ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Non sapete chi è Marcelo Burlon? Al cinema c'è un film su di lui!

Dal 28 novembre nelle sale c'è “Uninvited”, il docu-film sul direttore creativo che ha cambiato le regole del fashion system

00-marcelo-burlon-film-uninvited

Dal 28 novembre sul grande schermo “Uninvited”, il docu-film su Marcelo Burlon. Personaggio camaleontico, molti di voi lo avranno riconosciuto nell’ultima edizione di Pechino Express. Altri magari lo hanno sentito suonare ad un party; altri ancora saranno stati ad un evento organizzato da lui, o avranno comprato un suo vestito. Sì, perché Marcelo Burlon è il multitasking in persona! (O almeno così lo dipingeva nel 2011 un video del New York Times).

Classe 1976 nasce a El Bolsòn, in Patagonia, ma la storia della sua ascesa nell’olimpo della moda è tutta italiana, e parte dal basso. È una storia di immigrazione, di rivalsa e di riscatto. È la storia che ha rivoluzionato il fashion system e il ruolo del direttore creativo. È la storia di un Uninvited, perché Marcelo Burlon nel gotha della moda non era stato invitato da nessuno (anzi).

Figlio di immigrati, Marcelo è nelle Marche quando dopo la terza media va a lavorare in fabbrica. Poi ballerino nelle discoteche del centro Italia, parte alla volta di quella che diventerà la sua “County of Milan” all’inizio degli anni Novanta.

Nella città della moda inizia a fare selezione alla porta ai Magazzini Generali dove ai tempi passavano quelli che sarebbero diventati i grandi del fashion system di oggi, da Riccardo Tisci a Raf Simon fino a Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Marcelo li conosce e inizia a collaborare con Dolce e Gabbana e Alessandro Dell’Acqua. Nel giro di qualche anno diventa deejay, stylist, pr, e creativo di fama internazionale, complice anche la sua lungimiranza nell’intuire le potenzialità dei social network.

Poi nel 2012 la svolta: l’incontro con gli imprenditori Davide de Giglio e Claudio Antonioli porterà al lancio del suo brand Marcelo Burlon County of Milan nonché all’inizio della nuova era della moda Made in Via Manin.

Infatti In un antico palazzo della nota via Milanese nel 2013 nasce lo Newguards Group, trend setter a livello mondiale con il brand di Marcelo Burlon, Palm Angels, Unravel e lo strabiliante Off-White di Vorgil Abloh.

In anteprima all’Anteo Palazzo del Cinema di Milano la pellicola girata da Mattia Colombo e scritta da Andrea Batilla sarà nelle sale per una manciata di giorni per poi uscire in DVD. Un film da non lasciarsi scappare per scoprire tutto quello che c’è da sapere su uno dei protagonisti della moda più discusso degli ultimi anni, personaggio principale di quella che è a tutti gli effetti una favola urbana contemporanea.

LEGGI ANCHE:

Chi è Virgil Abloh e cosa c'entra con la borsa IKEA più discussa del momento?


di Pietro Terzini / 26 Novembre 2017

CORNER

People collection

[People]

Il mondo di Constance

La designer francese ci racconta actio!, in scena a Parigi

interviste

[People]

Vittorio Gregotti in mostra

Una mostra al PAC per raccontare 60 anni di architettura

Mostre

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Architetto ad honorem

Laurea honoris causa per Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

costume

[People]

La community di Firenze

Martino di Napoli Rampolla e l'approccio collaborativo al design

interviste

[People]

Milano omaggia Anna Castelli

A CityLife a Milano una via è stata intitolata alla celebre architetto

Costume

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web