ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come riconoscere se una borsa in pelle è davvero artigianato di qualità?

Silvia Scaramucci, fondatrice del marchio di borse in pelle Demanumea, ci racconta il dietro le quinte di un lavoro fatto bene

borse-di-pelle-demanumea-intervista-sivlia-scaramucci

Abbiamo scoperto il brand di borse in pelle Demanumea in occasione della capsule collezione realizzata con I’m Isola Marras presentata a Roma durante l’ultima settimana della moda. In quell’occasione abbiamo capito che dietro questo nome si cela un gruppo di artisti, designer, scultori, pittori, street artist, calligrafi, illustratori e ricamatori che realizza borse in pelle artigianali come fossero opere d’arte (leggi anche → Chi c’è dietro Demanumea).

L’aspetto interessante di questa realtà è la concezione di lusso all’interno della quale si inserisce: un’idea che rinuncia in partenza a tutto quel pubblico alla ricerca di uno status symbol, a chi non è in grado di comprenderne il significato e il valore, per rivolgersi a un target davvero esclusivo. 

Una scelta controcorrente, che meritava un approfondimento. Per questo abbiamo fatto qualche domanda a Silvia Scaramucci, fondatrice del marchio di borse artigianali, che ci regala anche qualche consiglio prezioso per conoscere il mondo dell’artigianato in pelle.

Demanumea è tante cose: arte e moda, design e artigianato. Come definiresti il tuo lavoro?
Un meraviglioso viaggio. Amo il mio lavoro, una continua sperimentazione insieme al mio team di artisti per la creazione di nuove tecniche espressive, di soluzioni stilistiche innovative, di qualità elevata. 

Perché hai scelto questo approccio così diverso rispetto al mercato?
Perché siamo giovani, creativi ed innovativi. Nel momento in cui ho fondato Demanumea ho deciso di andare “contromano “affondando le mie radici nell’arte e mixandola alla moda, non vi nego che inizialmente la decodificazione del messaggio Demanumea è stata difficile ma ora credo che piano piano le nostre urla e la nostra passione arrivino al cliente. 

 

Come fa una giovane designer a entrare nel mercato oggi? Quanto sono importanti le collaborazioni?
Il team è tutto. Per un prodotto che vuole inserirsi nel segmento lusso è molto difficile farsi spazio in un mercato cosi saturo ma grazie alla forza dell’unicità del nostro progetto stiamo creando la nostra dimensione. Le collaborazioni per noi sono molto importanti in quanto abbiamo deciso di mettere a disposizione di aziende del mercato lusso il nostro know how nella realizzazione di prodotti 100% handmade realizzati in Italia da artisti con diverse tecniche.

Dove possiamo trovare le vostre borse?
On line sul sito www.demanumea.com, e in 18 top shop nel mondo tra cui Etoile La Boutique in Medio Oriente (multibrand fondato da Ingie Chalhoub e oggi tra i principali negozi di lifestyle di lusso che ha in licenza brand come Chanel, Valentino, Ralph Lauren, TODS, Hogan e John Galliano, NdR)  e in gallerie d’arte come Galleria Mazzoleni al Forte Village Resort di Santa margherita di Pula.

 

Quali sono i tuoi negozi di design e accessori preferiti che valorizzano la ricerca e l'artigianalità?
In generale sono tutti quelli che amano, promuovono e vendono tutto ciò che è innovativo, differente e soprattutto unico, raro e autentico.

Se dovessi dare ai nostri lettori qualche consiglio su come scegliere gli accessori in pelle, cosa gli consiglieresti? Come riconosciamo un pezzo artigianale? Quali caratteristiche deve avere?
Ogni prodotto artigianale è fatto di piccoli dettagli che insieme creano un prodotto ben fatto, suggerisco di osservare le cuciture, meglio se fatte a mano, la tintura della costa, gli accessori metallici che devono essere in ottone per non rovinarsi nel tempo e il fiore della pelle che più è a vista più la pelle è pregiata. Purtroppo in Italia è sempre più difficile trovare prodotti di alto artigianato…

SCOPRI ANCHE:
Dove si vestono i nuovi gentleman?


di Carlotta Marelli / 13 Luglio 2017

CORNER

People collection

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

[People]

La giornalista designer

Un'intervista per scoprire il mondo di Suzy Hoodles

Interviste

[People]

Tricia Guild e il colore

La fondatrice di Designers Guild lancia un nuovo libro e si racconta

interviste

[People]

Marco Lavit, designer 2.0

A tu per tu con un talento emergente dell'architettura italiana

intervista

[People]

I segreti di un bel design

Il co-fondatore dello studio Michaelis Boyd ci racconta il suo lavoro

Interviste

[People]

I desideri dei clienti dei designer

13 progettisti raccontano le richieste più bizzarre dei committenti

Interviste

[People]

Design Made in China

Jiang Qionger racconta la storia dell'artigianato cinese

interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web