ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Il vintage contemporaneo di The Chic Fish

Anna Carbone e Giovanni Gennari raccontano l'evoluzione del magazine online fondato nel 2011 e diventato oggi trendsetter

Il magazine di vintage contemporaneo The Chic Fish, nato nel 2011 dalla passione di Anna Carbone e Giovanni Gennari, è divenuto oggi trendsetter dello stile Contemporary Vintage.
La coppia di professionisti, legata anche nel privato, ha appena lanciato un online shop all’interno del sito web oltre a uno studio creativo incentrato sulle discipline di graphic & web design, fotografia, interior & set design, e che propone servizi di consulenza per tutti coloro, clienti e brand, interessati ad accedere a questa particolare dimensione di stile e di immagine.

Giovanni ed Anna, il magazine The Chic Fish è divenuto punto di riferimento del Contemporary Vintage in Italia: qual è il segreto del suo successo editoriale?
La coerenza e la ricerca. Fin dal primo giorno abbiamo sempre approcciato il blog come un lavoro vero, mai con la leggerezza di un passatempo. Abbiamo identificato uno stile ben preciso, il Contemporary Vintage, un’estetica che presuppone una ricerca raffinata, contaminazioni che combinano tradizione ed innovazione, stile vintage e atmosfere contemporanee. Col passare del tempo, la nostra sensibilità ed esperienza si sono arricchite, ma senza mai andare fuori tema e definendo sempre più in profondità questa particolare estetica. Questo aspetto di forte ricerca e coerenza è molto apprezzato dal nostro pubblico, che trova sempre risposte puntuali rispetto alle aspettative e crea un’alta percezione di qualità e credibilità.

Come nasce l’idea di uno studio creativo, uno spazio fisico parallelo, e di uno shop online dedicato in affiancamento al magazine?
Lo studio nasce come una naturale evoluzione del blog: da più di dieci anni ci occupiamo di comunicazione ed art direction. The Chic Fish fu aperto per pura passione, la buona risposta del pubblico e la nostra voglia di metterci più in gioco ci fa trovare oggi nella fortunata condizione di coniugare la passione alla professione. Un’unica entità, all’interno della quale fare ricerca e sviluppare progetti. L’idea dello shop deriva, invece, dai nostri viaggi, attraverso i quali scopriamo sempre piccole novità e ci imbattiamo in chi, come noi, fa tutto questo per passione. È un piccolo ma molto preciso negozio online, coerente nella sua offerta. Niente a che vedere con un magazzino di prodotti per tutti i gusti, ma una vetrina dedicata esclusivamente a prodotti di oggi, con il sapore e l’artigianalità di un tempo.

Da dove nasce il vostro approccio al Contemporary Vintage?
Nasce in primo luogo da una passione per il vintage in senso ampio: dal design alla moda, passando attraverso bistrot e mercatini. Ma anche dai viaggi, e dal desiderio di rielaborare tutto ciò che di vintage troviamo in contesti non propriamente retrò. In questo modo, diamo una seconda vita ad oggetti, come soprammobili e pezzi di arredamento, rendendoli estremamente moderni ed attuali. Il lavoro consiste soprattutto nel prendere il bello che c’è nel vintage e renderlo contemporaneo.

Quali oggetti e dettagli del vostro quotidiano rimandano a questa precisa scelta di stile?
Quasi tutto, non a caso abbiamo deciso di fare una casa-studio, un cabinet de curiosités frutto dei nostri viaggi e delle nostre ricerche, un luogo in cui ogni angolo racconta una sua storia e dove ogni oggetto è espressione dell’estetica contemporary vintage che amici e clienti che ci vengono a trovare possono vivere in prima persona.

Quali sono i requisiti per riconoscere un’estetica Contemporary Vintage?
Non ci sono requisiti, oggi tutto si trasforma, in generale possiamo dire che deve essere qualcosa di retrò ben contestualizzato o trasformato in qualcosa di contemporaneo ed attuale.

Quali consigli e suggerimenti potete offrire a chi vorrebbe arredare la propria casa con questa estetica?
Consideriamo la casa come un luogo sacro, inteso come un posto in cui esprimere le proprie emozioni e sensazioni, raccontandosi attraverso oggetti ed ambienti. Per questo arredarla è un atto molto intimo e profondo e come tale va fatto senza fretta, pensando bene a come siamo e a come vogliamo raccontarci. La ricerca degli oggetti, che passa tra designer, artigiani e mercatini, è divertente e delicata, e quando si parla di oggetti retrò spesso bisogna scegliere tra estetica o funzionalità. Quindi il consiglio è di farlo con il cuore e con pazienza.

THE CHIC FISH
Nato nel 2011 come magazine online di riferimento per lo stile Contemporary Vintage, The Chic Fish amplia i propri orizzonti proponendosi nel 2015 come studio creativo e online shop. La mission dei fondatori Giovanni Gennari e Anna Carbone mira a diffondere questa sensibilità estetica alle discipline di graphic & web design, fotografia, interior & set design offrendo servizi e proposte esclusive ai propri clienti. Ciascun utente potrà, inoltre, scoprire ed appassionarsi all’estetica Contemporary Vintage attraverso un online shop dedicato che comprende un’accurata selezione di brand indipendenti.

SCOPRI ANCHE:
→ Intervista all'americana ideatrice del blog Design Milk
Il direttore di Yatzer.com racconta la sua storia di successo
Intervista alla fondatrice del sito web My Scandinavian Home

 


di Elisa Fiocchi / 11 Dicembre 2015

CORNER

People collection

[People]

Se l'orologio è minimal

Due chiacchiere con Kuchar Swara, fondatore del brand inglese Sekford

interviste

[People]

L’ora a pois

Un percorso creativo lungo 30 anni, nel segno della sperimentazione

Natale

[People]

Cambio di rotta

Da interni minimal a case soft: il tessuto torna protagonista della casa

interviste

[People]

Il capitalismo di Schumacher

Zaha Hadid Architects contro il libertarismo di Patrik Schumacher

costume

[People]

Esplosione creativa

Maarten Baas, il designer che intreccia discipline e idee

interviste

[People]

Progettare la ricostruzione

Dopo il terremoto di agosto, la parola a Carlo Ratti e Kengo Kuma

interviste

[People]

Intervista con Tom Dixon

Da New York e Los Angeles, alla conquista dell’America

interviste

[People]

Lindsey Adelman: luci a NY

Intervista con la designer che ha conquistato l’Europa

Interviste

[People]

Intervista a Mr. Riedel

Il design per il vino secondo il Ceo dell'azienda austriaca

Collezioni per la tavola

Hearst Magazines Italia

©2016 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web