ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

I 10 indirizzi di Santa Fe per scoprire chi è Georgia O'Keeffe

La stilista Edeline Lee ci accompagna per la città sulle tracce della pittrice più famosa della città.

santa-fe-nuovo-messico-10-indirizzi-georgia-o-keeffe
Getty Images

Santa Fe e il Nuovo Messico offrono una serie di indirizzi inesplorati e poco conosciuti, oltre a magnifici paesaggi che spaziano da grandi deserti ad alte cime innevate. Nonostante nell'immaginario comune sia considerata una zona molto arida, il Nuovo Messico è ricoperto ampie estensioni di foreste, soprattutto verso nord, mantenute verdi grazie al Rio Grande, che attraversa lo stato.

Come gli esperti d'arte certamente sapranno, questi luoghi sono stati casa dell'artista precisionista Georgia O'Keeffe (se non la conoscete guardate l'undicesimo episodio della terza stagione di Breaking Bad), molto amata dalla giovane stilista canadese Edeline Lee, che durante le ultime sfilate si è fatta notare per una collezione che celebra l'eterodossa Londra, città in cui vive dai tempi dell'università, dove si è laureata alla Central Saint Martins Womenswear e dove ha imparato l'arte del mestiere al fianco di Alexander McQueen e John Galliano, prima di lavorare per Zac Posen a New York e Rodnik. La stilista, che nel 2014 ha lanciato le sue collezioni di capi fatti a mano in Inghilterra e dal 2016 le presenta a Londra durante la London Fashion Week, ci accompagna in un viaggio alla scoperta dei suoi luoghi preferiti, seguendo le tracce della pittrice.

Dove fare colazione:
Al Tune-Up Cafè, al numero 1115 di Hickox Street. È qui che vanno i local a fare colazione. Se arrivate tardi rischiate di trovare coda, è un bar molto frequentato in città.

Un museo da non perdere:

Il Georgia O'Keeffe Museum. È stata la mia prima tappa quando ho visitato per la prima volta il Nuovo Messico. L'immagine archetipica di questo Paese è stata definita dall'artista in maniera perfetta, e lo si comprende perfettamente osservandone i magnifici e suggestivi paesaggi. Ho apprezzato molto la serie di disegni realizzati dalla O'Keeffe durante i suoi studi all'Università della Virginia. Presentano immagini delicate e fortemente evocative, risalenti al 1910 e agli anni a seguire, e generano un forte contrasto con le opere d'arte che l'artista ha prodotto in seguito.

www.okeeffemuseum.org

Foto by Gluckman Tang

Dove fare shopping:
Se volete acquistare abiti niente è meglio di Santa Fe Dry Goods Workshop.

santafedrygoods.com

Se invece volete acquistare gioielli e oggetti d'artigianato per la casa come tavolini, tappeti o tende, tenete d'occhio il Vendor Program del Palace of the Governor: la serie di mercati organizzati dal governo. A luglio, non potete perdervi l'International Folk Art Market, troverete cose splendide.

Un luogo da scoprire:

La casa di Georgia O'Keeffe a Abiquiu. Dentro un complesso risalente all'epoca coloniale spagnola di oltre 5000 metri quadrati, in rovina totale prima che l'artista lo trovò e iniziò il suo progetto di ristrutturazione, nel 1945, insieme all'amica Maria Chabot. Georgia amava i vecchi giardini, ed era lì che si rifugiava nei mesi invernali per dipingere, guardando fuori dalla finestra della camera che si affaccia sulla valle del fiume Chama.

Il percorso per una gita fuoriporta:
Guidate fino a Taos e visitate il villaggio antico e il suo popolo (il Taos Pueblo).
Si trova a circa 1,6 chilometri a nord della città, sul Red Willow Creek, un piccolo fiume che sgorga dal Sangra de Cristo range nelle Montagne Rocciose. Ad oggi, ci vivono circa 2.000 persone e c'è un interessante complesso residenziale di case costruite con mattoni di paglia e fango.

Un ristorante per pranzo:
Eloisa, a Santa Fe, che si chiama in questo modo grazie a Eloisa Rivera, la nonna del cuoco che lo possiede, John Rivera Sedlar. Lei, gli ha insegnato a cucinare quando era bambino. Lui, è stato il cuoco di Gerogia O'Keeffe per quindici anni. Qui potrete provare il meglio della cucina locale in chiave gastro chic.

eloisasantafe.com

Un modo originale di guardare il tramonto:
Fate un giro in moto fino al Ghost Ranch, un luogo di ritiro e di educazione spirituale gestito dalla Chiesa Presbiteriana americana, che si trova vicino al paese di Abiquiu, nello stato del Nuovo Messico. Qui, potrete vedere tutti i paesaggi che Georgia O'Keeffe ha dipinto nei suoi quadri. Arrivate fino al Mount Pedernal, la montagna che l'artista definiva “il suo monte personale”, e aspettate il tramondo. Vi sorprenderete della bellezza della natura.

 

Un indirizzo per chi ama le arti e lo spettacolo:

Il Lensic Performing Arts Center: da autori vincitori del Premio Pulitzer a musicisti di fama mondiale, questo posto ne ha viste passare tante. Compreso Ruth Bader Ginsburg, per chi conosce bene l'Opera. Il Lensinc è decisamente il principale punto di riferimento culturale per Santa Fe e chi passa di lì.
Il percorso per una bella passeggiata:
Fate una passeggiata su Canyon Road. Santa Fe ha il grande privilegio di essere la città a cui gira attorno uno dei più vasti mercati d'arte degli Stati Uniti. In questa via, troverete una miriade di gallerie d'arte tra cui perdervi, per scoprire un po' di tutto: dai giovani artisti locali a quelli più affermati.

Foto by Wikipedia

Cosa fare una sera dopo cena:
Andate all'Opera di Santa Fe, a nord della città. Un teatro open air dove guardare il sole che tramonta tra le montagne di Jemez, a suon di Puccini e Verdi. Un'esperienza unica.

Foto by MR Wash

www.edelinelee.com


di Valentina Mariani / 22 Giugno 2017

CORNER

People collection

[People]

Il favoloso mondo di Constance

La designer francese ci racconta actio!, in scena a Parigi

interviste

[People]

Vittorio Gregotti in mostra

Una mostra al PAC per raccontare 60 anni di architettura

Mostre

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Architetto ad honorem

Laurea honoris causa per Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

costume

[People]

La community di Firenze

Martino di Napoli Rampolla e l'approccio collaborativo al design

interviste

[People]

Milano omaggia Anna Castelli

A CityLife a Milano una via è stata intitolata alla celebre architetto

Costume

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web