ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Incontro con Stefan Diez

Hometta fa tappa a Monaco nello studio del designer tedesco

A Monaco, esiste un mondo alla fine del mondo che ha l’ingresso su Geyerstrasse, e prosegue lungo un sentiero di alberi e pozzanghere fino alle porte dello studio di Stefan Diez, una delle firme più accreditate del design tedesco, e della moglie Saskia, creatrice di gioielli.

Fa un certo effetto andare a visitare un designer affermato e ritrovarsi in un cortile animato da bambini scalzi, dove ci sono case costruite sugli alberi e lo scivolo parte da un buco nel muro al secondo piano dell’edificio di fronte. Lo stesso effetto che leggo negli occhi di Stefan Diez mentre sale a bordo di Hometta. Intanto che preparo un Garibaldi mi racconta dei nuovi progetti, della creatività che anima questa città, dell’olio toscano.

Mentre i bambini giocano con alcuni oggetti che abbiamo sistemato all’esterno (se resistono a un giorno con loro resistono a vita!) e prima che arrivino gli amici per la partita Germania-Francia, lasciamo Hometta per entrare nello studio; uno spazio su due livelli che riordina uno tsunami d’idee e progetti tra i quali è facile riconoscere pezzi da copertina come l’assemblabile Kitt Chair, progettata per il brand danese Hay o le sinuose collezioni di sedute This That Other e Houdini, entrambe disegnate per e15 o ancora, le 404 Family realizzate per Thonet.

In questo luogo, è evidente, si apprende (Stefan Diez è anche Professore di Industrial Design al HFG di Karlsruhe) e non solo da parte dei ragazzi che gravitano nello studio per uno stage. «È incredibile - racconta Stefan - quanto si possa imparare lavorando a contatto con persone provenienti da culture diverse».

Dopo un pomeriggio passato a parlare di design, di mete, di viaggi, a bere caffè italiano e a esultare per la partita di calcio in mezzo a molti amici, ci fermiamo per la cena in questo paradiso di quiete al centro di una Monaco frenetica, giusto il tempo per sentire Stefan confessare alla moglie che «se avesse un’Hometta gli piacerebbe fare un viaggio in camper!».

Sito:
www.designonboard.it
www.stefan-diez.com

 


di Arianna Malagoli / 21 Luglio 2014

CORNER

People collection

[People]

Se l'orologio è minimal

Due chiacchiere con Kuchar Swara, fondatore del brand inglese Sekford

interviste

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo 30 anni, nel segno della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web