ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Spot of Dots, lo Swatch secondo Alessandro Mendini

Un segno ludico e leggero, un total look a colori. Il guru del design italiano racconta la sua visione del tempo. E il suo ultimo modello per il brand

Incontrare Alessandro Mendini è tempo piacevolmente trascorso. Le lancette scorrono veloci in compagnia dell’architetto, artista e designer che negli anni ’70 ha teorizzato il design postmoderno. E che ha portato aria di rinnovamento anche nel mondo dell’orologeria. Mendini ha iniziato a collaborare con Swatch quando il marchio nato dall’acronimo Swiss + Watch aveva già compiuto la sua rivoluzione, svincolando l’orologio dal concetto di mera utilità per ridefinirlo in termini creativi. E introducendo il total look a colori, come il Maestro ci ha raccontato a Milano in occasione del lancio del suo nuovo modello Spot the Dot.

Il suo ultimo Swatch a maxi pois colorati sembra reinterpretare un segno a lei caro…
Deriva dalla pittura divisionista, che ho sempre trovato interessante. La scomposizione del colore è stata fonte di ispirazione per pezzi come la Poltrona Proust. I puntini rappresentano una forma di smaterializzazione. Li ricompongo come tessere di mosaico o come pattern a pois.

Che cosa ha significato per lei, nel 1989, disegnare il primo orologio per il brand?
L’esperienza compiuta nell’ambito del design con il gruppo Memphis ha facilitato l’approccio con un marchio d’orologi che si era dato un’identità molto vicina a quel mondo, alla sua vocazione sperimentale, all’uso dirompente del colore. Il primo orologio, Metroscape, è nato sull’onda di queste suggestioni creative.

Dall’orologio allo spazio espositivo. Lavorare con il marchio svizzero si configura come progetto globale?
Direi proprio di sì: tra gli anni ’80 e i ’90, quando collaboravo con l’azienda come direttore dello SwatchLab, non ci si occupava solo del prodotto, ma dell’immagine a tutto campo: eventi, punti vendita… Inizialmente con riferimenti ai meccanismi, in seguito al colore.

Tempo e cromie, elementi che convivono casualmente o in precisa sincronia?
I colori sono legati al ciclo giorno-notte: la luce li esalta, il buio li cancella, sono sensibili al tempo che trascorre. E poi dall’alba al tramonto si evolvono con infinite sfumature: cambiamenti che segnano la successione di minuti e ore. 

SCOPRI ANCHE:
Una selezione di orologi uomo per scegliere il regalo per lui
 I migliori smartwatch di lusso, hi-tech ed esclusivi: non solo Apple
→ Konstantin Grcic disegna il suo primo orologio Rado Ceramica
→ Cartier, un orologio da polso dal design esclusivo
→ Gli orologi in legno di AB Aeterno


di Paolo De Vecchi / 2 Dicembre 2016

CORNER

People collection

[People]

20 domande a Carlo Cracco

Il design visto dallo chef che ha appena aperto il suo ristorante a Milano

interviste

[People]

La star della decorazione

Stile e progetti dell'architetto francese Marion Duclos Mailaender

Costume

[People]

Gli eroi dimenticati

Gli strutturisti che danno forma alle città raccontati in un libro

libri di design

[People]

D1 Milano

Un orologio e una storia italiana raccontata da Dario Spallone

interviste

[People]

La storia di Alvar Aalto

La vita e gli aneddoti su una delle figure più amate dell'architettura

Maestri

[People]

L'amore secondo Nina

Nina and other little things, e la sua creatrice Eloise Morandi

Illustrazione

[People]

Anish Kapoor e il vuoto

Dai pigmenti puri al nero assoluto, dagli oggetti alle sculture

Maestri

[People]

Le nuove regole dello chic

Chi è Fabrizio Casiraghi, l'architetto che progetta in nome dell'eclettismo

Costume

[People]

Un famoso contemporaneo

Ritratto dell’architetto milanese Cino Zucchi

Maestri

Hearst Magazines Italia

©2018 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web | Comunicato tariffe politiche elettorali