ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Metropoli Primitiva di Andrea Branzi

Appuntamento alla Triennale di Milano il 19 settembre 2014 per la presentazione del nuovo libro Fortino Editions

Se non avete mai sentito parlare dell’architetto e designer Andrea Branzi, un vero guru della scena italiana, non potete mancare questa occasione. Il suo nuovo libro La Metropoli Primitiva è una summa di grande interesse del suo pensiero sul tempo che stiamo vivendo, in correlazione con quello che è il nostro passato, anche il più atavico.

Primo esemplare della collezione Picnic dell’ottima casa editrice Fortino Editions, questo volumetto da tasca volutamente poco patinato ma ricco di contenuti sarà presentato il 19 settembre alle ore 18.00 presso la Triennale di Milano, alla presenza dell’autore introdotto da Guido Molinari. Se avete in mente una lista di luoghi comuni sui tempi che corrono, ecco una preziosa opportunità per vederli demolire con naturalezza dall’architetto Branzi, in una sequenza di parole scritte e parlate che vi daranno molto da pensare.

«Le eredità del XX secolo, i suoi dogmi e i suoi fondamenti etici sono scaduti e inutilizzabili; il XXI secolo si presenta con caratteristiche del tutto originali e contraddittorie, su cui occorre riflettere in maniera esplorativa, senza cercare di ricostruire una nuova ortodossia, ma piuttosto un sistema pulviscolare di ipotesi e sperimentazioni, più vicine a un’epoca come la nostra, sperimentale e anarchica». A sentire lui, si risveglia tutta una nuova attenzione e passione per la nostra realtà troppo spesso bistrattata a prescindere. «Oggi il punto di riferimento è la contemporaneità, e non il futuro», spiega. E sottolinea come la storia dell’evoluzione non sia ancora finita. La cultura del progetto e la visione del mondo è cambiata e sta ancora cambiando: sarebbe folle non tenerne conto, in tutti i settori ma in particolare in quello degli addetti ai lavori di design e architettura.

Una lettura interessante, accompagnata da un talk a briglia sciolta: per scoprire la scimmia che è in noi, perché sono tornati i tatuaggi, che senso ha progettare oggi. E per conoscere un po’ meglio uno dei grandi pensatori dei nostri tempi, che non mancherà di sorprendervi. Provare per credere.
Sito:
www.fortinoeditions.com


di Annalisa Rosso / 18 Settembre 2014

CORNER

People collection

[People]

15 anni a Milano

Fatti e misfatti di Ramak Fazel nel suo archvio milanese

interviste

[People]

L'auto che entra in casa

Al Salone di Francoforte Renault esplora l'ambiente domestico

Casa moderna

[People]

11 anni di design a Vienna

Intervista a Lilli Hollein - co-fondatrice della Vienna Design Week

interviste

[People]

Chi ha paura del colore?

Intervista a chi dell'accostamento cromatico ha fatto una filosofia

[People]

Segreti d'interni

L'architetto italiano che firma le case dell'upperclass londinese

interviste

[People]

Intelligenza collettiva

La Biennale di di Tallin supera l'idea che abbiamo di architettura

interviste

[People]

Guru di stile

Intervista all'interior designer che ha ridefinito il concetto di lusso

interviste

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Curve celebri

Zaha Hadid, la linea fluida tra design e architettura

Zaha Hadid

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web