ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Intervista al regista Luca Guadagnino

Il racconto di A Bigger Splash, un film ambientato a Pantelleria: dai luoghi della sceneggiatura alla locandina disegnata da un artista francese

Nel nuovo film del regista e sceneggiatore Luca Guadagnino, lo spazio è il protagonista. Presentato quest’anno alla Mostra del cinema di Venezia e al London Film Festival, A Bigger Splash, ora nelle sale italiane, è ambientato nella piscina di un elegante dammuso di Pantelleria.
L'idea della sceneggiatura nasce da La Piscine, il film di Jacques Deray girato in Costa Azzurra e dall’opera di David Hockney, vera e propria icona della pop art britannica anni '60, intitolata appunto A Bigger Splash.
Di luoghi, cinema e della nuova locandina ideata da Pierre Marie – artista francese che disegna per Hèrmes e Nina Yashar – abbiamo parlato con il regista e sceneggiatore Luca Guadagnino.

Perché quei luoghi?
La scelta è dettata dalla mia necessità di trovare sempre uno spazio che possa funzionare come protagonista, ovvero dalla mia idea che nei film non esiste soltanto il protagonista che è l’attore o l’attrice, ma che gli elementi costitutivi possano essere alla pari dell’elemento umano e in particolare modo dell’elemento attoriale.

Che senso ha lo spazio?
Ha un senso fondativo tanto quanto la figura umana o la musica. Pantelleria ha uno spazio non riconciliato, come un luogo di attrazione, quasi direi da medusa ipnotica. È un posto di respingimento assoluto, ti attrae e ti respinge, in questo senso si integrava molto bene rispetto alle dinamiche implose dei quattro protagonisti. Personaggi che ritroviamo attorcigliati attorno a un serpente nella locandina disegnata da Pierre Marie Agin. Quando ho cominciato a ragionare sulla comunicazione, ho scoperto questo designer/art director che disegna sia pattern per foulard e carta da parati per Hèrmes sia per la galleria di Yvon Lambert. Una persona straordinaria e un artista la cui curiosità era per me motivo di grande ispirazione. Attraverso numerose visioni del film, è nato il disegno.

L’elaborazione grafica nasce dopo aver girato il film, ma ne fa comunque parte. Qual è stato il momento più critico?
Penso che sia tutto molto complesso, tutto molto difficile. Non c’è un pezzo in particolare della fase della lavorazione di un film che sia più difficile o meno di un altro. Per me il cinema è sempre un andare contro e mai a favore di vento.

Non c’è tensione?
Sono tensioni che non si scaricano mai perché rimangono sempre negli strati subconsci della memoria. Faccio ancora sogni di lavorazioni di film o opere realizzate anni fa. Come diceva Fassbinder: «Il cinema è una puttana santa», quindi è una debosciata virtuosa, è uno stimolo che produce una costante forma di intensità.

Verso quale direzione?
A me interessava la direzione della creazione di oggetti del cinema che possano funzionare come linguaggio universale. La possibilità di utilizzare degli strumenti espressivi di alto livello, attori importanti o comunque attori bravi, mezzi tecnici di un certo livello anche se usati con semplicità.


di Francesca Esposito / 15 Dicembre 2015

CORNER

People collection

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo l’arco di tre decenni, nel segno coerente della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

[People]

La natura guerriera di Simeti

L’artista in mostra alla galleria Francesca Minini di Milano

interviste

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web