ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Tappeti come opere d'arte

La collezione tessile Erased Heritage. Intervista con il designer tedesco Jan Kath

Jan Kath, tedesco, classe 1972, è uno tra i designer di tappeti più importanti nel panorama internazionale. Oltre 1500 annodatori e 7 creativi negli uffici di Bochum, in Vestfalia, lavorano per lui. Lo abbiamo intervistato per saperne di più sulla sua visione dell'interior decoration.

Qual è l'obiettivo del tuo lavoro?
Combinare gli elementi classici dei tappeti orientali con il design moderno e minimalista. Ultimamente mi sto concentrando sulla reinterpretazione di motivi floreali nelle arti tessili. Un team di esperti tessitori, in Nepal, mi assiste nei laboratori di Kathmandu.
Dunque il classico incontra il moderno, e nascono tappeti che sono vere e proprie opere d'arte. Come si realizza questa fusione?
L'antica arte manifatturiera di tessitura dei tappeti avviene attraverso tecniche di annodatura secolari. Si tratta di un lavoro lungo e complesso: con le tecnologie odierne si riescono tuttavia ad accorciare i tempi. Gli artigiani, a questo punto, possono concentrarsi sul design, sulla bellezza e sull'unicità del singolo pezzo.
Realizzate anche pezzi su richiesta?
La maggior parte dei pezzi sono realizzati ad hoc per il singolo cliente. Ci sono oltre 1200 colori tra cui scegliere i filati di seta, ortica e lana. Le dimensioni, i materiali e i formati dei tappeti variano in base alle esigenze, così come le collezioni possono essere combinate tra loro attraverso sistemi modulari.
Parlaci della collezione Erased Heritage, il cui nome richiama memorie perdute. Di che si tratta esattamente?
L'idea è quella di fare in modo che le tecniche dei maestri tessitori di una volta si conservino e si tramandino di generazione in generazione, e che i disegni dei vecchi tappeti abbiano nuova vita pur mantenendo i colori originali. Il senso è che le idee di un tempo sopravvivano. Dai curdi agli egiziani, ai turchi, ognuno in Oriente ha sviluppato la propria tecnica e il proprio stile in ambito di tappeti. Solitamente, i tessitori di tappeti leggono il modello da un disegno. Per questa collezione, le indicazioni sono cantate ad alta voce dal maestro di telaio, che intona melodie ai tessitori, che comprendono come realizzare il modello.
Info:
http://jan-kath.com


di Valentina Mariani / 9 Gennaio 2015

CORNER

People collection

[People]

L'architettura su Instagram

15 account per imparare a fotografare l'architettura

Lifestyle

[People]

Il mondo di Jack Savoretti

20 domande al cantautore prima di partire in tournée

Lifestyle

[People]

L'occhio delle donne

9 fotografe di architettura che si stanno imponendo nel settore

costume

[People]

Oggetto ritornerai

Maddalena Selvini crea una collezione con residui della pietra

interviste

[People]

Cosa mangiano i potenti

Dan Bannino e i gusti alimentari dei potenti di Power and Food

Costume

[People]

Flower Revolution

Pyrus, lo studio scozzese che usa solo fiori stagionali locali

interviste

[People]

Italians do it better

Il progetto Artemest spiegato dai due fondatori

interviste

[People]

Vito Nesta Grand Tour

Il designer pugliese racconta la sua nuova avventura professionale

interviste

[People]

In Fioreria da Irene Cuzzaniti

La flower designer milanese e la sua filosofia floreale

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web