ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Come vivono gli influencer? La parola a Massimo Giorgetti

Le case dei creativi e dei trend setter raccontate dal progetto digitale House of Molteni

Oliver Zahm

Massimo Giorgetti, ritratto nel suo appartamento milanese, protagonista della prima puntata del progetto digitale House of Molteni. La poltrona è la D.153.1 di Gio Ponti di Molteni&C

Come vivono gli influencer? Come sono le case che abitano? Qual è il loro stile di vita? A raccontarcelo, attraverso una serie di reportage d’autore, è il neonato progetto House of Molteni: 12 storie per 12 trend setter, protagonisti della scena internazionale che in esclusiva, per il sito del gruppo Molteni, hanno accettato di aprire le proprie dimore e mostrare come le abitano.

Puntata dopo puntata li vedremo muoversi tra le proprie mura domestiche, scopriremo la loro idea di casa, i building che la ospitano, come hanno scelto i mobili dei vari ambienti, se collezionano opere d’arte, quanto sono ospitali, quali sono le stanze che vivono di più, se amano cucinare, cosa li ispira nel proprio lavoro.

La serie, lanciata in questi giorni, parte con un omaggio a Milano, la capitale mondiale del design. Testimonial del primo episodio è Massimo Giorgetti (sopra), classe 1977, Founder, CEO and creative director del fashion brand MSGM.

È lui che attraverso uno shooting fotografico firmato da Oliver Zahm, un’intervista e un video ideato da Francesca Molteni, ci svela la propria sfera privata lasciandoci entrare nel suo appartamento situato in uno dei pochi edifici brutalisti di Milano, trasportandoci nel personalissimo mondo fatto di arredi tra cui spiccano le poltrone D.142.2 di Gio Ponti (foto in lato) e il contenitore Teorema di Ron Gilad (foto sopra), entrambi pezzi di Molteni&C. Sempre lui racconta: “la mia casa è un sogno che si è realizzato, una conquista, è il risultato di tanti sacrifici, di tanti momenti difficili, ed anche di una tenacia e di una testardaggine che ho sempre avuto fin da piccolo, quindi diciamo che questa casa ha un grosso valore, un grosso significato.”

 #HouseofMolteni

www.moltenigroup.com/


di Alec Cinque / 22 Giugno 2017

CORNER

People collection

[People]

Dal Mit al Moma

Sotira di Neri Oxman, architetto fuori dal comune

Costume

[People]

La cultura è negli oggetti

Hugo Macdonald, curatore della sezione Objet di Miart

interviste

[People]

Chi era davvero Carlo Mollino

Biografia di un genio dell'architettura del 900

Maestri

[People]

Il design è un'attitudine

Conversazione a tutto tondo con Alice Rawsthorn

Interviste

[People]

Nuovi linguaggi in scena

Intervista ad Alessandro Rabottini, direttore artistico di Miart

interviste

[People]

La regina degli spazi

L'elegante semplicità di Louisa Grey che crea equilibrio e serenità

Interviste

[People]

Doppia intervista

Italiana: la parola a Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi

Interviste

[People]

Un designer d’altri tempi

Storia di Mendini: dall'editoria alla produzione industriale

Maestri

[People]

La traduttrice di idee

Rachel Chudley e le sue case oniriche e trascendentali

interviste

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web