soprattutto i lavori di Paul Neàgu, che diventerà il suo maestro. Sin dalle prime installazioni degli anni 70 emergono con forza alcuni temi portanti che caratterizzeranno tutto il suo percorso artistico: l'androgino, ovvero la dicotomia femminile-maschile, e la sessualità. Nel 1979 un viaggio in India lo riconnette alle sue radici, lasciandogli in dote la consapevolezza di essere una sorta di artista di confine, in bilico tra Oriente e Occidente.

Tutte le foto: Getty Images

Di ritorno in Inghilterra, Kapoor traduce questo sentimento nella serie 1000 Names, instabili oggetti scultorei adagiati per terra e cosparsi di pigmenti colorati, gli stessi venduti fuori dai templi indiani ad uso cosmetico o rituale. Le forme indefinite, a metà tra il mondo naturale e quello astratto, appartengono a corpi in transizione, che sembrano scaturire dalla materia spontaneamente.

Nel 1980 espone per la prima volta, presso lo studio di Patrice Alexandre a Parigi, e l'anno successivo alla Coracle Press di Londra ottiene la sua prima mostra personale. Da questo momento in poi, i suoi lavori originali, a cavallo tra bidimensionalità e tridimensionalità, gli procurano crescenti consensi, garantendogli un ruolo di spicco nella New British Sculpture, insieme ad altri artisti quotati come Cragg, Deacon, Woodrow e Gormley. Se nelle opere degli anni 80 a dominare è il colore puro, che smussa i contorni, evocando un’idea di sconfinamento, gli anni 90 segnano il passaggio ad una scultura via via più monumentale, quasi architettonica, che indaga il concetto di vuoto, giocando con l’illusione percettiva. “Ho fatto oggetti in cui le cose non sono quello che in un primo momento sembrano essere”, dirà Kapoor raccontando la sua esplorazione artistica. “Una pietra può perdere il suo peso o un oggetto in modo speculare può mimetizzarsi nei suoi dintorni da apparire come un buco nello spazio".

Siamo ancora una volta di fronte a opposti che si intrecciano - presenza e assenza, solidità e intangibilità, realtà e illusione. Allo spettatore il compito di interpretare e ricomporre questa dicotomia, diventando parte delle opere di Anish Kapoor. Un’esperienza immersiva, destabilizzante, dal profondo impatto emotivo. Pensiamo ad esempio alla Madonna di Anish Kapoor, installazione realizzata tra l’89 e il 90. Lo spettatore si trova di fronte a un oggetto artistico agganciato al muro da un sostegno invisibile, che lo fa apparire come sospeso. È un disco circolare, da cui sembra sprigionarsi una forza attrattiva e misteriosa: bisogna avvicinarsi e allungare la mano per capire se si tratta di una forma piatta o cava. In quel momento accade qualcosa d'irreversibile. Oltrepassata l'illusione della bidimensionalità, la mano penetra nello spazio improvviso del vuoto, del nulla e dell'assenza. Quel gesto rappresenta una violazione, un tentativo di razionalizzare e disinnescare il mistero: Kapoor sta immortalando l’uomo che non sa più fermarsi davanti al sacro.

Un’altra opera degna di nota di Anish Kapoor è When I am pregnant (1992): un bulbo in fibra di vetro e vernice emerge da una parete bianca come una protuberanza, che assume contorni diversi, più o meno nitidi, a seconda del punto da cui la si osserva.

