ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Grafica e design in Cina: un libro dello studio Lava

Dall’Agenzia Mobile alla Visual Identity della Design Week: i progetti grafici per la capitale cinese

Un occidentale a Pechino. Le radici dell’agenzia creativa Lava sono europee: fondata nel 1990 da Hans Wolbers a Amsterdam, nel 2010 ha ricevuto uno dei massimi riconoscimenti del settore, il premio European Design Agency of the Year. Tra i suoi clienti il Moscow Design Museum, la Biennale di Istanbul, il Ministero degli Esteri olandese. Nel 2013, la decisione di aprire una sede a Pechino. E nei due anni che sono seguiti, questa scelta si è dimostrata vincente. Al punto che oggi lo studio Lava non solo si è integrato perfettamente nella città, ma è arrivato a influenzare in maniera determinante la sua immagine.

Uno dei primi progetti cinesi di Lava è stato la Mobile Design Agency, realizzata in occasione della Beijing Design Week 2013. L’idea era dimostrare con immediatezza come sia possibile lavorare ovunque e con chiunque si dimostri interessato alle nuove proposte. Il team di Lava ha acquistato un sanlunche (veicolo a tre ruote locale), si è armato di computer portatili e formulari bilingue e ha cominciato a percorrere le strade di Dashilar (quartiere tradizionale composto da vicoli e cortili), in cerca di clienti che volessero un nuovo logo per la propria attività (gratuitamente). Questo primo atto ha fin da subito dichiarato un legame con il tessuto più fitto e complesso della città, e una volontà di intervenire graficamente sulla sua identità.

Lo spunto iniziale si è sviluppato, rimanendo fedele ai principi degli esordi. Con la stesso stile immediato e trasversale, lo studio Lava ha firmato le guide e le visual identity delle ultime due edizioni della BJDW. Nel 2015, per rappresentare le diverse aree di Pechino comprese nel programma della Design Week, la grafica si è moltiplicata e si è lavorato sulle singole identità locali, riunite in un secondo momento per identificare la città nel suo insieme.

Ma non è finita. Tra i tanti progetti firmati da studio Lava nella città di Pechino e in Cina, uno dei più interessanti è Data Alley, una ricerca sui dati che meglio rappresentano l’area tradizionale di Baitasi e i suoi hutong. Il lavoro è stato sviluppato fino a diventare un’esposizione e una pubblicazione. «Prima di cominciare a fare qualcosa, pensiamo sia importante conoscere il posto in cui si interviene. E tutto comincia camminando in giro e raccogliendo informazioni», spiega lo studio Lava. In questo modo Baitasi, quartiere significativo coinvolto dalla BJDW per la prima volta quest’anno, è stato interpretato con una serie di infografiche particolarmente efficaci che indagano demografia, architettura, ristoranti, mezzi di trasporto e tanti altri aspetti della zona.

www.lavabeijing.com
www.lava.nl
www.beijingdesignweek.org

 

LEGGI ANCHE:
Itinerario di Pechino
La BJDW nei distretti della città


di Annalisa Rosso / 22 Dicembre 2015

CORNER

People collection

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo l’arco di tre decenni, nel segno coerente della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

[People]

La natura guerriera di Simeti

L’artista in mostra alla galleria Francesca Minini di Milano

interviste

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web