ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

La Sicilia nell'architettura di Vincenzo Ignaccolo

Un'intervista per raccontare il profondo legame dell'architetto con la sua terra d'origine. E la genesi di un progetto a sud di Noto

Vincenzo Ignaccolo, architetto siciliano, vive e lavora a Milano. Crede in un’architettura che va oltre l’aspetto funzionale e che diventa espressione poetica e memoria storica, tra custodia del passato e visione del futuro.
Vincenzo, dopo gli studi al Politecnico di Milano, inizia la sua attività collaborando con Mario Bellini, che recentemente ha ricevuto il Premio Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana 2015. In seguito a varie esperienze e collaborazioni fonda VI+M studio dove, insieme al fratello Michele, spazia tra architettura e design, con la costante ricerca di un linguaggio sobrio e poetico. Gli abbiamo chiesto di raccontarci il suo progetto, una casa in campagna nei pressi di Vendicari. Un percorso alla riscoperta di un territorio dal grande fascino e della sua essenza aspra e infinitamente carica di odori e colori.

La Sicilia che ruolo ha nella tua vita e come è entrata a far parte del tuo progetto?
Sono nato e cresciuto nel sud estremo della Sicilia, un pezzo di terra dove la luce è accecante tutto l’anno. Cambiano solo le ombre: d’estate sono nette e aggressive, d’inverno lunghe e un po’ più accondiscendenti. Da quelle parti l’aria spesso sa di sale. È ritenuto del tutto normale ritrovarsi al mattino i balconi di casa sporchi di terra rossa: è la sabbia dei deserti del nord Africa che fa parte del paesaggio quasi quanto i fichi d’india e le agavi. L’orizzonte è la linea netta del mare, sempre. Il caldo ha l’odore delle canne secche e il suono delle cicale. Ecco, tutto questo è parte integrante del mio modo di essere, di esprimermi, di interpretare ogni cosa. Progettare e costruire ex-novo una casa proprio lì è stato emozionante. L’ho vissuto come una specie di viaggio attraverso gli archetipi del mio passato.

Qual è il filo conduttore che ti ha guidato?
L’architettura rurale locale. Le campagne intorno sono disseminate di costruzioni, spesso spontanee, molto affascinanti. Palmenti, piccole case rurali, fino a semplici capanni per gli attrezzi. Nessuna finitura di pregio, niente intagli o decori. La poesia è tutta nella semplicità dei volumi. Nei licheni attaccati ai muri. Nelle lastre di pietra calcarea segnate dal calpestio. Nell’intonaco delle facciate corroso dal vento. È da qui che sono partito.

Che rapporto hai con lo spazio?
Lo spazio è l’architettura in senso stretto. La materia serve per modellarlo, per renderlo leggibile. Ma la parte che fisicamente occupiamo, in cui ci muoviamo, è il vuoto, lo spazio appunto. Faccio sempre in modo che abbia un ruolo centrale nella genesi dei miei progetti, non voglio mai che sia il risultato casuale di altre scelte, è un errore in cui è molto facile cadere.

Come pensi che certe forme appartenenti alla tradizione possano essere reinterpretate in chiave contemporanea?
Guardando non solo al loro aspetto estetico/formale ma anche e soprattutto a quello poetico e suggestivo. Spesso, per esempio, alcune forme appartenenti alla tradizione sono legate a una funzione, a un gesto o ad una tecnica costruttiva oggi in disuso. Altre volte il fascino è dovuto semplicemente ai segni del tempo. Riprodurne fedelmente le sembianze allora diventa un esercizio sterile. Ma lavorare intorno alla loro poetica riportandola nel linguaggio contemporaneo può dare ottimi risultati.

Nella tua architettura e nel tuo design la natura è un elemento dominante. Come influenza il tuo modo di pensare?
L’architettura, per sua indole, è tendenzialmente statica. Mi piace molto che la natura entri a farne parte perché ha la forza di renderla mutevole. Una pianta, all’interno di uno spazio, ha la potenza di cambiare da sola la scena almeno per quattro volte l’anno, tante quante sono le stagioni. Così come può fare un vaso di fiori per un tavolo in un orizzonte temporale minore.

Come si può conciliare valore estetico con valore funzionale?
Puntando a fare una buona architettura. E imparando a memoria la lezione di Gio Ponti per cui «la funzionalità è un fatto implicito nelle architetture, mai un fine». L’architettura per funzionare del tutto deve essere bella. «Allora funziona per sempre: deve funzionare sul piano dell’arte». Ecco, questo è tutto quello che mi interessa dell’architettura.

Un ricordo della tua giovinezza.
La mia casa sull’albero (che non ho mai costruito). Ma quell’ulivo c’è ancora, forse un giorno la farò.

Un oggetto che ti rappresenta.
La Parentesi di Castiglioni. Sintesi perfetta. Dire che mi rappresenti è un po’ troppo, meglio dire che è per me un modello costante (come gran parte dell’opera di Castiglioni, d’altra parte).

Cosa ti piacerebbe progettare?
Una chiesa. Non sono credente, ma trovo estremamente affascinanti i luoghi di culto: rappresentano il lato più evocativo, intimo, mistico, solenne dell’architettura.

vi-mstudio.com

SCOPRI ANCHE:
Una casa a torre in Sicilia. In perfetta simbiosi con il paesaggio


di Marilena Pitino / 8 Febbraio 2016

CORNER

People collection

[People]

20 domande a Carlo Cracco

Il design visto dallo chef che ha appena aperto il suo ristorante

interviste

[People]

La star della decorazione

Stile e progetti dell'architetto francese Marion Duclos Mailaender

Costume

[People]

Gli eroi dimenticati

Gli strutturisti che danno forma alle città raccontati in un libro

libri di design

[People]

D1 Milano

Un orologio e una storia italiana raccontata da Dario Spallone

interviste

[People]

La storia di Alvar Aalto

La vita e gli aneddoti su una delle figure più amate dell'architettura

Maestri

[People]

L'amore secondo Nina

Nina and other little things, e la sua creatrice Eloise Morandi

Illustrazione

[People]

Anish Kapoor e il vuoto

Dai pigmenti puri al nero assoluto, dagli oggetti alle sculture

Maestri

[People]

Le nuove regole dello chic

Chi è Fabrizio Casiraghi, l'architetto che progetta in nome dell'eclettismo

Costume

[People]

Un famoso contemporaneo

Ritratto dell’architetto milanese Cino Zucchi

Maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali