ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Rem Koolhaas su Brexit: è ora di scendere in campo attivamente

Il fondatore di OMA ha dichiarato di voler entrare nella scena politica del suo Paese, nel tentativo di arginare la preoccupante deriva populista e nazionalista degli ultimi anni

rem-koolhaas-brexit-ritratto
GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images

Tra i più influenti e discussi teorici dell'architettura contemporanea, Rem Koolhaas sostiene che oggi la questione non sia più soltanto politica perché "l’Europa ha barattato l’esigenza di uguaglianza e libertà per la mera necessità di sicurezza e tranquillità"

Brexit, l’uscita dell’Inghilterra dall’Europa, non ha lasciato indifferente nemmeno Rem Koolhaas, il rinomato architetto olandese che, in un’intervista a El País, ha dichiarato di voler scendere in campo attivamente nella scena politica del suo Paese, nel tentativo di arginare la preoccupante deriva populista e nazionalista degli ultimi anni.

L’urbanista e saggista fondatore di OMA, vincitore del Prizker Prize nel 2000 e curatore della Biennale di Venezia 2014, racconta di aver potuto finora concorrere al cambiamento culturale e sociale unicamente grazie all’architettura: tuttora si fa vanto, ad esempio, del fatto che la sede della televisione di stato cinese, progettata dal suo studio e inaugurata nel 2008, non sia un edificio particolarmente amato dall’establishment cinese attuale, proprio perché tanto in contrasto con i valori di stabilità, tradizione e autoriferimento che il governo mira a mantenere.

Adesso, però, la questione non è più soltanto politica, perché secondo l’architetto l’Europa ha barattato l’esigenza di uguaglianza e libertà per la mera necessità di sicurezza e tranquillità e gli stessi attacchi terroristici, che fino agli anni’70 erano considerati parte della negoziazione politica, oggi non sono visti che come una minaccia alla comodità.

Koolhaas ha deciso di tornare a puntare sulla parola, proprio per quella precisione e immediatezza di contenuto impossibili in architettura. Come ha fatto nei suoi libri finora, dove ha spesso dimostrato una notevole capacità di anticipare le tendenze, continua a premurarsi di mettere in guardia dagli effetti devastanti del neoliberismo.

Il segreto della sua obiettività lo svela lui stesso: «Annoto ciò che vedo come se non lo conoscessi, come se fossi un extraterrestre. È questione di non disconnettere il radar. È fondamentale prestare attenzione a ciò che succede fuori dal nostro mondo. E fuori dal nostro continente.»

SCOPRI ANCHE:
La lezione di Rem Koolhaas
Rem Koolhaas per Prada
La Fondazione Prada a Milano


di Lia Morreale / 6 Luglio 2016

CORNER

People collection

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo l’arco di tre decenni, nel segno coerente della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

[People]

La natura guerriera di Simeti

L’artista in mostra alla galleria Francesca Minini di Milano

interviste

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web