Anish Kapoor ama gli specchi, alleati ineguagliabili nell’arte della distorsione: lavori come Double Mirror del 1997, Turning the World Upside Down del 1995 o Suck del 1998, con le loro superfici riflettenti, incarnano alla perfezione la volontà di Kapoor di confondere i sensi e alterare la realtà. Lucida e intrigante come uno specchio deformante è anche la sua opera più famosa: Cloud Gate, l'imponente “fagiolo” di acciaio inossidabile, lungo diciotto metri e alto nove, che troneggia nel Millennium Park di Chicago, ormai divenuto il simbolo della città. Costruita tra il 2004 e il 2006, la scultura cattura i passanti, il paesaggio circostante e il cielo in un'unica superficie curva e scivolosa, che raddoppia e ridefinisce lo spazio urbano. Lo stesso concetto ritorna in Sky Mirror, disco di metallo lucente che Kapoor ripropone in svariate forme, a Nottingham, Londra, New York, quasi un marchio di fabbrica che con la sua essenzialità e potenza drammatica si incarica di veicolare la visione dell’artista. La scultura, sembra dirci Kapoor, è un non-oggetto, una finestra sul nulla, qualcosa che altera l’ambiente per poi disperdersi in esso.

Altre volte il messaggio è più diretto, quasi brutale, come in Shooting into the Corner: dentro una stanza si staglia minaccioso un cannone che ogni 20 minuti spara proiettili cilindrici in un angolo. Frammenti rossi che rimandano alla mente il sangue di corpi maciullati esplodono e rimbalzano contro il muro, ed è impossibile per chi assiste  non provare un profondo turbamento. Qui Kapoor utilizza la cera, altrove sperimenta con il marmo, l’arenaria, il calcare, il PVC, per creare oggetti enigmatici, geometrici o biomorfi, sempre cercando una relazione viva e inconsueta con i materiali.

Mutano le forme, restano i colori: il blu della spiritualità orientale, il rosso della carnalità, la luce che sembra irradiarsi direttamente dagli oggetti, e che immancabilmente convive con l’oscurità. E allora ecco che con Anish Kapoor il nero si insinua tra le pieghe della materia. Non un nero qualsiasi, ma il Vantablack, ossia il nero assoluto, ottenuto con una sostanza innovativa che assorbe il 99,9% delle radiazioni luminose. Rivestite con questo materiale, di cui Kapoor si è aggiudicato l’utilizzo esclusivo, anche le forme tridimensionali appaiono piatte, ritagliate nello spazio come buchi neri.

Il percorso avviato negli anni 90 prosegue ininterrotto, continuando a sovvertire le dinamiche della percezione e ad esaltare il potere della metafora. Già vincitore del Turner Prize nel 1991, Kapoor non smette di mietere successi: il nuovo millennio porta con sé importanti riconoscimenti internazionali come il Praemium Imperiale (2011) e il Knight Bachelor (2013), mentre tutto il mondo celebra le sue opere con mostre ed esposizioni dedicate. Come sanno bene coloro che hanno avuto la fortuna di prendervi parte, qui la scultura non si guarda, né si tocca e basta, ma esige un coinvolgimento diretto, un atto di scoperta, esplorazione, profanazione, una presa di coscienza che è cerebrale e viscerale insieme, senza la quale l’opera non può dirsi completa.

anishkapoor.com


di Elisa Zagaria / 13 Febbraio 2018

CORNER

People collection

[People]

Dal Mit al Moma

Sotira di Neri Oxman, architetto fuori dal comune

Costume

[People]

La cultura è negli oggetti

Hugo Macdonald, curatore della sezione Objet di Miart

interviste

[People]

Chi era davvero Carlo Mollino

Biografia di un genio dell'architettura del 900

Maestri

[People]

Il design è un'attitudine

Conversazione a tutto tondo con Alice Rawsthorn

Interviste

[People]

Nuovi linguaggi in scena

Intervista ad Alessandro Rabottini, direttore artistico di Miart

interviste

[People]

La regina degli spazi

L'elegante semplicità di Louisa Grey che crea equilibrio e serenità

Interviste

[People]

Doppia intervista

Italiana: la parola a Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi

Interviste

[People]

Un designer d’altri tempi

Storia di Mendini: dall'editoria alla produzione industriale

Maestri

[People]

La traduttrice di idee

Rachel Chudley e le sue case oniriche e trascendentali

interviste

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web