ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Rijks, Masters of the Golden Age. L'ultimo libro di Marcel Wanders

Un'indagine del rapporto con le opere d'arte del passato. Intervista al designer olandese autore del volume

Marcel Wanders e il Secolo d’Oro Olandese in un libro. La passione dell'eclettico designer per la pittura fiamminga del 1600 ha dato vita a un volume intitolato Rijks, Masters of the Golden Age (in libreria da marzo 2016) dedicato ad oltre 60 dipinti del calibro de La Ronda di Notte di Rembrandt e de La lattaia di Vermeer. L'opera, molto “alla Wanders” nell'estetica (materiali pregiati e tecnica innovativa), ha coinvolto 27 personalità tra cui Ferran Adrià, David Allen, Alain de Botton, Anton Corbijn, Angela Missoni, Jimmy Nelson ed Erwin Olaf, a cui è stato chiesto di confrontarsi con opere d'arte del Secolo d'Oro o, ancora più direttamente, con alcuni pezzi firmati dallo stesso Marcel. Alla Mostra del Libro di Francoforte, abbiamo incontrato l'autore al quale abbiamo posto qualche domanda su quello che lui stesso ha definito «il suo profondo apprezzamento per questo straordinario patrimonio culturale e la maniera in cui i più grandi capolavori influenzano il modo in cui vediamo il mondo di oggi».

Come è nata l'idea di Rijks, Masters of the Golden Age perché hai scelto di rendere omaggio proprio ai capolavori olandesi del XVII secolo presenti nel Rijksmuseum di Amsterdam?
Il Rijksmuseum è un luogo di incredibile patrimonio culturale olandese. È da tempo che desideravo rendere omaggio a questi capolavori che hanno ispirato e continuano ad ispirare persone provenienti da tutto il mondo. Il momento della riapertura, quando fu possibile percorrere nuovamente la Galleria d'Onore, divenne l’occasione giusta per realizzare questo progetto che ha impegnato 3 anni di lavoro. Quello che volevo indagare era il motivo per cui questi pezzi sono ancora così ammirati e quale fosse oggi il loro significato per tutti noi.

Nel tuo libro alcuni esponenti di spicco della cultura contemporanea hanno spiegato come la loro visione del mondo sia stata condizionata da questi dipinti. Quale ha influenzato te personalmente e in che modo?
Quando si lavora su un progetto come questo è difficile scegliere i propri favoriti. Nel libro vengono mostrate le prospettive di 28 esperti in vari ambiti: dall’arte alla filosofia, dalla critica culinaria al trendwatching. Questi diversi punti di vista mostrano quante differenti interpretazioni ci possano essere di questi dipinti. Ciò che afferra la mia attenzione è proprio la varietà delle opere in mostra, dalle intime o ruvide scene domestiche fino alle grandi flotte navali e agli interni delle chiese. I temi contrastanti, dentro e tra i dipinti, con messaggi che toccano la sensibilità individuale, creano un’arte senza tempo. Come creatore di cose per il futuro, è importante ricordare la qualità delle opere del passato.

Una volta hai detto che il tuo obiettivo è quello di «creare un ambiente di amore, vivere con passione e fare sì che i nostri sogni più interessanti diventino realtà». Quali sono i sogni di Marcel Wanders?
Il mio sogno di ogni giorno è quello di fare qualcosa che non ho mai fatto prima. In questo momento, sono interessato ad approfondire nuovi modi di fare business, per essere una parte dei cambiamenti nella società. Questo significa anche tenere conto dei problemi dell’ambiente e della salute. I miei sogni attuali spaziano dalle implicazioni creative di nuovi modelli di business alberghiero fino all’idea di usare il design per risolvere i problemi di inquinamento delle città.

Secondo te come ha influenzato l'arte del Secolo d'Oro il design di oggi e, più in particolare, il design di Marcel Wanders?
La cosa notevole dell'arte del Secolo d'Oro olandese è la sua onnipresenza in quel tempo. Divenne presto un prodotto commerciale e arrivò a cambiare l'estetica da prevalentemente religiosa a quotidiana. Il design è come l'arte che entra nella vita di tutti. La maggior parte della progettazione di oggi si concentra sul concetto di innovazione. Presso il nostro studio, ci sforziamo di utilizzare il design anche per portare bellezza e significato nella vita delle persone.

Il libro Rijks, Masters of the Golden Age è disponibile in tre versioni: Coffee Table Book, Limited Edition e Unique Art Edition.

SCOPRI ANCHE:
Marcel Wanders Superstar. La personale allo Stedelijk di Amsterdam
Una moderna casa décor a Taipei firmata Marcel Wanders


di Paola Testoni / 3 Novembre 2015

CORNER

People collection

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Curve celebri

Zaha Hadid, la linea fluida tra design e architettura

Zaha Hadid

[People]

Innamorarsi degli errori

Intervista a Fala Atelier, lo studio più ottimista di Oporto

interviste

[People]

French touch

Philippe Starck e la rivoluzione francese nel design

costume

[People]

Io ballo da sola

Maddalena Casadei: una designer a Milano

interviste

[People]

A contatto con l'argilla

Istinto e un corso di 6 settimane: la storia di Jacqueline Klassen e la ceramica

interviste

[People]

La casa più fotografata di L.A.

James Goldstein racconta la Sheats–Goldstein Residence

costume

[People]

WIT, l'intervista

Sette domande agli architetti di Barcellona

costume

[People]

Il riad della principessa

Letizia Ruspoli ci racconta la sua casa e i segreti di Marrakech

interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web