ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Stai pensando di visitare Beirut? Ecco la guida per te, con un'accompagnatrice d'eccezione

Insieme a Tania Fares alla scoperta della sua città del cuore, con tanti indirizzi segreti

vistare-beirut-con-tania-fares

Tutti gli indirizzi di Tania Fares, alla scoperta di Beirut. Tra boutique, ottimi ristoranti, teatri e quartieri da non perdere. 

Se vi trovate nella città più affascinante del Libano o se state programmando di vistare Beirut a breve e siete alla ricerca di indirizzi segreti per scoprire la città, questa guida fa al caso vostro. Tra boutique di design, ristoranti tipici e teatri antichi, ecco tutti gli indirizzi suggeriti da Tania Fares.

Un posto per fare colazione o un brunch veloce:
Da Eat Sunshine, un bar nel quartiere di Monot. Qui potrete assaggiare frutta e verdura locale, oltre al super food in arrivo da tutto il mondo.

Due boutique dove comprare oggetti di design:
Orient 499, che oltre ad essere una boutique è anche un atelier, che vende originalissimi oggetti di design fatti a mano. In materia di stile ce n'è per tutti i gusti: dal vintage all'antiquariato all'ultramoderno. È presente anche una vasta gamma di vestiti realizzati Libano, Siria, Turchia, Egitto, Marocco.

www.orient499.com

Poi c'è Bokja, un grazioso showroom che si trova nella Beirut Downtown, più precisamente nel Villaggio Saifi Village nel cuore del Quartier Des Arts. Qui, troverete tutto quello che cercavate in ambito di arredamento per la casa, dai mobili ai piccoli oggetti per la vita quotidiana.

www.bokjadesign.com

Dove andare a rilassarsi:

Al Tonic Beach Bar, sulla spiaggia White Beach. L'atmosfera è paradisiaca, e il locale è decorato magnificamente. È il luogo perfetto per rilassarsi dopo il lavoro, incontrare gli amici o celebrare un'occasione speciale.

Un ristorante per il pranzo:
Da Tawlet, al n. 12 di Rue Naher. Un ristorante con ottimo cibo tradizionale libanese, preparato in casa dalle donne del paese. Gli interni del ristorante sono adorabili: semplici ma a loro modo artistici.
 

Foto di Farah Yaktine

Una passeggiata alla scoperta della città:
A Zaytouna Bay, la nuova destinazione dedicata all'intrattenimento in città. Si trova nella parte di Beirut Marina e c'è un po' di tutto. Una ventina di ristoranti e bar, alcuni negozi e una palestra. È accessibile al pubblico ed è possibile passeggiare sia nella parte alta che in quella bassa. Quest'area ospita spesso mostre, eventi, concerti, ed è un luogo che si adatta davvero alle esigenze di tutti.

 

Dove andare a divertirsi:
Alla Music Hall, uno degli indirizzi più in voga per fare festa a Beirut. L'intrattenimento è fantastico, e varia da spettacoli in musica libanese a performance a respiro più internazionale. L'atmosfera è magica, probabilmente perchè in questo luogo si incontrano culture diverse sotto un unico tetto. È un must se vi trovate in città, e non potete perderlo.

www.themusichall.com

Un ristorante elegante per cena:
Il Casablanca, su Rue Dar El Mreisseh. Un ristorante dagli interni ultramoderni ospitato all'interno di una villa antica con vista mare. L'ambiente è rilassante e il cibo è una fusione tra quello occidentale e quello orientale, in continua sperimentazione. L'aragosta è assolutamente da provare.

Un teatro:

Due. Il Monnot Theatre, un teatro privato che è anche il principale centro culturale del Libano dal 1997. Ogni anno, ospita circa 60 performance di artisti in arrivo da tutto il mondo.

Poi, il Metro Al Madina Theatre, il posto perfetto se vi piace il cabaret e se volete passare una serata diversa dal solito, alla scoperta dell'arte dell'intrattenimento libanese. Gli spettacoli sono davvero unici, realizzati da artisti locali. Non ve ne pentirete.

metromadina.com

 

I designer di Beirut da seguire:

Sarah Baydoun, fondatrice di Sarah's bag, le cui collezioni sono a supporto delle donne con difficoltà economiche e che sono state in carcere. Jessica Khoureiry Achkar, fondatrice del brand di moda femminile JessicaK. Poi Macle, un collettivo di gioiellieri, per chi ama oro, diamanti e gemme coloratissime.

Se siete interessati a scoprire nuovi nomi, consiglio di seguire House of Today. Un'organizzazione no-profit che identifica e connette i più talentuosi designer libanesi emergenti con il resto del mondo, al fine di diffondere la cultura del nostro Paese.

www.houseoftoday.com

Un quartiere da non perdere:

Mar Mikhaël, un'area residenziale e commerciale, nel distretto di Achrafieh, piena di piccoli bar, ristoranti, gallerie d'arte, panettieri e negozi.

Tania Fares, collezionista e filantropa vive e lavora a Londra. Di origini franco-libanesi, ha passato la sua infanzia a Beirut per poi trasferirsi prima a Parigi e poi a Londra, dove ha fondato il BFC Fashion Trust.

L'organizzazione, interamente no-profit, ha l'obiettivo di sostenere ogni anno i migliori talenti emergenti del mondo della moda che si trovano a Londra, attraverso donazioni di privati.

Fino ad oggi, sono stati supportati stilisti come Roksanda Ilincic, Mary Katrantzou, Marques Almeida, Emilia Wickstead, Holly Fulton, Hillier Bartley, Palmer/Harding, Huishan Zhang, solo per citarne alcuni. Recentemente, Tania Fares ha pubblicato il libro “London Uprising 50 designers One City” insieme a Sarah Mower. 


di Valentina Mariani / 31 Maggio 2017

CORNER

People collection

[People]

Curve celebri

Zaha Hadid, la linea fluida tra design e architettura

Zaha Hadid

[People]

Innamorarsi degli errori

Intervista a Fala Atelier, lo studio più ottimista di Oporto

interviste

[People]

French touch

Philippe Starck e la rivoluzione francese nel design

costume

[People]

Io ballo da sola

Maddalena Casadei: una designer a Milano

interviste

[People]

A contatto con l'argilla

Istinto e un corso di 6 settimane: la storia di Jacqueline Klassen e la ceramica

interviste

[People]

La casa più fotografata di L.A.

James Goldstein racconta la Sheats–Goldstein Residence

costume

[People]

WIT, l'intervista

Sette domande agli architetti di Barcellona

costume

[People]

Il riad della principessa

Letizia Ruspoli ci racconta la sua casa e i segreti di Marrakech

interviste

[People]

7 domande a Paolo Errico

Il mondo dello stilista che rilancerà un noto marchio del passato

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web