ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Insieme alla principessa Letizia Ruspoli nel riad più chic di Marrakech

Incontro con la principessa romana per conoscere la storia della sua dimora marocchina e la Marrakech più segreta

cover-Dar-Seven
Pierre Restoul

Nel cuore della Medina di Marrakech, tra banchi di spezie profumate e botteghe di artigiani, è nascosto il Dar Seven, un luxury riad di proprietà dei principi Pietro e Letizia Ruspoli, che, innamorati della magica atmosfera della città marocchina, hanno acquistato e ristrutturato questo antico riad per trasformarlo in un’elegante residenza dove tradizione e contemporaneità si fondono in un ambiente suggestivo ed esotico. 

Come è noto il fascino di Marrakech risiede nei suoi contrasti, nell’alternarsi di geometrie e prospettive che conducono il visitatore verso un mondo di sublime vertigine in cui si rincorrono colori, visioni e incontri inaspettati. 

Trovare rifugio da questa vertigine urbana è il compito del riad, tipica casa marocchina completamente chiusa all’esterno e interamente aperta verso il suo cuore interno rappresentato da una corte centrale arricchita da giochi d’acqua ed una vegetazione rigogliosa (leggi anche → Riad di Marrakech, guida all'acquisto); il Dar Seven ne è uno squisito esempio. Il riad di Letizia Ruspoli rilegge la semplicità in un lusso misurato offrendo una serie di ambienti in cui si manifestano tutti i caratteri dell’ospitalità marocchina reinterpretati secondo il gusto e il design contemporaneo.

La corte centrale è espressione del contrasto tra il bianco delle facciate decorate con colonne, archi moreschi e balaustre in legno e ferro battuto e il nero smaltato del pavimento. La dimensione domestica del riad è un racconto di stanze luminose dalle gradazioni delicate del bianco, beige e grigio in cui troviamo comodi divani in cui rilassarsi dopo una lunga giornata di visite, arredi di artigianato locale come i preziosi mobili intarsiati in legno e madreperla, ritratti di califfi e grand vizir, candide candele e scenografici tendaggi mentre alle pareti il ritmo è scandito dai disegni di linee verticali ed orizzontali.

Quando cala la notte la corte si illumina per romantiche cene en plein air accompagnate, su richiesta, da performance di musica tradizionale. Infine, dalla terrazza all’ultimo piano, sorseggiando un cocktail a fine giornata, è possibile perdersi nelle sfumature accese del cielo nordafricano che arde sopra le sabbie rosse del deserto berbero.

Abbiamo incontrato Letizia Ruspoli per farci raccontare alcuni dettagli della sua casa marocchina e per conoscere gli indirizzi più esclusivi di Marrakech.

Come è nata l'idea di aprire un luxury riad a Marrakech? E come è stata la ricerca del luogo perfetto?
Cercavamo un luogo speciale dove poter avere una nostra casa vacanze per la famiglia,dove potessimo trovare il mare ma anche la montagna e Marrakech ,a sole 3 ore di aereo da Roma , ti offre tutto ciò e non solo, poiché proietta in un mondo completamente diverso dall’Europa, in una dimensione assolutamente magica e speciale, a contatto con una cultura antica e ricca di storia.

 

Negli interni del Dar Seven prevalgono i toni bianchi ed écru, i colori del deserto e della tradizione. Da dove è giunta l'ispirazione per la scelta dell'arredo e del décor degli ambienti? 

Volevamo ricreare un’oasi di serenità che contrastasse con la pittoresca, quotidiana confusione, con il calore, la polvere, la luce e gli incredibili, forti, violenti colori di Marrakech. Ci siamo quindi ispirati ai toni naturali del deserto e della luce del sole che filtra attraverso le palme delle oasi. 

 

In un panorama di numerose offerte racchiuse tra le mura della Medina di Marrakech, qual è
l'idea esclusiva di ospitalità che offre il Dar Seven? 

La nostra ospitalità si base sull’assoluta dedizione e attenzione alle esigenze dei nostri ospiti cercando di intuire le loro necessità, per riuscire a dar loro una sensazione di assoluto relax, serenità e esclusività.

Come esperta intenditrice della città e dei suoi segreti, quali sono i luoghi e gli indirizzi imperdibili per vivere un'autentica esperienza marocchina durante un soggiorno a Marrakech?

Direi assolutamente La Pause per poter vivere la semplicità e il fascino di un’esperienza della vita nel deserto. Il Beldi Country Club: una grande proprietà che racchiude in sé tutti gli aspetti del Marocco. Per quanto riguarda la bellezza mozzafiato delle grandi architetture, la loro ricchezza e raffinatezza nei decori che richiamano la grande tradizione e la storia del Marocco, direi il Palais Selman, l’ Amanjena, il Palais Royal e il Palais Namaskar.

Photo courtesy of Dar Seven

www.darseven.com

SCOPRI ANCHE:
→ Vacanze in Marocco, l'indirizzo per dormire in una Casbah
→ Cosa vedere a Marrakech secondo Jasper Conran


di Giovanni Carli / 24 Luglio 2017

CORNER

People collection

[People]

20 domande a Carlo Cracco

Il design visto dallo chef che ha appena aperto il suo ristorante

interviste

[People]

La star della decorazione

Stile e progetti dell'architetto francese Marion Duclos Mailaender

Costume

[People]

Gli eroi dimenticati

Gli strutturisti che danno forma alle città raccontati in un libro

libri di design

[People]

D1 Milano

Un orologio e una storia italiana raccontata da Dario Spallone

interviste

[People]

La storia di Alvar Aalto

La vita e gli aneddoti su una delle figure più amate dell'architettura

Maestri

[People]

L'amore secondo Nina

Nina and other little things, e la sua creatrice Eloise Morandi

Illustrazione

[People]

Anish Kapoor e il vuoto

Dai pigmenti puri al nero assoluto, dagli oggetti alle sculture

Maestri

[People]

Le nuove regole dello chic

Chi è Fabrizio Casiraghi, l'architetto che progetta in nome dell'eclettismo

Costume

[People]

Un famoso contemporaneo

Ritratto dell’architetto milanese Cino Zucchi

Maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali