ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Intervista a Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

Il creativo olandese usa il design per unire discipline trasversali, generare nuove esperienze e dar vita ad un guazzabuglio di idee.

Design, arte, teatro, fotografia, musica e cibo sono i temi che hanno sempre appassionato Maarten Baas. L’ultima mostra - Maarten Baas MAKES TIME - a Eindhoven, ne è la sintesi estrema. Un lavoro che ha coinvolto diversi designer e artisti, con l’obiettivo di riflettere su come il design può rappresentare un elemento di unione tra discipline trasversali, generare nuove esperienze e dar vita ad un guazzabuglio di idee.  Gli abbiamo chiesto di raccontarci il suo nuovo progetto.

Un ritorno alle tue origini. Puoi parlarci del tema della mostra?
Molti dei miei lavori sono legati al tempo. E il mio intento era quello di realizzare un lavoro multidisciplinare con altri designer e artisti. Il tema del tempo è universale, ognuno dà una propria interpretazione. Ecco perché ho pensato che fosse una tematica interessante su cui poter sviluppare la mostra.

In che modo si intrecciano tutte le discipline arte, teatro, musica, fotografia, grafica e cibo?
Non posso spiegarlo a parole. Bisogna vivere questa esperienza in prima persona. Nei miei lavori mi piace esprimere qualcosa legato al fare e mescolare diversi mondi per creare una nuova e perfetta disciplina.

Hai coinvolto molti artisti e designer. Cosa hanno presentato?
Erwin Olaf, Lisa Klappe e Anton Corbijn hanno realizzato delle foto. Theo Jansen ha ideato un bellissimo animale da spiaggia . Iris van Herpen ha prodotto un tappet di sabbia. Gijs van Bon ha progettato una macchina dove i testi vanno e vengono. Rob Scholte ha esposto dei lavori sul ricamo. E tanti altri progetti …

Un temporary restaurant, interamente progettato da te. Da dove è nata l’idea?
In tutte le discipline artistiche penso che anche il cibo ha un posto importante, soprattutto il modo in cui Sergio Herman lo fa. Volevo fare un'esperienza totalizzante in cui si vede, si sente e si può gustare molto. Tutto dovrebbe essere espresso al massimo. Sergio Herman è uno dei migliori cuochi del mondo e per questo motivo l'ho coinvolto nel progetto.

maartenbaas.com

SCOPRI ANCHE:
 Il progetto di green design di Maarten Baas
Carapace, la mostra di Maarten Baas a New York


di Marilena Pitino / 4 Novembre 2016

CORNER

People collection

[People]

Dal Mit al Moma

Sotira di Neri Oxman, architetto fuori dal comune

Costume

[People]

La cultura è negli oggetti

Hugo Macdonald, curatore della sezione Objet di Miart

interviste

[People]

Chi era davvero Carlo Mollino

Biografia di un genio dell'architettura del 900

Maestri

[People]

Il design è un'attitudine

Conversazione a tutto tondo con Alice Rawsthorn

Interviste

[People]

Nuovi linguaggi in scena

Intervista ad Alessandro Rabottini, direttore artistico di Miart

interviste

[People]

La regina degli spazi

L'elegante semplicità di Louisa Grey che crea equilibrio e serenità

Interviste

[People]

Doppia intervista

Italiana: la parola a Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi

Interviste

[People]

Un designer d’altri tempi

Storia di Mendini: dall'editoria alla produzione industriale

Maestri

[People]

La traduttrice di idee

Rachel Chudley e le sue case oniriche e trascendentali

interviste

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web