ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Welcome to Miami, 10 indirizzi che proprio non potete perdere

Milan Vukmirovic, direttore creativo menswear di Ports 1961 ci accompagna nei suoi 10 luoghi preferiti

miami-cosa-vedere-secondo-milan-vukmirovic

Alla scoperta di Miami con 10 indirizzi suggeriti da Milan Vukmirovic, direttore creativo menswear di Ports 1961.

Florida fa rima con Miami, piena di cose da vedere  per appassionati di design e arte: per essere sicuri di non perderci il meglio della città abbiamo interpellato Milan Vukmirovic, direttore creativo menswear di Ports 1961. Ma la sua carriera inizia nel 1996, quando ha fondato Colette (leggi anche → A Parigi chiude Colette) e ne è stato direttore creativo per tre anni. Nel 2000 è diventato design director di Gucci, e nel 2001 direttore creativo di Jil Sander. Dal 2005 per 6 anni è stato direttore della rivista Officiel Hommes Paris, e direttore creativo di Trussardi 1911 nel 2007. La sua città preferita? Miami. In cui vive e lavora alle sue nuove collezioni uomo, tra un viaggio e l'altro. È qui che ci siamo fatti accompagnare virtualmente, con un elenco di cosa vedere a Miami.

Un indirizzo per lo shopping dove comprare oggetti di design:
Vale decisamente la pena fare un giro nel Miami Design District.
È il luogo ideale per lo shopping. Dai grandi brand luxury (Dior, Cartier, Bulgari, solo per dirne tre) agli showroom di design (come Bisazza, Boffi, Bulthaup, Flor, Kartell, Natuzzi). Troverete davvero di tutto, e se volete fare una pausa pranzo tra un giro di shopping e l'altro non dovrete far altro che scegliere tra i 15 bar e ristoranti presenti nel distretto.

www.miamidesigndistrict.net

Un posto dove fare colazione:
Niente supera le colazioni o i brunch del Setai Hotel. Si trova a 800 metri dal lussuoso Lincoln Road Mall, nel cuore del vivace quartiere Art déco di South Beach, e i suoi ristoranti offrono menù in grado di soddisfare i palati più raffinati.
www.thesetaihotel.com

Il percorso per una bella passeggiata:
La Miami Beach Boardwalk, il percorso sulla passerella di legno che si sviluppa su tutta la spiaggia. Inizia all'Indian Beach Park, tra 46th Street e Collins Avenue, e continua sulla 23rd Street, fino alla Ocean Drive Promenade sulla 5th Street. È uno spettacolo a qualsiasi ora del giorno o della sera, e regala l'immagine suggestiva di natura e civiltà che si fondono insieme.
www.miamibeachboardwalk.com 

Dove andare a divertirsi:
Con gli amici, in una giornata di sole, niente è meglio dei campi da beach volley che si trovano sulla spiaggia di Ocean Drive.

Un museo da visitare assolutamente:
Il Pérez Art Museum, dove trovare tutto il meglio dell'arte contemporanea esplorando le collezioni permanenti che coinvolgono artisti locali e internazionali. Se sarete a Miami nelle prossima settimane, vi consiglio di partecipare al programma di proiezioni cinematografiche serali. In scena una serie di film dedicati alla black culture come Handsworth Songs, Misteries of July, Seven Songs for Malcolm X.

pamm.org

Un ristorante per cena: 

Toni's Sushi Bar, il ristorante giapponese migliore di Miami. Da oltre 25 anni è una pietra miliare della città e degli amanti del sushi. Il menù è delizioso. Da provare i creamy rock shrimp (gamberetti fritti serviti con maionese fatta in casa) e i fresh summer roll.

www.tonisushi.com

Un parco dove fare attività sportiva e rilassarsi tra la natura:
Il South Pointe Park, tra sentieri, uno stand gastronomico, un'ampia zona erbosa e una splendida vista a 360 gradi sul mare. Per i bambini, c'è un parco acquatico in miniatura, e la spiaggia che lo ospita è conosciuta per essere la location di molti film e servizi fotografici. Dunque non stupitevi se, passeggiando, vi ritroverete nel mezzo di un set.

Un teatro:
L'Adrienne Arsht Center, soprattutto per vedere uno spettacolo del Miami Ballet.
Si trova nel cuore della Miami downtown ed è ospitato all'interno di uno splendido edificio progettato dall'architetto Cesar Pelli. Il teatro, aperto dal 2006, è un'organizzazione no profit che ha l'obiettivo di far emergere le arti di tutte le comunità e i collettivi che passano di lì, con le loro caratteristiche e differenze.
www.arshtcenter.org

Un hotel dove soggiornare:

Lo Standard Hotel. È il luogo adatto sia per la sua posizione (si trova nella suggestiva isoletta accanto a Belle Isle Park). È il luogo ideale per passare il weekend in piscina, con deliziosi cocktail tra amici. E se amate rilassarvi, la SPA è fantastica.

www.standardhotels.com/miami/properties/miami-beach

Altrimenti, la Soho Beach House con spiaggia privata e un ristorante con un menù spagnoleggiante, decisamente da provare.

www.sohobeachhouse.com

Milan Vukmirovic, direttore creativo menswear di Ports 1961 dal 2014.

milanvukmirovic.com

www.ports1961.com


di Valentina Mariani / 14 Luglio 2017

CORNER

People collection

[People]

20 domande a Carlo Cracco

Il design visto dallo chef che ha appena aperto il suo ristorante a Milano

interviste

[People]

La star della decorazione

Stile e progetti dell'architetto francese Marion Duclos Mailaender

Costume

[People]

Gli eroi dimenticati

Gli strutturisti che danno forma alle città raccontati in un libro

libri di design

[People]

D1 Milano

Un orologio e una storia italiana raccontata da Dario Spallone

interviste

[People]

La storia di Alvar Aalto

La vita e gli aneddoti su una delle figure più amate dell'architettura

Maestri

[People]

L'amore secondo Nina

Nina and other little things, e la sua creatrice Eloise Morandi

Illustrazione

[People]

Anish Kapoor e il vuoto

Dai pigmenti puri al nero assoluto, dagli oggetti alle sculture

Maestri

[People]

Le nuove regole dello chic

Chi è Fabrizio Casiraghi, l'architetto che progetta in nome dell'eclettismo

Costume

[People]

Un famoso contemporaneo

Ritratto dell’architetto milanese Cino Zucchi

Maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali