ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Quali sono gli 8 posti preferiti dei GamFratesi a Copenhagen?

L'architetto danese Stine Gam e l'architetto italiano Enrico Fratesi ci svelano i loro 8 indirizzi preferiti nella capitale danese.

cosa-vedere-a-copenhagen-8-posti-consigliati-dai-gamfratesi
Kim Wyon/Visit Denmark

Nyhavn, una delle zone tipiche di Copenhagen

Copenhagen è una delle mete più sognate per una vacanza nei paesi del Nord. E questo perché durante l’estate mostra il meglio di sé: le giornate sono calde, il sole non tramonta mai e tutti i Danesi vivono all’aperto. I locali sono pieni di gente, c’è solo l’imbarazzo della scelta tra mostre, concerti ed eventi open-air. E si respira un’atmosfera di festa. Del resto la cosa non dovrebbe stupire: i Danesi sono uno dei popoli più felici al mondo, secondo il Rapporto Mondiale della felicità stilato ogni anno dall’Onu.

Se state quindi pensando a un viaggio nella capitale danese eccovi 8 indirizzi speciali consigliati da chi a Copenhagen vive e lavora: i designer Stine Gam ed Enrico Fratesi dello studio GamFratesi.

 

Per una pausa

Per fare una pausa con gli amici, o anche per mangiare qualcosa di leggero, noi andiamo sempre al Café Atelier September. Ci piace la sua atmosfera informale, il clima raccolto e i mobili vintage. Da non perdere il tè verde giapponese e i suoi piatti a base di avocado.

 

Dove mangiare

Arredi classici firmati Giò Ponti, Jean Prouvé e Kaare Klint mixati a nuovi pezzi di design, e una palette di colori che rende il tutto molto piacevole: è il ristorante Admiralgade 26. Ricavato negli interni di un antico teatro, offre un menù raffinato in un ambiente molto accogliente.

 

 

Spesa biologica

Per sentirsi un vero danese è d’obbligo una visita al mercato Torvehallerne. Qui si trova il meglio della frutta e verdura biologica, ma anche le piante aromatiche e i fiori freschi. E le bancarelle offrono il meglio dello street-food.

 

LEGGI ANCHE Design & Charity: un'asta dove acquistare le mini di Ghost di Fiam 

 

 

Arte e architettura

Un nome difficile da pronunciare, ma che vale davvero la pena visitare: Ordrupgaard. All’interno di una villa antica, questo museo vanta nella sua collezione permanente quadri di Monet e Gauguin, e propone un ricco calendario di mostre. Molto belli il parco circostante e la nuova ala progettata da Zaha Hadid.

 

©Adam-Mørk

 

Casa Museo

Accanto al museo Ordrupgaard si trova la casa-studio di Finn Juhl, architetto e artista danese del secolo scorso. È un luogo da non perdere, un’occasione unica per ritrovarsi catapultati nei mitici anni ’50 che hanno dato il via al design scandinavo.

 

©Anders-Sune-Berg

 

Shopping di design

Due le nostre mete preferite, che adoriamo visitare spesso. Nello showroom di Gubi (qui sotto) potete trovare tanti spunti per decorare la vostra casa in stile più tradizionale e formale. Da HAY invece, oltre ad ammirare i meravigliosi stucchi che decorano le stanze dello showroom, ci sono tante proposte, colorate e divertenti, di designer emergenti.

 

 

Un po’ di natura

Se amate stare in mezzo alla natura merita una visita il Botanisk Have (il giardino botanico). Si trova in centro città ed è facile da raggiungere. Si può camminare nel parco e su passerelle in mezzo all’acqua, ammirando e scoprendo piante di tutti i tipi.

 

©Jens Astrup, Statens Naturhistoriske Museum 

 

Stile minimal, rispettoso del passato ma con sempre un nuovo twist contemporaneo: è questa la cifra stilistica che ha fatto dello studio GamFratesi uno dei nomi più richiesti e quotati. Tante le collaborazioni con aziende importanti, come Casamania, Ligne Roset, Fontana Arte, Swedese, Porro, Kvadrat. E le loro collezioni disegnate per Gebruder Thonet Vienna e per Gubi arredano oggi hotel e case private di tutto il mondo.

LEGGI ANCHE → Il progetto dei GamFratesi per Elle Decor Italia durante il Salone del Mobile 2017

©Martin Sølyst 


di Maria Chiara Antonini / 21 Giugno 2017

CORNER

People collection

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Curve celebri

Zaha Hadid, la linea fluida tra design e architettura

Zaha Hadid

[People]

Innamorarsi degli errori

Intervista a Fala Atelier, lo studio più ottimista di Oporto

interviste

[People]

French touch

Philippe Starck e la rivoluzione francese nel design

costume

[People]

Io ballo da sola

Maddalena Casadei: una designer a Milano

interviste

[People]

A contatto con l'argilla

Istinto e un corso di 6 settimane: la storia di Jacqueline Klassen e la ceramica

interviste

[People]

La casa più fotografata di L.A.

James Goldstein racconta la Sheats–Goldstein Residence

costume

[People]

WIT, l'intervista

Sette domande agli architetti di Barcellona

costume

[People]

Il riad della principessa

Letizia Ruspoli ci racconta la sua casa e i segreti di Marrakech

interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web