ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Tel Aviv: cosa vedere nella città israeliana

La coppia di designer Raw Edges ci racconta i luoghi del cuore in una top 10 di location imperdibili

tel-aviv-cosa-vedere-by-raw-edges

Cosa vedere a Tel Aviv? Il duo Raw Edges ci accompagna alla scoperta di 10 luoghi imperdibili della città israeliana

Cosa vedere a Tel Aviv? I suggerimenti arrivano da una delle coppie più gettonate nel mondo del design contemporaneo. Stiamo parlando dei Raw Edges: il loro nome l'abbiamo sentito parecchio negli ultimi anni, grazie ai curiosi progetti con i quali hanno ormai dato via a un loro brand riconoscibile, tra mobili, installazioni, e prodotti che esprimono in maniera curiosa la loro idea di gioco e di legame con i colori e l'infanzia.

Le loro idee di energia e di illusione, decisamente provocatorie, hanno sempre lo scopo di far emergere il bambino che è in ognuno di noi. E ci riescono davvero bene, dato che parecchi dei loro lavori sono stati acquisiti per le collezioni permanenti nei grandi musei internazionali, tra cui il MoMA di New-York. Per non parlare delle illustri collaborazioni, per marchi come Louis Vuitton, Stella McCartney, Airbnb, Moroso, Kvadrat, Mutina, Golran, Cappellini e Caesarstone, solo per citarne alcuni.

Yael e Shay non si fermano mai, e quando gli chiediamo cosa li ispira nel loro lavoro creativo, tornano nostalgicamente a ricordare la loro città del cuore, in cui ora ci accompagnano in un viaggio di 3 giorni. Alla scoperta della magica Tel Aviv.

Il luogo perfetto in cui fare colazione: Ali Karavan, al n.1 di Ha' Dolfin Street, a Jaffa. Vale la pena provare i dolci locali preparati artigianalmente. Hanno un sapore indimenticabile.

E per pranzo? Da Miznon, su King George St 30. La carne di kebab qui è imperdibile, ma è ottimo anche per i vegetariani, che adoreranno l'hummus, la ratatouille e il cavolfiore alla brace.

Un cinema. Il Lev Dizengoff Cinema, su Dizengoff St 50, con una programmazione di pellicole di autori israeliani da scorpire.

Un teatro. Il Suzanne Dellal, al Suzanne Dellal Center, su Yehieli St 5. Da non perdere le performance di danza contemporanea del gruppo di ballerini Kolben.

Dove fare shopping a Tel Aviv? Al negozio The Third Ear, su King George St. 48, dove è possibile comprare i più rari e ricercati DVD e CD musicali.

Una bella spiaggia dove passeggiare. La Beach Frishman Beach, è suggestiva anche di notte.

Un museo da non perdere. Il Museum of the History of Tel Aviv, a Bialik Square. Una vera gemma per chi conosce poco di questo magnifico Paese e vuole saperne di più.

Cosa fare la sera? Per una cena informale e un drink il nostro posto preferito è HaMinzar, su Alenby St 60.

Uno scorcio da immortalare e fissare nei ricordi. Lo splendido Yarkon Park, da vedere anche di notte, per una passeggiata romantica a piedi o un giro in barca.

E infine, dove dormire. Noi siamo grandi fan di Airbnb. L'ideale per chi viene in visita sarebbe passare la notte in un appartamento in stile bauhaus, coloratissimo e dall'atmosfera tipica israeliana tipo questo:

www.airbnb.co.uk/rooms/


di Valentina Mariani / 28 Febbraio 2017

CORNER

People collection

[People]

Il favoloso mondo di Constance

La designer francese ci racconta actio!, in scena a Parigi

interviste

[People]

Vittorio Gregotti in mostra

Una mostra al PAC per raccontare 60 anni di architettura

Mostre

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Architetto ad honorem

Laurea honoris causa per Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

costume

[People]

La community di Firenze

Martino di Napoli Rampolla e l'approccio collaborativo al design

interviste

[People]

Milano omaggia Anna Castelli

A CityLife a Milano una via è stata intitolata alla celebre architetto

Costume

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web