ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Visitare Stoccolma, tips e segreti dei Form Us With Love

In occasione della Design Week il collettivo svedese ci racconta il lato più bello della città, con gli indirizzi da scoprire e i motivi per amarla

Dici visitare Stoccolma e pensi ai Form Us With Love. Il collettivo di designer che quest’anno compie 11 anni sta facendo molto parlare di sé. In Italia il loro lavoro è esposto a Roma, al Maxxi, nella mostra Local Icons. Urban landscapes / North-South, (3-26 febbraio) a cura di Domitilla Dardi e Giulio Cappellini. E per la Stockholm Design Week (6-12 febbraio), hanno organizzato Prototypa: una tre giorni di talk, mostre e workshop aperta a tutti, con ospiti come lo studio Big-Game) dedicata alla trasformazione delle idee in qualcosa di fisico. Perché, dicono: “siamo nel business dell’esplorazione del futuro”.

Ma non solo. Durante la design week di Stoccolma i FUWL saranno presenti a numerosi eventi, tra cui le presentazioni della collezione di ceramica Trace per Tilemark e del TID Cabinet per TID. E hanno curato diverse esposizioni: Swedish Design Moves al Tessin Palace, la Young Designer Hall presso la fiera Greenhouse, Innovators at Heart al Bolon Lab Store.

Abbiamo parlato con John Löfgren, uno dei fondatori di FUWL, della città e di cosa vedere a Stoccolma. E gli abbiamo chiesto qualche suggerimento per questi giorni in cui tutto il mondo del design si dà appuntamento qui.

Perché avete scelto Stoccolma per il vostro quartier generale?
Avremmo potuto andare un po’ ovunque in Europa. Ma a Stoccolma abbiamo molti contatti, qui converge tutta la scena del design svedese, e questo è stato decisivo per la scelta. In più, è una bellissima città dove vivere.

Com’è l’atmosfera durante i giorni della Stockholm Design Week?
Stoccolma a febbraio può essere dura: un posto freddo, buio e innevato. Ma questi aspetti contribuiscono a rendere la nostra design week qualcosa di unico. Sono parte dell’attrattiva. Grazie alle dimensioni contenute, qui ci sono vibrazioni intime, familiari. Una scenografia calda e curiosa per il design.

Da dove trai ispirazione in città?
Soprattutto dal facile accesso alla cultura, dagli amici e dai familiari. Oltre che dalla natura. 

Parlaci della vostra sede. 
Il nostro studio è a Vasastaden, nella parte nord di Stoccolma. È un open space con un workshop e grandi finestre, con accesso diretto sulla strada da una parte e dall’altra un cortile appartato con un sacco di verde. 

Cosa ami particolarmente di questa città?
La sua accessibilità! È facile andare in giro. E l’impressione che la natura sia sempre presente, in tutte le diverse stagioni.

Qualche suggerimento per visitare Stoccolma?
Fare una passeggiata sull'isola di Djurgården, per allontanarsi dalla sensazione della città. Anche se si trova a soli 10 minuti a piedi dal centro. Poi andare per pranzo o per cena al Fotografiska museum, dopo aver visto una delle sue belle esposizioni. E infine il bar del Lydmar Hotel per un drink.

Qualcosa da non perdere assolutamente durante la Design Week?
Bisogna fare un salto da noi in ufficio, per salutarci e partecipare a Prototypa! E di certo non vanno persi la fiera e i più piccoli showroom in giro per la città.

www.formuswithlove.se

SCOPRI ANCHE:
La cucina Ikea di bottiglie di plastica riciclate
Visitare Stoccolma, cosa fare e dove dormire
Stockholm Furniture fair 2017: gli appuntamenti da non perdere


di Annalisa Rosso / 6 Febbraio 2017

CORNER

People collection

[People]

Il favoloso mondo di Constance

La designer francese ci racconta actio!, in scena a Parigi

interviste

[People]

Vittorio Gregotti in mostra

Una mostra al PAC per raccontare 60 anni di architettura

Mostre

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Architetto ad honorem

Laurea honoris causa per Paolo Baratta, presidente della Biennale di Venezia

costume

[People]

La community di Firenze

Martino di Napoli Rampolla e l'approccio collaborativo al design

interviste

[People]

Milano omaggia Anna Castelli

A CityLife a Milano una via è stata intitolata alla celebre architetto

Costume

[People]

Le regole del nomadismo

Vivere con poche cose, che invecchiano bene e raccontano storie

travel

[People]

James Stewart Polshek

L'architetto umanista che ha appena vinto l'AIA Gold Medal 2018

premi

[People]

La prima della Scala

La scenografa Margherita Palli ci racconta Andrea Chénier

Interviste

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web