ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

Elle Decor Italia

Zaha Hadid, la Dama delle linee fluide, e l'opinabilità della matematica

Archistar e designer scomparsa prematuramente un anno fa, Hadid ha lasciato il suo segno inconfondibile in giro per il mondo

zaha-hadid-zaha-hadid-architects-zaha-hadid-mania
© Christopher Pillitz

La donna dell'architettura, Zaha Hadid, ci lasciava a 65 anni poco più di un anno fa. Ma i suoi progetti hanno impresso un segno indelebile nelle metropoli del mondo intero, e il suo studio continua a firmare edifici e collezioni di design, portando avanti la contemporaneità del suo decostruttivismo

Se n'è andata poco più di un anno fa Zaha Hadid, la Dama dell'architettura, la regina del design che ci ha mostrato l'eleganza della curva.  Il mondo la piange e le sue creazioni sono sempre più apprezzate dal pubblico e dagli addetti ai lavori, tanto che qualcuno parla di Zaha Hadid mania. Eppure lo stile dell'archistar irachena naturalizzata britannica non nasceva certo per compiacere. Non è un caso che anche i suoi progetti figurassero tra quelli esposti alla celebre mostra organizzata nel 1988 da Philip Johnson al MOMA di New York, Deconstructivist Architecture. I suoi edifici, come quelli di Rem Koolhaas, Frank O. Gehry, Daniel Libeskind e Bernard Tschumi de-costruivano i diktat del razionalismo e del postmodernismo dell’epoca.

Cittadina del mondo, a neppure 30 anni aveva già vissuto in tre paesi e due continenti. Dopo la laurea in matematica a Beirut, scelse l'architettura ma soprattutto una città, Londra, che divenne il suo pied-à-terre e la sede dello studio Zaha Hadid Architects, oggi animato da più di 200 architetti.  Il Regno Unito l'ha ripagata con la cittadinanza e due onorificenze: Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 2002 e Dama di Commenda dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 2012. Titoli che si aggiungono ai prestigiosissimi premi vinti nella sua lunga carriera, stroncata prematuramente da un infarto. Come la medaglia d’oro del Royal Institute of British Architects o il Pritzker Architecture Prize, il Nobel dell'architettura, che solo due donne hanno conquistato: Kazuyo Sejima e appunto Zaha Hadid.

LA MATEMATICA IN ARCHITETTURA

Vincitrice di molte competizioni internazionali, Zaha Hadid ha firmato progetti in tutto il mondo. Dal London Acquatics Centre al Centro per l’Arte Contemporanea Rosenthal negli Stati Uniti, dalla stazione funicolare di Innsbruck alla Guangzhou Opera House in Cina, dall'Heydar Aliyev Cultural Center di Baku (foto sotto) allo Chanel Mobile Art Pavilion, un progetto itinerante che ha toccato alcune delle metropoli più importanti tra Oriente e Occidente (scoprite di più → Zaha Hadid, omaggio alla dama dell'architettura).

© Hufton+Crow

Segno distintivo sono le forme fluide e aerodinamiche, a volte più oblique o spigolose, a volte più arrotondate, eredità importante per gli architetti contemporanei (scoprite di più → Da Zaha Hadid a Frank O.Gehry, ecco le architetture fluide delle archistar). "Le linee fluide (dichiarò lei stessa una volta) non sono altro che l’adattamento della forma a un nuovo concetto di spazio più dinamico, flessibile e alternativo. Una prospettiva geometrica multipla e frammentata, che rivela l’opinabilità dei numeri e delle formule".

© www

Ma forse soprattutto un linguaggio organico e multi-prospettico capace di integrarsi con l'ambiente circostante. Come dimostra l'hotel progettato da Zaha Hadid Architects nello Yucatan, sulla Riviera Maya: un perfetto esempio di bioarchitettura (scoprite di più → Bioarchitettura? L'esempio perfetto si trova nello Yucatan).

L'ITALIA DI ZAHA HADID

È in Italia l'ultima realizzazione architettonica firmata dall'archistar: il terminal marittimo di Salerno, inaugurato nel 2016. Un tripudio di linee flessuose in ferro, vetro e cemento che unisce idealmente e fisicamente la terra al mare.

© Zaha Hadid Architects

Poco distante, a Napoli, c'è invece la controversa stazione TAV Afragola: isolato nella campagna campana, pare un elegante pitone albino incantato dal suono di qualche tammorra.

© Courtesy Fondazione MAXXI

Questa e altre strutture rivoluzionarie sono celebrate in questi giorni e fino al 14 gennaio 2018 al MAXXI di Roma, nella mostra L'Italia di Zaha Hadid (scoprite di più → In mostra a Roma L'Italia di Zaha Hadid).

IL SENSO DI ZAHA PER IL DESIGN

Ma Zaha Hadid non è solo architettura: sono rinomati anche i suoi oggetti di design progettati con alcuni dei più importanti brand di arredamento e di moda. L'archistar ha vestito ogni ambiente della casa, dalla cucina al living, e tra le ultime collezioni c'è l'arredo bagno Vitae (foto sotto), in collaborazione con Noken e Porcelanosa: una celebrazione dell'acqua, che "grazie al suo movimento dà vita alle sue creazioni più spettacolari”  (scoprite di più → L'arredo bagno del futuro nella linea Vitae di Zaha Hadid per Porcelanosa).

Le sue inconfondibili linee sinuose si sono poi trasformate in esclusivi accessori per donna. Dai gioielli realizzati assieme al brand danese Georg Jensen (scoprite di più →  Il segno inconfondibile di Zaha Hadid si trasforma in un gioiello) fino alle borsette clutch di Perrin Paris, le sue preferite (scoprite di più → Sai quali erano le borsette clutch preferite di Zaha Hadid?).

Perché, nella fertile fantasia di uno dei più grandi talenti del nostro secolo, la creatività non ha confini. E le curve, celebrazione istintiva della figura femminile, diventano con la medesima spontaneità spazi da vivere e sculture da indossare. 

www.zaha-hadid.com


di Alessandra D'Angelo / 8 Agosto 2017

CORNER

People collection

[People]

Radio Cino

12 brani "d'architettura" direttamente dall’iPod di Cino Zucchi

Costume

[People]

Innamorarsi degli errori

Intervista a Fala Atelier, lo studio più ottimista di Oporto

interviste

[People]

French touch

Philippe Starck e la rivoluzione francese nel design

costume

[People]

Io ballo da sola

Maddalena Casadei: una designer a Milano

interviste

[People]

A contatto con l'argilla

Istinto e un corso di 6 settimane: la storia di Jacqueline Klassen e la ceramica

interviste

[People]

La casa più fotografata di L.A.

James Goldstein racconta la Sheats–Goldstein Residence

costume

[People]

WIT, l'intervista

Sette domande agli architetti di Barcellona

costume

[People]

Il riad della principessa

Letizia Ruspoli ci racconta la sua casa e i segreti di Marrakech

interviste

[People]

7 domande a Paolo Errico

Il mondo dello stilista che rilancerà un noto marchio del passato

moda e design

Hearst Magazines Italia

©2017 HEARST MAGAZINES ITALIA SPA - RIPRODUZIONE RISERVATA - P. IVA 12212110154 | VIA ROBERTO BRACCO, 6, 20159, MILANO – ITALY

Pubblicità | Link utili | Cookies policy | privacy policy siti web